Primo passo verso il trattamento dell’endometriosi

endometriosi

I ricercatori della Northwestern Medicine hanno fatto il primo passo nella bioingegneria dell’utero umano per trattare l’endometriosi, l’infertilità e il cancro dell’endometrio.

Lo studio è il primo a dimostrare che cellule staminali pluripotenti indotte umane (iPS) possono essere riprogrammate per diventare cellule uterine sane per potenziale posizionamento nell’utero. 

Ricavate dalle cellule disponibili di una persona, le cellule iPS possono potenzialmente essere manipolate per correggere i difetti all’interno di altre cellule che causano malattie. Le cellule sane sono quindi ottimali per un auto-trapianto che non verrà rifiutato dal sistema immunitario della persona.

Lo studio è stato pubblicato il 1 novembre nella rivista Stem Cell Reports.

L’endometrio è il rivestimento interno dell’utero. L’endometriosi, causata da una retrocompatibilità delle cellule endometriali anormali sugli organi addominali inferiori, è una malattia ginecologica dolorosa e persistente che colpisce circa il 10% delle donne in età riproduttiva in tutto il mondo (circa 200 milioni di donne). Non ha un trattamento efficace a lungo termine e, in alcuni casi, la malattia può servire come precursore del cancro ovarico.

Le donne con cellule endometriali anormali possono sperimentare l’infertilità perché queste cellule endometriali difettose non sono ricettive a un embrione impiantante. Questo studio ha aperto la strada alla sostituzione di queste cellule endometriali difettose con quelle normali derivate dalla pelle o dal sangue di una donna.

“Questo studio è enorme, abbiamo aperto la strada al trattamento dell’endometriosi”, ha detto l’autore senior, il Dottor Serdar Bulun, che ha condotto ricerche sui trattamenti per l’endometriosi negli ultimi 25 anni. “Queste donne con endometriosi iniziano a soffrire della malattia in età molto precoce”.

Bulun è il Presidente del dipartimento di ostetricia e ginecologia della Northwestern University Feinberg School of Medicine e medico della Northwestern Medicine.

L’endometriosi si verifica quando le cellule endometriali nell’utero di una donna non rispondono ad una quantità adeguata di un ormone chiamato progesterone. Le cellule anormali, chiamate fibroblasti stromali endometriali difettosi  viaggiano attraverso le tube di Falloppio, quindi sui tessuti addominali inferiori e le ovaie. La crescita extrauterina del tessuto endometrio provoca gravi dolori pelvici, infertilità e sviluppo di aderenze e aumenta il rischio di cancro ovarico.

” Ora che questo studio ha dimostrato che queste cellule possono essere riprodotte e rispondere correttamente al progesterone, il passo successivo sarebbe quello di sostituire le cellule malate nell’utero con queste cellule uterine sane appena programmate”, ha detto Bulun.

Poiché i metodi di terapia cellulare continuano a migliorare, le cellule difettose che causano l’infiammazione e il dolore nella cavità uterina dei pazienti con endometriosi saranno sostituite con le cellule normalmente programmate, in futuro. In questo modo, il dolore verrebbe eliminato a lungo termine. Inoltre, l’endometrio di nuova formazione normale sarebbe più ricettivo per un embrione impiantante.

“Un giorno speriamo di creare un intero utero utilizzando questo trattamento basato sulle cellule che impiega le cellule iPS del paziente“, ha detto Bulun.

Il trapianto uterino è stato provato, ma il più grande ostacolo al successo è stato il rifiuto dell’utero di qualcun altro attraverso la risposta immunitaria del paziente. Questo problema potrebbe essere risolto se un intero utero può essere bioingegnato popolando un’impalcatura con le cellule iPS del paziente riprogrammate per formare un utero“, Bulun.

Il Dr. Kaoru Miyazaki della Northwestern ha condotto gli esperimenti chiave per questo studio. Sia Bulun che Miyazaki si sono consultati o con il co-autore, il Dr. Tetsuo Maruyama della Keio University di Tokyo, in Giappone.

Fonte, NorthWestern Now

Altri articoli su endometriosi