Perché si ritiene che il tempo passi più velocemente con l’invecchiamento?

invecchiamento

Perché ritiene che il tempo passi più velocemente con l‘invecchiamento? Qual è la base fisica dell’impressione che alcuni giorni siano più lenti di altri? Perché tendiamo a concentrarci sull’insolito (la sorpresa) e non sul sempre presente?

Questo articolo svela le basi fisiche di queste osservazioni comuni. La ragione è che il “tempo dell’orologio” misurabile non è lo stesso del tempo percepito dalla mente umana. Il “tempo della mente” è una sequenza di immagini, cioè riflessioni della natura alimentate da stimoli provenienti da organi sensoriali. La velocità con cui vengono percepite le variazioni delle immagini mentali diminuisce con l’età, a causa di diverse caratteristiche fisiche che cambiano con l’età: frequenza delle saccadi, dimensioni del corpo, degradazione dei percorsi, ecc.

Un ricercatore della Duke University ha una nuova spiegazione del motivo per cui quegli infiniti giorni dell’ infanzia sembrano durare molto più a lungo dei giorni che passano mentre invecchiamo.

Secondo Adrian Bejan, Professore di ingegneria meccanica JA Jones della Duke, questa apparente discrepanza temporale può essere attribuita alla sempre più lenta velocità con cui le immagini vengono ottenute ed elaborate dal cervello umano mentre il corpo invecchia.

La teoria è stata pubblicata online il 18 marzo sulla rivista European Review.

“Le persone sono spesso stupite dal ricordo dei giorni che sembravano durare per sempre nella loro giovinezza”, ha affermato Bejan. “Non è che le loro esperienze fossero molto più profonde o più significative, è solo che venivano elaborate in un rapido fuoco”.

Bejan attribuisce questo fenomeno ai cambiamenti fisici del corpo umano che invecchia. Quando le reti aggrovigliate di nervi e neuroni maturano, crescono in dimensioni e complessità, portando a percorsi più lunghi da attraversare per i segnali. Man mano che questi percorsi iniziano ad invecchiare, si degradano, diventando più resistenti al flusso dei segnali elettrici.

“Questi fenomeni causano la velocità con cui le nuove immagini mentali vengono acquisite e processate con l’età. Ciò è dimostrato dalla frequenza con cui gli occhi dei neonati si muovono rispetto agli adulti”, nota Bejan,”poichè i bambini elaborano le immagini più velocemente degli adulti, i loro occhi si muovono più spesso, acquisendo e integrando con più informazioni. Il risultato finale è che, poiché le persone anziane stanno visualizzando meno nuove immagini nella stessa quantità di tempo reale, a loro sembra che il tempo stia passando più velocemente“.

È già primavera? La fisica spiega perché il tempo vola mentre invecchiamo
Adrian Bejan, JA Jones Professore di ingegneria meccanica presso la Duke University. Credit: Duke University

“La mente umana percepisce il tempo che cambia quando le immagini percepite cambiano“, ha affermato Bejan. “Il presente è diverso dal passato perché la visione mentale è cambiata. I giorni sembravano durare più a lungo nella tua giovinezza perché la tua giovane mente riceveva più immagini durante un giorno, rispetto alla stessa mente che invecchia”.

Fonte, Medicalxpress

Altri articoli su invecchiamento