Disturbo post traumatico da stress: la cannabis allevia i sintomi

disturbo post traumatico da stress

Immagine, regioni del cervello associate a stress e disturbo post-traumatico da stress. Credito: National Institutes of Health.

Una nuova ricerca suggerisce che la cannabis potrebbe aiutare a far fronte agli effetti del disturbo post traumatico da stress (PTSD).

In un’analisi dei dati dell’indagine sulla salute raccolti da Statistics Canada da oltre 24.000 canadesi, i ricercatori del BC Center on Substance Use (BCCSU) e della University of British Columbia (UBC) hanno scoperto che le persone con disturbo post traumatico da stress hanno  più probabilità di soffrire di grave depressione e avere pensieri suicidi rispetto a quelle che hanno segnalato l’uso di cannabis nell’ultimo anno.

Lo studio, pubblicato oggi sul Journal of Psychopharmacology, è il primo a documentare le relazioni tra PTSD, uso di cannabis e gravi esiti di salute mentale in un campione rappresentativo della popolazione.

“Sappiamo che con opzioni terapeutiche limitate per il trattamento del PTSD, molti pazienti possono iniziare a curarsi con la cannabis per alleviare i loro sintomi”, afferma l’autore principale dello studio Stephanie Lake, assistente di ricerca presso il BCCSU e Ph.D. candidato alla UBC. Tuttavia, questa è la prima volta che i risultati di un sondaggio rappresentativo a livello nazionale hanno mostrato i potenziali benefici del trattamento del disturbo con la cannabis”.

Vedi anche, Disturbo post traumatico da stress, identificato nuovo gene collegato.

I dati sono stati ottenuti dall’indagine canadese sulla salute della Comunità canadese del 2012 in Canada, Salute mentale (CCHS-MH), che ha arruolato canadesi di età pari o superiore a 15 anni. Tra 24.089 intervistati, 420 hanno riportato una diagnosi clinica attuale di PTSD. In totale, 106 persone con PTSD, ovvero il 28,2%, hanno riferito di aver consumato cannabis l’anno precedente, rispetto all’11,2% di quelle senza PTSD.

I ricercatori hanno scoperto che il disturbo post traumatico da stress era significativamente associato a un recente episodio depressivo maggiore e all’idea suicidaria tra le persone che non usavano la cannabis. In particolare, i ricercatori che hanno scoperto che i non consumatori di cannabis con PTSD avevano circa sette volte più probabilità di aver avuto un recente episodio depressivo maggiore e 4,7 volte più probabilità di avere pensieri suicidi rispetto ai non consumatori di cannabis senza PTSD.

Tra gli intervistati che usavano la cannabis, i pazienti con  PTSD non sono stati associati a un recente episodio depressivo o idea suicida. Oltre un quarto dei canadesi con PTSD ha riportato un consumo di cannabis dell’anno precedente che è notevolmente elevato rispetto alla prevalenza di un uso recente nella popolazione canadese generale (stimata all’11,4 per cento nel presente studio).

Le persone esposte a traumi, compresi i sopravvissuti a lesioni acute, conflitti, violenza e disastri, soffrono di depressione, pensieri di suicidio e disturbi da uso di sostanze a tassi sproporzionatamente elevati rispetto alla popolazione generale. Si stima che il Canada abbia uno dei più alti tassi di prevalenza di PTSD in tutto il mondo che colpisce circa il 9,2 per cento della popolazione.

“Stiamo solo iniziando a capire quale potrebbe essere il potenziale terapeutico della cannabis per una varietà di condizioni di salute”, afferma l’autore senior Dr. MJ Milloy, ricercatore presso BCCSU e Canopy Growth Professor of Cannabis Science presso UBC. Questi risultati sono promettenti e meritano ulteriori studi al fine di comprendere appieno i benefici della cannabis per le persone che vivono con PTSD“.

Fonte, Journal of Psychopharmacology (2019)


Altri articoli su disturbo post traumatico da stress