Perché le persone con celiachia soffrono immediatamente dopo aver mangiato cibi contenenti glutine

Perché le persone con celiachia soffrono immediatamente dopo aver mangiato cibi contenenti glutine?

“Le cellule T nei soggetti con disturbo autoimmune scaricano rapidamente sostanze chimiche immunitarie nel sangue” .

“Quando i pazienti affetti da celiachia mangiano cibi contenenti il glutine, i sintomi e le citochine aumentano contemporaneamente“, afferma Robert Anderson, capo scienziato della ImmusanT Inc. a Cambridge, Mass, la società che sviluppa vaccini per proteggere dalle malattie autoimmuni.

Gli scienziati sapevano già che alcune di queste cellule immunitarie, chiamate cellule T CD4 +, nelle persone con la malattia reagiscono alle proteine ​​del glutine nel grano, nell’orzo e nella segale. Quella reazione porta al danno dell’intestino tenue. Normalmente, le cellule T non aumentano fino a un giorno o due dopo l’esposizione a una proteina che innesca l’attività. Ma le persone con questo disturbo autoimmune, che colpisce circa l’1% delle persone, iniziano spesso ad avere nausea, dolore e vomito entro un’ora o due dal consumo di glutine.

vedi anche: Trovato il primo legame misurabile tra sostanze tossiche ambientali e celiachia

Anderson e colleghi hanno iniettato peptidi di glutine sotto la pelle di volontari affetti da celiachia o hanno dato ai volontari una bevanda mescolata con farina di grano. A partire da circa due ore dopo l’esposizione, i ricercatori hanno scoperto che i livelli di una citochina chiamata interleuchina-2 o IL-2 e di altri prodotti chimici immunitari rilasciati da queste cellule T hanno iniziato a salire. I volontari hanno avuto nausea e alcuni hanno vomitato, con l’aumentare dei livelli di citochine. “Sapere che alcune cellule T, e in particolare le citochine, causano sintomi celiaci, può portare a terapie che potrebbero bloccare le cellule T che reagiscono al glutine”, afferma Anderson. “E i medici possono essere in grado di diagnosticare la celiachia misurando i livelli di IL-2 nel sangue, risparmiando ai pazienti la necessità di test in cui vengono ripetutamente sottoposti a glutine”.

Fonte: Science