HomeSalutePrevenire l'aterosclerosi, causa di malattie cardiache

Prevenire l’aterosclerosi, causa di malattie cardiache

(Aterosclerosi-Immagine Credit Istituto La Jolla per l’immunologia).

Prevenire l’aterosclerosi, la causa alla base delle malattie cardiache, significa che gli scienziati devono capire come le cellule immunitarie guidano l’infiammazione nelle arterie.

La sfida è che i linfociti T coinvolti nell’aterosclerosi sono molto rari ed estremamente difficili da trovare nel flusso sanguigno. “Questo è un classico problema dell’ago nel pagliaio”, afferma il Professor Klaus Ley, MD del La Jolla Institute for Immunology (LJI)

- Advertisement -

Ma i linfociti T non possono nascondersi per sempre. In uno studio pubblicato di recente su Nature Cardiovascular Research, Ley e i suoi colleghi descrivono un gruppo di cellule T che attaccano una proteina chiamata apolipoproteina B (APOB).

L’APOB è il principale componente proteico del colesterolo LDL o colesterolo “cattivo”. Placche pericolose possono formarsi nelle arterie quando i livelli di LDL aumentano nel flusso sanguigno. Queste placche possono guidare l’infiammazione, bloccare il flusso sanguigno e persino rompersi per innescare ictus e attacchi di cuore.

Vedi anche:Aterosclerosi: nuova strategia per la prevenzione

Ley e i suoi colleghi hanno scoperto che i linfociti T che prendono di mira l’APOB possono contribuire all’infiammazione e favorire la progressione dell’aterosclerosi. In effetti, esperimenti di follow-up sui topi hanno mostrato che quando la malattia peggiora, un fenomeno chiamato “espansione” dei linfociti T porta a un numero sempre maggiore di questi linfociti T APOB-reattivi nel flusso sanguigno.

- Advertisement -

“Le cellule T specifiche per APOB diventano più aggressive una volta che la malattia è iniziata”, afferma Ley.

Il nuovo studio è il primo a descrivere i linfociti T coinvolti nell’aterosclerosi con un alto livello di dettaglio. Ley e i suoi colleghi hanno analizzato campioni di sangue di otto donne in una coorte diversificata di donne tra i 50 ei 60 anni (volontarie nello studio sull’HIV dell’Interagency delle donne finanziato dai NIH). 

Il team LJI ha collaborato con gli scienziati dell’Albert Einstein College of Medicine per analizzare attentamente più di 12.000 cellule T di questi pazienti utilizzando due tecniche all’avanguardia: sequenziamento dell’RNA unicellulare e sequenziamento del recettore delle cellule T. In questo enorme pool di cellule T, spiccavano 110 cellule e gli scienziati hanno scoperto che queste cellule erano in grado di prendere di mira l’APOB.

Mentre ingrandivano ulteriormente, i ricercatori hanno scoperto che le cellule T che prendono di mira APOB assomigliano a un tipo di cellula T chiamata cellula T regolatoria (Treg), che normalmente regola l’infiammazioneEppure questi linfociti T non si comportavano come le normali Treg. Sembra che questi nuovi linfociti T sviluppino una nuova identità con lo sviluppo di malattie cardiache.

Questo studio è una buona notizia per il futuro del trattamento delle malattie cardiache. Ley afferma che il rilevamento di queste cellule T può portare a una diagnostica per rilevare meglio le malattie cardiache e la gravità della malattia attraverso un campione di sangue . La conoscenza avvicina anche Ley allo sviluppo di un vaccino che smorza questa pericolosa attività delle cellule immunitarie per prevenire l’aterosclerosi.

Andando avanti, Ley prevede di esaminare un gruppo di pazienti più ampio che includa anche uomini con aterosclerosi. Spera di entrare in contatto con più pazienti con malattie cardiovascolari e lavorare con i loro medici per raccogliere piccoli campioni di sangue per la ricerca clinica. “Il fattore limitante in questo lavoro è l’accesso ai campioni dei pazienti”, afferma Ley.

Fonte:Nature Cardiovascular Research 

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...