Aumenta l’immunità polmonare dopo un’ infezione

0
7

Immagine, Credit: CC0 Public Domain 

Un nuovo studio ha dimostrato che l’immunità polmonare aumenta dopo una infezione risolta, ma solo per un periodo di tempo limitato.

La forza del sistema immunitario in risposta alle infezioni respiratorie è in continua evoluzione, a seconda della storia di precedenti infezioni non correlate, secondo la ricerca del The Francis Crick Institute.

Esistono due tipi di immunità alle infezioni. L’immunità adattativa fornisce “memoria” immunitaria, consentendo una risposta immunologica rapida e forte quando si riscontra la stessa malattia più di una volta. Al contrario, l’immunità innata fornisce una prima linea di difesa ampia e meno specifica contro tutti i patogeni ed è vitale per controllare le infezioni che il corpo non ha mai sperimentato in precedenza.

Lo studio, pubblicato su Nature Immunology, ha scoperto che dopo il recupero da un’infezione respiratoria, particolari cellule del sistema immunitario innato nel polmone sono più efficaci, offrendo una protezione aggiuntiva contro le nuove infezioni nelle settimane successive. In particolare, i ricercatori hanno scoperto che i topi trattati con il virus dell’influenza avevano significativamente meno probabilità di contrarre un’infezione batterica completamente diversa un mese dopo.

Vedi anche, Antiossidante naturale aiuta a migliorare le terapie basate sul sistema immunitario

Questa immunità rafforzata è il risultato di come, durante l’infezione iniziale, un particolare tipo di cellula immunitaria viaggia dal midollo osseo ai polmoni e si trasforma in un macrofago polmonare, un tipo di globulo bianco. Una volta nei polmoni, queste cellule producono citochine, molecole simili agli ormoni che causano infiammazione e aiutano a combattere i patogeni.

Poiché questi macrofagi speciali rimangono in uno stato più reattivo nei polmoni dopo che l’infezione è stata risolta, offrono un ulteriore livello di protezione da future infezioni nelle settimane successive. Tuttavia, nel tempo scompare la capacità di questi macrofagi di produrre alti livelli di citochine. Ciò significa che, dopo un paio di mesi, la protezione contro le infezioni diminuisce e alla fine ritorna allo stesso livello degli animali che non erano stati precedentemente infettati.

I ricercatori ritengono che questo meccanismo potrebbe essere presente anche nell’uomo. “L’influenza è una malattia grave, soprattutto per i gruppi di persone vulnerabili e non stiamo suggerendo che sia auspicabile un’infezione da influenza. Piuttosto, questa ricerca fornisce preziose informazioni su come un’infezione virale che viene eliminata rapidamente può continuare a influenzare l’immunità per settimane dopo, attraverso cambiamenti a lungo termine nelle cellule immunitarie innate. Ciò potrebbe in parte spiegare perché la nostra risposta alle malattie può variare – ciò che potresti combattere senza sintomi una settimana, potrebbe avere effetti negativi un paio di settimane dopo- “, afferma Helena Aegerter, autrice principale dello studio e dottoranda nel laboratorio di immunoregolazione presso il Crick.

I ricercatori hanno in programma di approfondire il modo in cui una storia di infezione colpisce il sistema immunitario, anche in condizioni come l’asma o la malattia polmonare ostruttiva cronica, in cui l’accresciuta risposta infiammatoria spiegata in questa ricerca potrebbe peggiorare i sintomi.

“Il nostro sistema immunitario è un mosaico di meccanismi protettivi e il livello di protezione non è costante. Ciò significa che è importante che le persone prendano precauzioni a lungo termine contro le infezioni, come le vaccinazioni antinfluenzali“, afferma Andreas Wack, autore e capogruppo del laboratorio di immunoregolazione.

Fonte, Nature