HomeSaluteVirus e parassitiSARS-CoV-2: vitamina D e il lumisterolo potenziali trattamenti

SARS-CoV-2: vitamina D e il lumisterolo potenziali trattamenti

(SARS-CoV-2-Immagine Credit Public Domain).

Nuovi dati promettenti da un recente studio indicano che le forme attive di vitamina D possono inibire la replicazione e l’espansione di SARS-CoV-2. I risultati dello studio suggeriscono anche che il Lumisterolo, prodotto da una reazione chimica nel corpo che utilizza la luce, agisce per bloccare il COVID 19. I metaboliti della vitamina D e del lumisterolo sono stati in grado di bloccare due enzimi specifici (RdRP e Mrpo) necessari per il ciclo di vita di SARS-CoV-2, secondo il team di ricercatori dell’Università dell’Alabama a Birmingham, il Centro per la ricerca interdisciplinare nelle scienze di base a New Delhi, India e l’Università dell’Australia occidentale.

 Lo studio è pubblicato sull’American Journal of Physiology-Endocrinology and Metabolism ed è stato scelto come articolo APSselect per settembre.

- Advertisement -

Anthony Fauci, MD, Direttore dell’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive, ha suggerito nel settembre 2020 che la vitamina D potrebbe aiutare a combattere SARS-CoV-2. Ha anche stimato che il 40% della popolazione degli Stati Uniti è carente di vitamina D. Gli scienziati in questo nuovo studio sono stati in grado di dimostrare che i nuovi e fisiologicamente rilevanti derivati ​​della vitamina D e del lumisterolo “agiscono su più bersagli, suggerendo che potrebbero essere efficaci contro i ceppi originali e mutanti di SARS-CoV-2. Altri benefici della vitamina D citati dai ricercatori includono il suo basso costo e il facile accesso”. Andrzej T. Slominski, MD, Ph.D., autore senior dello studio, ha descritto il lumisterolo come un prodotto naturale.

Vedi anche:SARS-CoV-2: scoperta una porta nascosta

Credito: American Physiological Society

Una volta assunta, la vitamina D viene metabolizzata in varie forme attive da enzimi chiamati citocromo ossidasi o enzimi CYP. I ricercatori di questo studio affermano che i loro risultati aiutano a spiegare un possibile meccanismo per cui bassi livelli di vitamina D sembrano promuovere l’infezione da SARS-CoV-2 e gli scarsi risultati in alcuni individui. Ciò è correlato ad altri studi che mostrano una relazione tra carenza di vitamina D e scarsi esiti della malattia. Sono previsti ulteriori studi e sperimentazioni cliniche per testare l’efficacia della vitamina D e del lumisterolo come terapia antivirale per SARS-CoV-2 negli animali e nell’uomo.

- Advertisement -

Astratto:

Spiegano gli autori:

“La carenza di vitamina D è significativamente correlata con la gravità dell’infezione da SARS-CoV-2. Gli studi di screening virtuale basati sul docking molecolare prevedono che la nuova vitamina D e i relativi idrossimetaboliti del lumisterolo sono in grado di legarsi ai siti attivi di due enzimi del macchinario di trascrizione SARS-CoV-2 con elevata affinità. Questi enzimi sono la principale proteasi (M pro ) e l’RNA polimerasi RNA-dipendente (RdRP), che svolgono ruoli importanti nella replicazione virale e nell’instaurazione dell’infezione. Sulla base delle affinità di legame previste e delle interazioni specifiche, abbiamo identificato 10 analoghi della vitamina D3 (D3) e del lumisterolo (L3) come probabili partner di legame di SARS-CoV-2 M proe RdRP e, quind testato la loro capacità di inibire questi enzimi. Le misurazioni dell’attività hanno dimostrato che 25(OH)L3, 24(OH)L3 e 20(OH)7DHC sono i più efficaci tra gli idrossimetaboliti testati nell’inibire l’attività di SARS-CoV-2 causando un’inibizione del 10%-19%. Questi stessi derivati ​​così come altri idrossilumisteroli e metaboliti dell’idrossivitamina D3 hanno inibito la RdRP del 50%-60%. Pertanto, l’inibizione di questi enzimi da parte dei metaboliti della vitamina D e del lumisterolo può fornire un nuovo approccio per ostacolare l’infezione da SARS-CoV-2“.

Fonte:  American Journal of Physiology-Endocrinology and Metabolism 

ULTIMI ARTICOLI

Paradosso biologico offre nuove intuizioni sul mistero del cancro

(Cancro-Immagine: Carlo Maley è ricercatore presso il Biodesign Center for Biocomputing, Security and Society presso l'Arizona State University.Credito: The Biodesign Institute presso l'Arizona State...

Malattie da prioni: come muoiono le cellule cerebrali

(Malattie da prioni-Immagine:neuroni cresciuti in coltura che esprimono una proteina prionica mutante (ciano) che causa malattie da prioni nell'uomo. Questi neuroni mostrano assoni rigonfi che...

Vaccinazione: cosa guida la scelta?

(Vaccinazione-Immagine: modello che collega le variabili di fondo non specifiche del COVID e quelle specifiche del COVID con i cambiamenti nell'intenzione di vaccinazione. Attestazione: PNAS). Nell'esaminare il...

Dolore cronico legato a differenze nella struttura cerebrale

Sapevi che la principale causa di disabilità nel mondo è il dolore cronico? Milioni e milioni di persone vivono la loro quotidianità segnata dal dolore. Non solo causa...

Malattia di von Hippel-Lindau: Belzutifan offre nuova speranza

(Malattia di von Hippel-Lindau-Immagine Credit Public Domain). I pazienti con malattia di von Hippel-Lindau, una condizione genetica causata da una mutazione nel gene VHL che...