Mentre aspettiamo un vaccino, ecco un’istantanea dei potenziali trattamenti COVID-19

Immagine: una ricercatrice  della Protein Sciences di Meriden, in Connecticut, lavora su un vaccino per COVID-19, uno delle decine in fase di sviluppo, Credit: JESSICA HILL / PRESS ASSOCIATO.

“Dopo la pandemia da COVID 19, la vita probabilmente non tornerà completamente alla normalità fino a quando non saranno disponibili vaccini contro il virus”, avvertono gli esperti.

I ricercatori stanno lavorando duramente su questo fronte. “Almeno sei vaccini sono attualmente in fase di sperimentazione clinica”, afferma Esther Krofah, amministratore delegato del centro FasterCures presso il Milken Institute di Washington, DC. “Prevediamo che altre due dozzine di altri vaccini entreranno negli studi clinici entro l’estate e l’inizio dell’autunno. Questo è un numero enorme “, ha detto Krofah in una riunione del 17 aprile.

Nei risultati preliminari non pubblicati di un test su un vaccino, le persone inoculate hanno prodotto tanti anticorpi contro il coronavirus. Il vaccino a base di mRNA induce le cellule umane a produrre una delle proteine ​​del virus e il sistema immunitario costruisce quindi anticorpi per attaccarle. Quello studio è un piccolo studio su solo otto persone, ma è è stato ora sottoposto ad una seconda fase dei test di sicurezza. I vaccini impiegano del tempo per essere testati a fondo (SN: 21/02/20). Anche con tempistiche accelerate e discorsi sull’uso di emergenza di vaccini promettenti per gli operatori sanitari e altri soggetti ad alto rischio di contrarre il virus, il pubblico probabilmente attenderà un anno o più per essere vaccinato.

Nel frattempo, nuovi trattamenti possono aiutare a salvare vite umane o ridurre la gravità della malattia nelle persone che si ammalano. I ricercatori di tutto il mondo stanno sperimentando più di 130 farmaci per scoprire se qualcuno di essi può aiutare i pazienti COVID-19, secondo un tracker gestito dall’Istituto Milken.

La Coalition for Epidemic Preparedness Innovation ha proposto un processo troncato per lo sviluppo del vaccino COVID-19 che sostituisce la lunga sequenza lineare tradizionale per testare, produrre e autorizzare un vaccino (in alto). Il nuovo approccio (in basso) prevede di eseguire molti passaggi in parallelo, tra cui accelerare la produzione, anche prima di sapere che il vaccino funzionerà.

graphic illustrating traditional timeline of vaccine development

graphic illustrating pandemic timeline of vaccine development

Immagine: Credit: N. Lurie et al/NEJM 2020

Alcuni di questi farmaci hanno lo scopo di arrestare il virus SARS-CoV-2, mentre altri possono aiutare a calmare le risposte immunitarie iperattive che danneggiano i polmoni e altri organi. Sebbene i ricercatori stiano testando una serie di farmaci riproposti e ne stiano inventando di nuovi, c’è ancora una grande incertezza sul fatto che questi farmaci aiutino o forse facciano del male.

L’attesa è frustrante, ma non sappiamo ancora con certezza come questo nuovo coronavirus influenzi il corpo. Ottenere risposte richiederà tempo e trovare misure per contrastare il virus che sono sia sicure che efficaci richiederà ancora di più. I primi risultati suggeriscono che il farmaco antivirale Remdesivir può accelerare modestamente il recupero da COVID-19 (SN: 13/05/20). Non è una cura, ma il farmaco può diventare il nuovo standard di cura mentre i ricercatori continuano a testare altre terapie.

Attacchi frontali

I farmaci antivirali interferiscono con la capacità di un virus di replicarsi, sebbene tali farmaci siano difficili da creare. Remdesivir è in fase di test in una mezza dozzina di studi clinici in tutto il mondo. Il farmaco imita un blocco costitutivo dell’RNA, il materiale genetico del coronavirus (SN: 3/10/20). “Quando il virus copia il suo RNA, Remdesivir sostituisce alcuni dei blocchi costitutivi, impedendo la produzione di nuove copie del virus”, hanno dimostrato gli studi di laboratorio.

I primi risultati nei pazienti con COVID-19 trattati con il farmaco Remdesivir al di fuori di uno studio clinico, hanno mostrato che il 68 percento aveva bisogno di un minor supporto di ossigeno dopo il trattamento, come riportato online il 10 aprile sul New England Journal of Medicine (SN: 29/04/20). Il farmaco è stato somministrato a pazienti molto malati, compresi quelli che avevano bisogno di ossigeno da un ventilatore. Altri ricercatori hanno contestato questi risultati, mettendo in discussione i metodi di studio e le analisi statistiche che potrebbero aver dato un’impressione esagerata di buoni risultati. Gli autori dello studio affermano di aver rianalizzato i dati e di concludere che Remdesivir ha dei benefici.

Vedi anche: Il mistero dei coaguli di sangue nei pazienti COVID 19

Poco dopo, l’Istituto Nazionale americano per le allergie e le malattie infettive ha annunciato che i pazienti ricoverati in Ospedale con COVID-19 che hanno ricevuto Remdesivir per via endovenosa si sono ripresi più rapidamente di quelli trattati con un placebo: in 11 giorni contro 15. Questi risultati non erano stati esaminati da altri scienziati prima dell’annuncio. “Pensiamo che si stia davvero aprendo la porta alla capacità di curare”, ha dichiarato Anthony Fauci, Direttore del NIAID, in una conferenza stampa alla Casa Bianca del 29 aprile.
Anche i farmaci antivirali usati contro l’HIV sono stati testati contro COVID-19. La combinazione di lopinavir e Ritonaviri mpedisce a un enzima dell’ HIV chiamato M proteasi di tagliare le proteine ​​virali in modo che il virus possa replicarsi. Il virus SARS-CoV-2 produce un enzima simile. Ma i primi risultati di un piccolo studio in Cina hanno mostrato che la combinazione non ha fermato la replicazione virale né ha migliorato i sintomi (SN: 19/03/20) e ci sono stati effetti collaterali. Per ora, la Society of Critical Care Medicine raccomanda di non usare questi farmaci e la Infectious Diseases Society of America afferma che i pazienti dovrebbero assumere i farmaci solo nell’ambito di una sperimentazione clinica. Numerose prove di grandi dimensioni potrebbero riportare presto risultati.
I farmaci per l’HIV potrebbero non funzionare bene contro SARS-CoV-2, anche se i virus hanno proteasi M simili: all’enzima del coronavirus manca una tasca in cui i farmaci si adattano alla versione dell’enzima HIV. Questo dimostra perché i farmaci antivirali sono così difficili da sviluppare. La progettazione di un farmaco richiede la conoscenza della struttura tridimensionale delle proteine ​​del virus, che può richiedere mesi o anni. Ma i ricercatori stanno già ottenendo alcune osservazioni ravvicinate del nuovo coronavirus. Un team in Cina ha esaminato la struttura della proteasi M del coronavirus e ha progettato piccole molecole che potrebbero bloccare una parte delle proteine ​​necessarie per svolgere il suo lavoro. Il team ha descritto due di queste molecole, chiamate 11a e 11b, il 22 aprile in Science. In provette, entrambe le molecole hanno impedito al virus di replicarsi nelle cellule di scimmia. Nei topi, l’11a si è rimasto più a lungo nel sangue rispetto all’11b, quindi i ricercatori hanno testato ulteriormente l’11a e lo hanno trovato sicuro nei ratti e nei beagle. Saranno probabilmente necessari altri test sugli animali per dimostrare se questa molecola 11a blocca il virus, quindi si dovranno seguire più fasi dei test umani. Il processo di sviluppo e test dei farmaci spesso richiede in media 10 anni o più e può fallire in qualsiasi momento lungo il percorso.
Nel frattempo, centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo si sono già riprese da COVID-19 e molte donano il loro sangue che potrebbe contenere anticorpi anti-virus. Sono in corso studi clinici per verificare se gli anticorpi del plasma sanguigno dei pazienti recuperati possono aiutare le persone a combattere il virus  SARS-CoV-.2 (SN: 25/04/20, p. 6). Sono previsti ulteriori studi di questo tipo.
Aiutare il sistema immunitario
L’arresto del virus è solo metà del problema. In alcune persone gravemente malate di COVID-19, il loro sistema immunitario diventa nemico, scatenando tempeste di sostanze chimiche immunitarie chiamate citochine. Queste citochine innescano le cellule immunitarie per unirsi alla lotta contro il virus, ma a volte le cellule vanno troppo lontano, causando un’infiammazione dannosa. “Alcuni dei farmaci usati per calmare le citochine nei malati di cancro (SN: 27/06/18, p. 22) possono anche aiutare le persone con COVID-19 a cavalcare la tempesta”, dice il ricercatore oncologo Lee Greenberger. Molti di questi farmaci sono attualmente in fase di test contro il coronavirus.
L’idrossiclorochina è un farmaco approvato per il trattamento di disturbi autoimmuni come il lupus e l’artrite reumatoide. Il farmaco è stato testato in numerosi studi clinici di grandi dimensioni in tutto il mondo per calmare le tempeste di citochine anche nei pazienti COVID-19. Ma finora, non ci sono prove concrete che funzioni sia per prevenire l’infezione nelle persone sia per curare le persone che hanno già la malattia.
“E in alcuni studi il farmaco ha causato gravi effetti collaterali, incluso il battito cardiaco irregolare”, afferma Raymond Woosley, farmacologo del College of Medicine dell’Università dell’Arizona a Phoenix. “Le persone con problemi cardiaci, bassi livelli di potassio o bassi livelli di ossigeno nel sangue sono a maggior rischio di questi effetti collaterali”, dice il ricercatore. E questi pazienti sono esattamente i tipi di pazienti che sono più vulnerabili a COVID-19. “Quindi, i pazienti COVID più malati sono quelli a maggior rischio di queste aritmie potenzialmente letali e degli effetti cardiaci del farmaco”.
Quest’estate sono attesi i risultati di alcuni rigorosi studi clinici sull’ Idrossiclorochina. Nel frattempo, la Food and Drug Administration statunitense consente di utilizzare il farmaco quando non sono disponibili altri trattamenti e i pazienti non possono partecipare a una sperimentazione clinica.
“L’entusiasmo di oggi per qualsiasi farmaco che sembra promettente sembra familiare”, afferma Woosley. Ricorda l’eccitazione per l’AZT, il primo farmaco usato per combattere l’HIV negli anni ’80. “Non è stato il miglior farmaco per combattere l’epidemia di AIDS e quelli migliori sono arrivati ​​dopo. “Allo stesso modo, i primi trattamenti per COVID-19 potrebbero essere meglio di niente, ma non i migliori di quelli che alla fine otterremo”.
Nel frattempo, aspettiamo.
Con centinaia di studi clinici in corso in tutto il mondo, alcune risposte potrebbero arrivare presto. Ma per ora, mantenere contenuto il coronavirus richiederà probabilmente test aggressivi, rintracciare e isolare i contatti delle persone che hanno il virus e continuare il distanziamento sociale.
Fonte: Science