Perchè il consumo di carne è correlato a malattie croniche

0
50

Le diete ricche di carne sono collegate a una serie di problemi di salute, da malattie cardiache e ictus al diabete di tipo due e ad alcuni tumori. Le persone che seguono diete ricche di carne hanno anche vissuto vite più brevi.

Un recente studio americano ha nuovamente dimostrato che gli adulti che seguono diete ricche di proteine ​​animali hanno un rischio maggiore di sviluppare una vasta gamma di malattie croniche. Gli autori raccomandano una dieta proteica a base vegetale per ridurre questi rischi.
È importante sottolineare che lo studio è il primo a indagare quale effetto hanno sulla nostra salute le diete ricche di aminoacidi solforati che si trovano in molti alimenti, ma in genere si trovano in quantità elevate in uova, pesce, carne rossa e pollo. Se consumati ai livelli raccomandati, gli aminoacidi solforati svolgono un ruolo cruciale nel nostro corpo. Aiutano il nostro metabolismo, proteggono le cellule dai danni, costruiscono proteine, regolano ormoni e neurotrasmettitori e aiutano anche a mantenere sano il nostro fegato. Ma mangiare troppi alimenti ricchi di aminoacidi solforati può avere molti effetti negativi sulla salute e causare un rischio maggiore di malattie cardiache, ictus, diabete e epatopatie non alcoliche. E il rischio è ancora maggiore se si consumano alti livelli di due particolari tipi di aminoacidi solforati: la cisteina e metionina che si trovano entrambi in alimenti ricchi di proteine. Sono considerati gli aminoacidi più tossici, anche se il nostro corpo ha bisogno di entrambi.

Proteine ​​e salute del cuore

In generale, si raccomanda che gli adulti consumino solo 15 mg di aminoacidi solforati per chilogrammo di peso corporeo al giorno. Ma l’evidenza mostra che la maggior parte degli adulti più anziani ha diete che superano queste raccomandazioni.
I ricercatori dello studio statunitense hanno esaminato un campione di grandi dimensioni di 11.576 adulti per un periodo di sei anni. Per ottenere il miglior quadro dell’effetto degli aminoacidi solforati, gli autori hanno escluso chiunque li abbia consumati a bassi livelli e coloro che potrebbero aver ridotto il consumo di carne o uova a causa di complicazioni di salute. I ricercatori hanno valutato le diete dei partecipanti, nonché i livelli di colesterolo, insulina e glicemia. Vale la pena notare che i partecipanti sono stati reclutati dal 1988 al 1994. I modelli e le abitudini alimentari sono probabilmente cambiati da allora. I ricercatori hanno scoperto che il partecipante medio consumava 2,5 volte i livelli raccomandati di aminoacidi solforati. Dopo aver controllato il maggior numero possibile di variabili, come peso corporeo, razza e sesso, i ricercatori hanno scoperto che una dieta ricca di questi aminoacidi, in particolare cisteina e metionina, era associata a colesterolo alto, insulino-resistenza e glicemia alta: tutti fattori di rischio che possono causare malattie cardiometaboliche come infarti, ictus, diabete e malattie del fegato grasso non alcoliche.
È interessante notare che questo è vero indipendentemente dall’assunzione proteica complessiva di una persona. Ciò suggerisce che i rischi per la salute potrebbero non riguardare esclusivamente il consumo di proteine, ma anche la quantità e la proporzione di aminoacidi solforati che una persona assume. Poiché i prodotti animali contengono in genere livelli più elevati di questi aminoacidi, i ricercatori suggeriscono che una dieta a base di proteine ​​vegetali può essere il modo migliore per mantenere il consumo di aminoacidi solforati più vicino ai livelli consigliati.
Lo studio ha anche dimostrato che i partecipanti che consumavano livelli più bassi di aminoacidi solforati avevano livelli significativamente più bassi livelli di colesterolo, glucosio e insulina e un rischio complessivo più basso di malattie cardiometaboliche.
Questi risultati evidenziano l’importanza degli aminoacidi solforati nello sviluppo di importanti malattie croniche. Supporta anche la teoria secondo cui per una buona salute a lungo termine, l’assunzione di aminoacidi solforati dovrebbe essere vicina ai requisiti minimi e ben al di sotto dei livelli attualmente consumati dalla maggior parte degli adulti in questo studio. Ciò suggerisce che la riduzione dell’assunzione di questi aminoacidi potrebbe, in parte, spiegare alcuni dei benefici per la salute osservati delle diete a base vegetale. Quindi lo scambio di fonti proteiche di origine animale con quelle di origine vegetale potrebbe essere una buona mossa per la salute.
La ricerca mostra che la nutrizione è una componente importante della riduzione dei rischi di malattie croniche e morte prematura. Gli aminoacidi solforati sono naturalmente più diffusi nella carne rispetto alle verdure, quindi il passaggio a fonti proteiche a base vegetale come cereali integrali, fagioli, lenticchie, noci e semi e l’assunzione giornaliera raccomandata di aminoacidi solforati, potrebbe rendere meno probabile lo sviluppo malattie cardiache o diabete in futuro.