HomeMedicina AlternativaProdotti naturali: ricca fonte di composti antivirali

Prodotti naturali: ricca fonte di composti antivirali

(Composti antivirali-Immagine Credit Public Domain).

Le infezioni virali sono responsabili di numerose malattie croniche e acute sia nell’uomo che negli animali. Nonostante gli incredibili progressi nella medicina umana, diverse malattie virali, come la sindrome da immunodeficienza acquisita, le sindromi respiratorie e l’epatite, sono ancora associate ad alti tassi di morbilità e mortalità negli esseri umani. I prodotti naturali di piante o altri organismi sono una ricca fonte di composti antivirali chimici strutturalmente nuovi, inclusi gli antivirali. Infatti, nella medicina tradizionale, molte condizioni patologiche sono state trattate utilizzando medicinali di origine vegetale. Pertanto, l’identificazione di nuovi agenti antivirali alternativi è di fondamentale importanza. In questa recensione, vengono proposti nuovi fitochimici con attività antivirale contro i virus umani e la loro potenziale applicazione nel trattamento o nella prevenzione delle malattie virali.

Un numero crescente di studi ha dimostrato gli effetti benefici dei piccoli composti organici di origine vegetale, denominati metaboliti secondari. La maggior parte dei composti di origine vegetale possiede un grande potenziale nelle applicazioni terapeutiche per malattie croniche, processi degenerativi, cancerogenesi e attività antivirale. È stato scoperto che un’ampia varietà di sostanze fitochimiche attive, tra cui cumarine, flavonoidi, terpenoidi, composti organosulfur, lignani, polifenoli, saponine, proteine ​​e peptidi influenzano le funzioni cellulari, la permeabilità della membrana e la replicazione virale. Pertanto, la farmacoterapia a base naturale può essere una valida alternativa per il trattamento delle malattie virali. I farmaci antivirali possono essere classificati in base alla loro natura chimica o alla loro attività contro le proteine ​​virali o le proteine ​​ospiti cellulari. In particolare, l’attività antivirale può essere esercitata in base alla loro capacità di inibire l’ingresso virale, la sintesi di DNA virale e RNA, nonché la riproduzione virale. 
Le differenze nella struttura virale e nel ciclo di replicazione sono cruciali per la progettazione di qualsiasi farmaco antivirale. I virus avvolti possiedono membrane a doppio strato lipidico ed entrano nelle loro cellule ospiti per fusione tra la membrana plasmatica e l’involucro virale. D’altra parte, i virus senza involucro entrano nel citosol tramite meccanismi endocitici o penetrando direttamente nella membrana plasmatica. È probabile che la presenza o l’assenza di un involucro virale svolga un ruolo significativo nell’efficacia (o nella sua mancanza) del virucida, poiché la superficie membranosa esterna del virus è ciò che crea il primo contatto con l’antivirale. Inoltre, gli antivirali naturali mirati all’ospite, che modulano le funzioni biologiche cellulari, possono offrire un’attività antivirale ad ampio spettro, fenomeni di resistenza ridotta, ma maggiore probabilità di tossicità. L’attività antivirale di un’ampia gamma di metaboliti secondari e sostanze fitochimiche può essere stabilita attraverso una varietà di saggi biologici, comunemente usati per testare la citotossicità, l’effetto citopatico e la capacità di bloccare la diffusione virale delle cellule, limitando e / o combattendo la diffusione virale.È stato riferito che i fitochimici, come cumarine, flavonoidi, terpenoidi, composti organosulfur, lignani, polifenoli, saponine, proteine ​​e peptidi influenzano le funzioni cellulari, la permeabilità della membrana e la replicazione virale, bersagli significativi che generalmente ottengono un’efficacia antivirale di successo.

Composti naturali contro i virus a DNA

Virus dell’epatite B (HBV), virus dell’herpes simplex (HSV-1) e virus del papilloma umano (HPV)

- Advertisement -

È noto che l’HBV infetta il fegato e causa infiammazione acuta e cronica negli epatociti. I revisori hanno presentato nove composti naturali contro il virus dell’epatite B (HBV), insieme agli obiettivi antivirali. Questi composti naturali mirano e inibiscono l’ingresso virale, la replicazione e la maturazione delle particelle di HBV. Alcuni di questi prendono di mira anche fattori cellulari dell’ospite come potenziare i ROS sopprimendo l’espressione della superossido dismutasi di manganese (SOD2), inibire la trascrizione del gene HBV X (HBx) attraverso una via mediata da p53 o attivare tramite g NF-κB (nucleare fattore kappa B) via di segnalazione.

Allo stesso modo, contro l’HSV-1, che causa infezioni orali e genitali ed è altamente diffuso, ci sono dei composti antivirali naturali. Curcuma, pistacchio, aloe vera, conifere e mandorle sono alcune delle piante che sono fonti del composto antivirale naturale contro HSV-1. I polifenoli degli estratti naturali e di erbe sono segnalati come composti antitumorali potenti e sicuri. Gli HPV sono virus a trasmissione sessuale, che infettano circa l’80% della popolazione sessualmente attiva e sono anche associati al cancro cervicale. Il prodotto naturale sottoregola l’espressione degli oncogeni, previene l’ingresso virale, promuove l’apoptosi e inibisce i fattori trascrizionali cellulari. I revisori hanno tabulato le fonti naturali interessanti e i composti attivi contro i diversi HPV.

Contro gli adenovirus, solo due farmaci antivirali, Ribavirina e Cidofovir, sono attualmente utilizzati nella terapia anti-adenovirale. La resistenza ai farmaci ha spinto la ricerca verso nuove strade. I paesi asiatici come Cina, India e Taiwan utilizzano le piante medicinali come fonte primaria di farmaci antivirali. I revisori hanno tabulato oltre 15 antivirali naturali contro gli adenovirus.

Vedi anche:Identificati composti che bloccano la replicazione di SARS-CoV-2

Composti naturali contro i virus a RNA

- Advertisement -

Virus dell’immunodeficienza umana (HIV), virus dell’influenza, virus dell’epatite C, picornavirus, Norovirus

I revisori hanno riassunto oltre 50 composti naturali che agiscono contro i virus a RNA. L’azione riportata dei composti antivirali è generalmente: 1) come inibitori critici (all’ingresso virale, maturazione, replicazione), 2) per bloccare la fosforilazione di ERK (ROS) -dipendente, 3) come inibitori dell’emoagglutinina, 4) soppressione dell’attività dell’elicasi , 5) per indirizzare i fattori cellulari dell’ospite, o 6) ridurre la replicazione del genoma.

Composti naturali contro virus emergenti e riemergenti

Coronavirus, flavivirus, togavirus, filovirus

Discutendo i coronavirus sulla scia della pandemia COVID-19 (malattia da coronavirus 2019), i revisori hanno riassunto i composti naturali che prendono di mira specificamente le proteine ​​virali, la traduzione dell’mRNA o mostrano un’attività ad ampio spettro (curcumina). “La glicoproteina spike rappresenta il target terapeutico di composti naturali come l’emodina estratto da Rheum officinalis, ginsenoside-Rb1 estratto da Panax ginseng, secomet-V estratto da trifoglio africano e tetra-O-galloil-β-D-glucosio estratto da Galla chinensis a SARS-CoV, saikosaponina B2 estratta da Bupleurum chinense a HCoV-229E”.

I flavivirus sono virus a RNA a filamento singolo avvolti che vengono trasmessi da zanzare o zecche (trasmessi da artropodi). Questi sono agenti patogeni importanti come il virus Zika (ZIKV), il virus Dengue (DENV), il virus della febbre gialla (YFV), il virus dell’encefalite giapponese (JEV) e il virus del Nilo occidentale (WNV). Il virus Chikungunya (CHIKV) è anche un alfavirus trasmesso dalle zanzare appartenente alla famiglia Togaviridaeì. Il virus Ebola (EBOV) è tra i virus più patogeni; provoca focolai di febbre emorragica virale in Africa, con tassi di mortalità nei casi umani fino al 90%. Il virus EBOV appartiene alla famiglia dei Filoviridae . Finora nessun vaccino o farmaco è stato approvato. Composti come epigallocatechina gallato (dal tè verde), rutina, quercetina e acido ellagico, i flavonoidi baicaleina, fisetina e quercetagetina, berberina, rocaglate silvestrol (isolato dalla pianta di Aglaia), galattomannani, estratti acquosi di Azadirachta indica , eugenolo -anisaldeide, ecc. sono alcuni degli antivirali naturali riassunti contro questi virus epidemici. “Sebbene un gran numero di composti naturali siano stati isolati dalle piante medicinali, solo pochi sono stati commercializzati come prodotti farmaceutici. Pertanto, un’ulteriore caratterizzazione dei composti attivi sarà utile nel trattamento delle infezioni virali e nella gestione delle epidemie pandemiche”.

Fonte: Viruses

ULTIMI ARTICOLI

Melanomi uveali: non sempre sono innocui

(Melanomi uveali- Immagine Credit Public Domain). Un nuovo articolo dei ricercatori della Liverpool University dimostra che i piccoli melanomi uveali (intraoculari) non sono sempre innocui,...

Melanoma: individuato nuovo obiettivo farmacologico

(Melanoma-immagine Credit Public Domain). Nonostante rappresenti solo l'1% circa dei tumori della pelle, il melanoma causa la maggior parte dei decessi correlati al cancro della...

Glaucoma: vitamina B3 possibile trattamento

(Glaucoma-Immagine Credit Public Domain). Il glaucoma comporta un alto rischio di perdere la vista. I ricercatori del Karolinska Institutet e del St. Erik Eye Hospital, tra...

Disturbo bipolare: 64 regioni del genoma aumentano il rischio

(Disturbo Bipolare-Immagine Credit Public Domain). Nel più grande studio genetico sul disturbo bipolare fino ad oggi, i ricercatori hanno identificato 64 regioni del genoma contenenti...

Cancro al seno: come diventa aggressivo

(Cancro al seno-Immagine Credit dominio pubblico Unsplash / CC0). I ricercatori del Baylor College of Medicine hanno seguito la progressione del cancro al seno in...