HomeSaluteLa rapamicina rallenta l'invecchiamento e riduce le malattie legate all'età

La rapamicina rallenta l’invecchiamento e riduce le malattie legate all’età

 Un approccio che ha dimostrato di rallentare il processo di invecchiamento è la restrizione dietetica, ma la nuova ricerca della Linus Pauling Institute presso la Oregon State University aiuta a spiegare l’azione della rapamicina farmaco che sembra imitare quel processo.

La rapamicina, un antibiotico e immunosoppressori approvato per l’uso circa 15 anni fa, ha suscitato un grande interesse per la sua apparente capacità – almeno in test su animali di laboratorio – di emulare la capacità della restrizione dietetica per aiutare gli animali a vivere sia più lungo che più sani.

Tuttavia, questo farmaco ha alcuni svantaggi, tra cui un aumento della resistenza all’insulina, che potrebbe gettare le basi per il diabete. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista The Journals of Gerontology.

- Advertisement -

Essi suggeriscono che una combinazione di rapamicina e un altro farmaco che compensa tale aumento della resistenza all’insulina, può fornire i benefici di questo farmaco senza l’effetto collaterale indesiderato.

Viviana Perez, un professore assistente presso il Dipartimento di Biochimica e Biofisica all’ OSU College of Science, spiega:.

“Il nuovo composto potrebbe fornire un modo non solo per aumentare la durata della vita, ma per affrontare alcune malattie legate all’età e migliorare la salute generale”.

Malattie legate all’età comprendono molte delle malattie degenerative che colpiscono miliardi di persone in tutto il mondo e sono tra le principali cause di morte: malattie cardiovascolari, diabete, morbo di Alzheimer e il cancro.

- Advertisement -

Topi di laboratorio che hanno ricevuto la rapamicina hanno ridotto il declino età-dipendente, hanno dimostrato più energia, una migliore cognizione e salute cardiovascolare, sono vissuti molto più a lungo rispetto ai topi alimentati con una dieta normale e hanno dimostrato un minor rischio di ammalarsi di cancro..

La rapamicina, scoperta nei terreni dell’ Isola di Pasqua e conosciuta come Rapa Nui nel Sud Pacifico, è usata principalmente come immunosoppressore per prevenire il rigetto di organi e tessuti. Negli ultimi anni si è anche osservato che essa può funzionare come un metabolica “segnalatore” che inibisce un percorso biologico trovato in quasi tutte le forme di vita più elevate.

Chiamato mTOR nei mammiferi o”bersaglio della rapamicina nei mammiferi”, questo percorso ha un valore evolutivo critico. Il target della rapamicina nei mammiferi, meglio noto con il nome di mTOR, funge da interruttore di attivazione e inibizione per la riproduzione cellulare, coordinando sinergicamente nutrienti e fattori ormonali.
In modalità ON, le cellule crescono di dimensioni e di numero grazie all’attivazione della proteina p70s6k; quando è spento, si innescano processi di catabolismo che vanno a fronteggiare la mancanza di nutrienti per la sopravvivenza dell’organismo.

“La restrizione dietetica è uno dei pochi interventi che inibisce questo mTOR”, ha detto Perez. «E una dieta ristretta in animali da laboratorio ha dimostrato di aumentare la loro durata di vita di circa il 25-30 per cento. Gruppi umani che assumono meno calorie, come ad esempio alcune culture asiatiche, vivono più a lungo”.

E’ stato accertato che un altro modo per attivare questo percorso è con la rapamicina, che sembra avere un impatto significativo anche se usato tardi nella vita. Alcuni studi clinici sono già in corso esplorare questo potenziale.

Un grande svantaggio per uso a lungo termine della rapamicina, tuttavia, è l’aumento nella resistenza all’insulina, osservata sia negli esseri umani che negli animali da laboratorio. La nuova ricerca ha scoperto perché questo accade. Si pensa che sia la restrizione dietetica che la rapamicin,a inibiscano la sintesi lipidica.

La rapamicina, promuove un accumulo di acidi grassi e infine un aumento della resistenza all’insulina, che nell’uomo può portare al diabete. Tuttavia, il farmaco metformina può rispondere a questa preoccupazione, ed è già prescritto ad alcuni pazienti diabetici per aumentare l’ossidazione dei lipidi. Nelle prove di laboratorio, l’uso combinato di rapamicina e metformina ha impedito l’effetto collaterale indesiderato.

” L’uso combinato di metformina e rapamicina per il trattamento di invecchiamento e le malattie età-associate nell’uomo, è possibile”, hanno scritto i ricercatori nel loro conclusione.

Questo lavoro è stato sostenuto dal National Institutes of Health. Collaboratori inclusi ricercatori della Oklahoma University Health Science Center, Oklahoma City VA Medical Center, University of Michigan-Flint, e South Texas Veterans Health Care System.

Fonte

  1. The Journals of Gerontology Serie A: Scienze Biologiche e Scienze Mediche , 2014; DOI: 10.1093/gerona/glu053

 

ULTIMI ARTICOLI

Melanoma: un peptide ritarda la crescita

(Melanoma-Immagini in fase time-lapse di cellule di melanoma B16F10-Nex2 trattate con Rb4 e Scr-Rb4. (A) I pannelli sono campi rappresentativi delle cellule B16F10-Nex2 dopo il...

Mounjaro approvato per il controllo della glicemia nel diabete di tipo 2

(Mounjaro-Immagine Credit Public Domain). "L'iniezione di Mounjaro (tirzepatide) è stata approvata come aggiunta alla dieta e all'esercizio fisico per migliorare il controllo della glicemia negli...

Prevenire l’aterosclerosi, causa di malattie cardiache

(Aterosclerosi-Immagine Credit Istituto La Jolla per l'immunologia). Prevenire l'aterosclerosi, la causa alla base delle malattie cardiache, significa che gli scienziati devono capire come le cellule...

Monkeypox diventa globale: perché gli scienziati sono in allerta

(Monkeypox-Immagine Credit Agenzia per la sicurezza sanitaria/biblioteca scientifica del Regno Unito). Gli scienziati stanno cercando di capire perché Monkeypox, un parente meno letale del vaiolo,...

Compresse di iodio potrebbero aiutare in caso di guerra nucleare?

(Iodio-Immagine Credit Public Domain). Il mondo è cambiato il 24 febbraio 2022. L'attacco della Russia all'Ucraina ha segnato la più grande guerra che l'Europa abbia...