Scoperta nuova protezione contro lo stress ossidativo

stress ossidativo

Gli scienziati della FAU hanno scoperto una nuova protezione contro lo stress ossidativo che causa, almeno in parte, invecchiamento e una bassa aspettativa di vita.

Un gruppo di ricercatori guidati dal Prof. Dr. Ivana Ivanovi-Burmazovi della Cattedra di Chimica Bioinorganica presso la Friedrich-Alexander-Universität Erlangen-Nürnberg (FAU), insieme a ricercatori statunitensi, hanno scoperto che lo zinco può attivare una molecola organica che aiuta a proteggere dallo stress ossidativo.

Lo zinco è un minerale traccia di cui abbiamo bisogno per rimanere sani. Ricercatori della FAU che collaborano con il Prof. Dr. Christian Goldsmith della Auburn University, Alabama, USA, hanno scoperto che lo zinco può proteggere dal superossido responsabile dello stress ossidativo se assunto insieme ad un componente presente in alimenti come vino, caffè, tè e cioccolato.

(Vedi anche: Il colesterolo alto innesca stress ossidativo mitocondriale che porta all’ osteoartrite)

Questo componente è un gruppo idrochinone presente nei polifenoli, in altre parole le sostanze vegetali responsabili dell’olfatto e del gusto. Lo zinco attiva i gruppi idrochinonici, producendo una protezione naturale contro il superossido, un sottoprodotto della respirazione delle cellule umane che danneggia le biomolecole del corpo, ad esempio proteine ​​o lipidi, nonché il genoma umano. 

Si ritiene che il superossido abbia un ruolo nel processo di invecchiamento e in una serie di malattie come l’infiammazione.

Nuovo complesso metallico contro il superossido

L’idrochinone da solo non è in grado di distruggere il superossido. Se si combinano zinco e idrochinone, tuttavia, viene creato un complesso metallico che imita un enzima superossido dismutasi (SOD). Questi enzimi proteggono il corpo dai processi di degradazione causati dall’ossidazione e hanno un effetto antiossidante. In questo modo, il superossido può essere metabolizzato, il danno all’organismo viene prevenuto e lo stress ossidativo viene evitato.

Per la prima volta, la funzione di questo enzima è stata copiata senza ritornare ai metalli di transizione attivi redox come manganese, ferro, rame o nichel. Anche se i metalli possono anche avere un effetto antiossidante, qualsiasi effetto positivo viene rapidamente superato dal fatto che se vengono assunti in eccesso possono persino causare un aumento dello stress ossidativo. Lo zinco è molto meno tossico dei metalli di transizione menzionati sopra, rendendo possibile la creazione di nuovi farmaci o integratori con un numero considerevolmente minore di effetti collaterali.

Sarebbe anche plausibile aggiungere zinco al cibo che contiene idrochinone in modo naturale per aumentare la salute del consumatore. “È certamente possibile che vino, caffè, tè o cioccolato possano diventare disponibili in futuro con zinco aggiunto”.

Fonte, FAU news

Altri articoli su stress ossidativo