HomeSaluteDiabetePrevenire il diabete con il digiuno intermittente

Prevenire il diabete con il digiuno intermittente

(Diabete/Digiuno intermittente-Immagine Credit Public Domain).

È noto che il digiuno intermittente migliora la sensibilità all’insulina, l’ormone ipoglicemizzante e protegge dal fegato grasso. Gli scienziati del Deutsches Zentrum fuer Diabetesforschung (DZD) hanno ora scoperto che i topi in regime di digiuno intermittente mostravano anche un grasso pancreatico inferiore. Nel loro attuale studio pubblicato sulla rivista Metabolism, i ricercatori hanno mostrato il meccanismo con cui il grasso pancreatico potrebbe contribuire allo sviluppo del diabete di tipo 2.

Il fegato grasso è stato studiato a fondo come una malattia nota e frequente. Tuttavia, si sa poco sull’accumulo di grasso indotto dal peso in eccesso nel pancreas e sui suoi effetti sull’insorgenza del diabete di tipo 2. Il team di ricerca guidato dalla Prof.ssa Annette Schürmann e dal Prof. Tim J. Schulz dell’Istituto tedesco di nutrizione umana (DIfE) ha ora scoperto che i topi in sovrappeso inclini al diabete hanno un elevato accumulo di cellule adipose nel pancreas. I topi resistenti al diabete a causa del loro patrimonio genetico nonostante l’eccesso di peso non avevano quasi nessun grasso nel pancreas, ma invece avevano depositi di grasso nel fegato. “Gli accumuli di grasso al di fuori del tessuto adiposo, ad esempio nel fegato, nei muscoli o persino nelle ossa, hanno un effetto negativo su questi organi e sull’intero corpo. Fino ad ora non è stato chiaro quale impatto abbiano le cellule adipose all’interno del pancreas”.

- Advertisement -

Il digiuno intermittente riduce il grasso pancreatico

Il team di scienziati ha diviso gli animali in sovrappeso, che erano inclini al diabete, in due gruppi: al primo gruppo è stato permesso di mangiare ad libitum – quanto volevano ogni volta che lo desideravano. Il secondo gruppo è stato sottoposto a un regime di digiuno intermittente: un giorno i roditori hanno ricevuto cibo illimitato e il giorno successivo non sono stati nutriti affatto. Dopo cinque settimane, i ricercatori hanno osservato differenze nel pancreas dei topi: cellule di grasso accumulate nel gruppo uno mentre gli animali del gruppo due, d’altra parte, avevano pochissimi depositi di grasso nel pancreas.

Vedi anche:Diabete: lo zinco la chiave per nuovi trattamenti

Gli adipociti pancreatici mediano l’ipersecrezione di insulina

- Advertisement -

Per scoprire come le cellule adipose potrebbero compromettere la funzione del pancreas, i ricercatori guidati da Schürmann e Schulz hanno isolato per la prima volta le cellule precursori degli adipociti dal pancreas dei topi e hanno permesso loro di differenziarsi in cellule adipose mature. Se le cellule adipose mature venivano successivamente coltivate insieme alle isole di Langerhans del pancreas, le cellule beta delle “isole” secernevano sempre più insulina. “Sospettiamo che l’aumento della secrezione di insulina faccia sì che le isole di Langerhans degli animali soggetti a diabete si esauriscano più rapidamente e, dopo qualche tempo, cessino completamente di funzionare. In questo modo, l’accumulo di grasso nel pancreas potrebbe contribuire allo sviluppo del tipo 2 diabete “, ha detto Schürmann.

Importanza del grasso pancreatico per la prevenzione del diabete

I dati attuali suggeriscono che non solo il grasso del fegato dovrebbe essere ridotto per prevenire il diabete di tipo 2. “In determinate condizioni genetiche, l’accumulo di grasso nel pancreas può svolgere un ruolo decisivo nello sviluppo del diabete di tipo 2”, ha detto Schulz, capo del Dipartimento per lo sviluppo e la nutrizione degli adipociti. Il digiuno intermittente potrebbe essere un promettente approccio terapeutico in futuro. I vantaggi: non è invasivo, si integra facilmente nella vita di tutti i giorni e non necessita di farmaci.

Digiuno intermittente

Il digiuno intermittente significa non mangiare in determinate fasce orarie. Tuttavia, l’acqua, il tè non zuccherato e il caffè nero sono consentiti tutto il giorno. A seconda del metodo, il digiuno dura tra le 16 e le 24 ore o, in alternativa, si consumano un massimo di 500-600 calorie in due giorni nell’arco di una settimana. La forma più nota di digiuno intermittente è il metodo 16: 8 che prevede il mangiare solo durante una finestra di otto ore durante il giorno e il digiuno per le restanti 16 ore. Un pasto, di solito la colazione, viene omesso.

Isolotti di Langerhans

Le isole di Langerhans sono accumuli simili a isole di cellule produttrici di ormoni nel pancreas. Un adulto sano ha circa un milione di isolotti di Langerhans. Ogni “isolotto” ha un diametro di 0,2-0,5 millimetri. Le cellule beta producono l’insulina ormonale ipoglicemizzante e costituiscono circa il 65-80 percento delle cellule delle isole. Quando i livelli di glucosio nel sangue sono elevati, queste secernono insulina nel flusso sanguigno in modo che i livelli siano nuovamente normalizzati.

Fonte:Metabolism

ULTIMI ARTICOLI

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un...

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...