HomeSalutePreeclampsia: un enzima potrebbe essere il principale motore

Preeclampsia: un enzima potrebbe essere il principale motore

(Preeclampsia-Immagine: come gli anticorpi APS inibiscono la migrazione del trofoblasto nella placenta del topo. Credito: UT Southwestern Medical Center).

Un nuovo studio degli scienziati della UT Southwestern indica che un enzima chiamato fosfatasi proteica 2 (PP2A) sembra essere un importante fattore di preeclampsia, una pericolosa complicanza della gravidanza caratterizzata dallo sviluppo di ipertensione e eccesso di proteine ​​nelle urine. La scoperta, pubblicata su  Circulation Research, potrebbe portare a nuovi trattamenti per la preeclampsia diversi dal parto prematuro che spesso è l’unica opzione.

“La preeclampsia è una causa purtroppo comune di parto prematuro, che può essere pericolosa per la vita dei bambini e portare a conseguenze per tutta la vita. Attraverso l’identificazione del ruolo della PP2A in questa condizione, potremmo essere in grado di sviluppare trattamenti per la preeclampsia che sono di gran lunga migliori sia per le madri che per i neonati”, ha affermato il leader dello studio Philip W. Shaul, MD, Prof. e vicePresidente per la ricerca presso il Dipartimento di pediatria dell’UTSW e Direttore del Centro di biologia polmonare e vascolare. Il Dr. Shaul ha co-diretto questo studio con Chieko Mineo, Ph.D., Professore di Pediatria e Biologia Cellulare.

- Advertisement -

La preeclampsia, che colpisce dal 5 al 7% delle donne incinte in tutto il mondo, può essere mortale per le madri in gestazione e i loro bambini e richiede un parto prematuro.

“Sebbene le cause della preeclampsia non siano ben comprese”, ha spiegato il Dott. Shaul, “i ricercatori hanno collegato la condizione a una varietà di fattori di rischio. Uno è una malattia autoimmune nota come sindrome antifosfolipidica (APS), in cui gli anticorpi reagiscono alle proteine ​​sulla superficie di alcune cellule. Sebbene l’APS sia relativamente rara e colpisca solo circa 5 persone ogni 100.000, gli studi hanno identificato gli anticorpi APS in circa il 29% delle donne in gravidanza con preeclampsia.

Per capire meglio come l’APS porti alla preeclampsia, il Dr. Shaul, il Dr. Mineo e i loro colleghi hanno creato un modello animale iniettando in topi gravidi anticorpi APS. Questi animali hanno sviluppato la pressione alta e un aumento delle proteine nelle urine, caratteristiche della preeclampsia. Al contrario, gli anticorpi APS non hanno influenzato la pressione sanguigna nei topi non gravidi.

Vedi anche:Un potenziale agente per il trattamento della preeclampsia

- Advertisement -

Sulla base del lavoro precedente, i ricercatori sapevano che una proteina chiamata ApoER2 potrebbe essere correlata alle azioni dannose degli anticorpi APS sulle cellule placentari chiamate trofoblasti. Queste cellule, che normalmente viaggiano dal lato fetale della placenta a quello materno per fornire al feto i nutrienti, non riescono a stabilire con successo tale connessione nella preeclampsia. Nei topi, gli anticorpi APS hanno impedito la migrazione dei trofoblasti e la crescita del feto è stata limitata. Quando i ricercatori hanno ingegnerizzato geneticamente topi senza ApoER2 nei trofoblasti, i feti si sono sviluppati normalmente nonostante il trattamento con anticorpi APS e le madri sono state protette dallo sviluppo della preeclampsia.

Ma gli scienziati sapevano che ApoER2 non raccontava tutta la storia. Hanno scoperto che in presenza degli anticorpi APS, ApoER2 innesca l’attività di PP2A, un enzima che regola le funzioni proteiche in tutto il corpo. Ulteriori esperimenti hanno mostrato che nei topi gravidi con anticorpi APS, l’intensificazione dell’attività in PP2A ha aumentato la produzione di trofoblasti, proteine ​​note per essere coinvolte nella preeclampsia.

Quando i ricercatori hanno somministrato ai topi gravidi un farmaco che inibisce PP2A, questi sono stati protetti dalla preeclampsia e il trattamento non ha avuto effetti dannosi apparenti sui topi o sui loro feti in gestazione.

Sperando di tradurre questi risultati nei pazienti umani, gli scienziati hanno esaminato le placente di donne con APS, scoprendo che anche loro avevano una maggiore attività di PP2A. Tuttavia, con una svolta sorprendente, hanno scoperto che rispetto alle placente di gravidanze normali, anche quelle di pazienti con preeclampsia senza APS avevano un’attività PP2A aumentata, suggerendo che questo meccanismo potrebbe funzionare in una varietà di forme di preeclampsia. “Con ulteriori ricerche”, ha affermato il Dott. Shaul, “i trattamenti mirati a PP2A o ai relativi meccanismi nel trofoblasto potrebbero alla fine essere trattamenti praticabili per la preeclampsia nelle donne in gravidanza”.

Fonte:Circulation Research

ULTIMI ARTICOLI

Paradosso biologico offre nuove intuizioni sul mistero del cancro

(Cancro-Immagine: Carlo Maley è ricercatore presso il Biodesign Center for Biocomputing, Security and Society presso l'Arizona State University.Credito: The Biodesign Institute presso l'Arizona State...

Malattie da prioni: come muoiono le cellule cerebrali

(Malattie da prioni-Immagine:neuroni cresciuti in coltura che esprimono una proteina prionica mutante (ciano) che causa malattie da prioni nell'uomo. Questi neuroni mostrano assoni rigonfi che...

Vaccinazione: cosa guida la scelta?

(Vaccinazione-Immagine: modello che collega le variabili di fondo non specifiche del COVID e quelle specifiche del COVID con i cambiamenti nell'intenzione di vaccinazione. Attestazione: PNAS). Nell'esaminare il...

Dolore cronico legato a differenze nella struttura cerebrale

Sapevi che la principale causa di disabilità nel mondo è il dolore cronico? Milioni e milioni di persone vivono la loro quotidianità segnata dal dolore. Non solo causa...

Malattia di von Hippel-Lindau: Belzutifan offre nuova speranza

(Malattia di von Hippel-Lindau-Immagine Credit Public Domain). I pazienti con malattia di von Hippel-Lindau, una condizione genetica causata da una mutazione nel gene VHL che...