Potenziale nuovo trattamento per prevenire il disturbo post-traumatico da stress

0
7

La ricerca condotta dal Center for Addiction and Mental Health (CAMH) e pubblicata sul Journal of Clinical Investigation, indica la scoperta rivoluzionaria di un nuovo potenziale trattamento e prevenzione per il disturbo post-traumatico da stress (PTSD).

Il team di ricerca, guidato dal Dr. Fang Liu, Senior Scientist e Head of Molecular Neuroscience presso il CAMH’s Campbell Family Mental Health Research Institute e Professore e co-Direttore della Divisione di Neuroscienze e Traduzione Clinica, Dipartimento di Psichiatria dell’Università di Toronto, ha recentemente identificato un complesso proteico elevato nei pazienti con PTSD. I ricercatori hanno anche sviluppato un peptide per colpire e distruggere il complesso proteico. Hanno scoperto che il peptide ha impedito il richiamo o la codifica dei ricordi di paura nei primi test. Ciò suggerisce che il peptide potrebbe trattare i sintomi del PTSD o prevenirli del tutto.

Vedi anche, Disturbo post traumatico da stress, identificato nuovo gene collegato

“La scoperta del complesso proteico Glucocorticoid Receptor-FKBP51 fornisce una nuova comprensione dei meccanismi molecolari alla base del disturbo post-traumatico da stress“, ha affermato il Dott. Liu. “Riteniamo che questo complesso proteico normalmente aumenti dopo un grave stress, ma nella maggior parte dei casi i livelli tornano presto ai livelli basali. Tuttavia, in coloro che sviluppano il disturbo post-traumatico da stress, il complesso proteico rimane persistentemente elevato e quindi potrebbe essere un biomarcatore del disturbo oltre ad essere un bersaglio per il trattamento farmacologico. Inoltre, il peptide che abbiamo sviluppato potrebbe essere somministrato dopo un evento traumatico e potrebbe impedire al paziente di sviluppare il disturbo post-traumatico da stress. Questo è un approccio completamente nuovo al PTSD e disturbi psichiatrici in generale“.

Il disturbo si verifica in alcune persone dopo aver vissuto o assistito a eventi traumatici. I pazienti possono soffrire di debilitanti flashback, incubi e ansia che possono avere un forte impatto sulla qualità della loro vita. Al momento non esistono test diagnostici di laboratorio per PTSD e i trattamenti esistenti hanno un’efficacia limitata. Secondo un recente studio pubblicato sul British Journal of Psychiatry, il Canada ha la più alta prevalenza di PTSD tra 24 paesi esaminati e il 9,2% dei canadesi svilupperà il PTSD nella loro vita.

“Siamo entusiasti che questa scoperta guidata da CAMH possa potenzialmente aiutare milioni di persone a lasciarsi alle spalle un trauma”, ha aggiunto il Dott. Liu.

Fonte, Medicalxpress