Pelle di maiale geneticamente modificata utilizzata per guarire ferite umane

ferite

Immagine, pelle umana. Credit: Wikipedia.

Gli esperti di ustioni del Massachusetts General Hospital (MGH) hanno annunciato di aver applicato con successo la pelle di maiale (xenotrapianto) geneticamente modificata a cellule vive umane per la chiusura temporanea di una ferita da ustione.

Uno studio clinico di fase 1 approvato dalla FDA condotto dal chirurgo Jeremy Goverman, MD, del MGH Sumner Redstone Burn Service, dimostra per la prima volta, che il tessuto geneticamente modificato, derivato da un animale, è stato trapiantato direttamente su una ferita umana.

La pelle da cadavere umano — o gli allotrapianti— ottenuta dalle banche della pelle nazionali è uno standard di cura per le ustioni profonde di secondo e terzo grado per chiudere temporaneamente grandi ferite. La pelle da cadavere, come altri organi, è spesso carente e richiede l’elaborazione di banche tissutali rigorosamente regolate.
La pelle da cadavere concede al paziente il tempo di stabilizzarsi e protegge la ferita sottostante mentre il paziente attende una chiusura permanente con la propria pelle.

Per affrontare questi problemi, MGH ha collaborato con la XenoTherapeutics con sede a Boston, che ha progettato e implementato i protocolli di sicurezza per lo speciale innesto di tessuto suino vivo, noto come xenoskin. Le modifiche genetiche di questi particolari suini, sviluppate negli anni ’90 presso MGH da David Sachs, rimuovono un gene specifico per i suini e non presente nell’uomo, permettendo alla pelle di apparire meno estranea al sistema immunitario umano.

Durante la procedura, un pezzo di pelle di maiale geneticamente modificato di 5 per 5 centimetri è stato posizionato sulla ferita ustionata del ricevente dopo che era stato rimosso il tessuto necrotico. L’innesto della pelle di maiale era posto accanto a un pezzo di pelle da cadavere molto più grande ed entrambi erano fissati con graffe chirurgiche e bende di garza. Cinque giorni dopo, i chirurghi hanno rimosso la pelle cadaverica temporanea e la pelle da xenotrapianto. Entrambi gli innesti cutanei aderivano al letto della ferita sottostante e apparivano indistinguibili l’uno dall’altro. Nessun evento avverso è stato ulteriormente osservato o riportato e la ferita è stata quindi trattata ulteriormente con un innesto cutaneo prelevato dalla stessa coscia del paziente. La guarigione è progredita come previsto e il paziente tornerà presto al lavoro.

Le analisi del Safety Review Committee — un comitato indipendente richiesto da MGH per garantire la sicurezza del paziente — nonché i risultati generati da un laboratorio indipendente accreditato registrato presso la FDA, non mostrano alcuna trasmissione di retrovirus endogeni suini o PERV, che hanno sempre posto un blocco teorico per il trapianto di tessuti o organi di maiale in riceventi umani.

Non è il processo stesso ad essere così sbalorditivo e intrigante per me; piuttosto è ciò che rappresenta questo processo“, afferma Goverman. Questo piccolo passo che abbiamo compiuto oggi rappresenta un numero enorme di ore che coprono decenni di ricerca in una moltitudine di campi tra cui la biologia dei trapianti, l’immunologia e l’ingegneria genetica. Inoltre, i rapidi progressi nella tecnologia di modifica genetica aprono una vasta strada nuova per la modifica genetica della pelle dei suini che non viene respinta, che rappresenta il prossimo capitolo in standard di cura per i pazienti ustionati e trapiantati “.

“Abbiamo fatto un piccolo passo nel portare lo xenotrapianto dalla teoria alla terapia e speriamo che la nostra ricerca possa far avanzare questo promettente campo della medicina e portare benefici ai pazienti di tutto il mondo”, ha affermato Paul Holzer, CEO di XenoTherapeutics. “I nostri più sinceri ringraziamenti vanno al Dr. Goverman, ai chirurghi, al personale infermieristico e ai coordinatori delle sperimentazioni cliniche della MGH per il loro aiuto collettivo nel raggiungimento di questi risultati iniziali e molto incoraggianti”.

Fonte, Medicalxpress


Altri articoli su ferite