HomeAlimentazione & BenesserePasti più nutrienti? Basta aggiungere i funghi

Pasti più nutrienti? Basta aggiungere i funghi

I ricercatori hanno identificato un altro buon motivo per mangiare più funghi. Una nuova ricerca, pubblicata su Food Science & Nutrition (gennaio 2021) ha scoperto che l’aggiunta di una porzione di funghi alla dieta ha aumentato l’assunzione di diversi micronutrienti, compresi i nutrienti carenti come la vitamina D, senza alcun aumento di calorie, sodio o grassi.

Il Dott. Victor L. Fulgoni III e il Dott. Sanjiv Agarwal hanno modellato l’aggiunta di funghi ai dati dietetici del National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) 2011-2016 utilizzando un composto di funghi bianchi, crimini e portobello in un rapporto 1: 1: 1 ; uno scenario che include funghi esposti ai raggi UV e uno scenario che include funghi ostrica sia per 9-18 anni che per 19+ anni, con una porzione equivalente di 84 g o ½ tazza.

I risultati chiave dimostrano che:

  • L’aggiunta di una porzione di 84 g di funghi ha aumentato diversi nutrienti tra cui potassio e fibre. Questo era vero per il mix 1:1:1 bianco, crimini e portobello e per i funghi ostrica.
  • L’aggiunta di una porzione (84 g) di funghi alla dieta ha determinato un aumento della fibra alimentare (5%-6%), rame (24%-32%), fosforo (6%), potassio (12%-14 %), selenio (13%-14%), zinco (5%-6%), riboflavina (13%-15%), niacina (13%-14%) e colina (5%-6%) in adolescenti e adulti; ma non ha avuto alcun impatto su calorie, carboidrati, grassi o sodio.
  • Quando i funghi comunemente consumati sono esposti alla luce UV per fornire 5 mcg di vitamina D per porzione, l’assunzione di vitamina D potrebbe raggiungere e superare leggermente il valore giornaliero raccomandato (98% – 104%) sia per i gruppi di 9-18 anni che per quelli di età superiore a 19 anni e potrebbe diminuire la carenza di questo nutriente nella popolazione.
  • Una porzione di funghi comunemente consumati esposti ai raggi UV ha ridotto l’inadeguatezza dell’assunzione di vitamina D della popolazione dal 95,3% al 52,8% per la fascia di età 9-18 anni e dal 94,9% al 63,6% per la fascia di età 19+ anni.
- Advertisement -

“Questa ricerca ha convalidato ciò che già sapevamo ossia che l’aggiunta di funghi alla dieta è un modo efficace per raggiungere gli obiettivi dietetici attualmente identificati”, ha affermato Mary Jo Feeney, MS, RD, FADA e coordinatrice della ricerca nutrizionale al Mushroom Council. “I dati provenienti da sondaggi come NHANES vengono utilizzati per valutare lo stato nutrizionale e la sua associazione con la promozione della salute e la prevenzione delle malattie e aiutare nella formulazione di standard nazionali e politiche di salute pubblica (CDC, 2020)”.

Vedi anche:I funghi sono ricchi di antiossidanti con potenziale antiaging

I funghi sono funghi – un membro del terzo regno alimentare – biologicamente distinto dagli alimenti di origine vegetale e animale, ma hanno un profilo nutritivo unico che fornisce nutrienti comuni sia agli alimenti vegetali che a quelli animali. Sebbene classificati nei sistemi di raggruppamento degli alimenti per il loro uso come verdura, l’uso crescente dei funghi nelle diete a base di verdure è in crescita, supportando gli sforzi dei consumatori nel seguire le raccomandazioni dietetiche basate sugli alimenti per ridurre l’assunzione di calorie, acidi grassi saturi, e sodio, aumentando l’assunzione di sostanze nutritive sottoconsumate tra cui fibre, potassio e vitamina D. Spesso raggruppati con le verdure, i funghi forniscono molti dei benefici benefici che si trovano più comunemente nella carne, nei fagioli o nei cereali.

Secondo il FoodData Central dell’USDA, 5 funghi bianchi medi crudi (90 g) contengono 20 calorie, 0 g di grassi, 3 g di proteine ​​e sono molto poveri di sodio (0 mg/<1% valore giornaliero raccomandato). Pochi alimenti contengono naturalmente vitamina D e i funghi sono unici in quanto sono l’unico alimento nel corridoio dei prodotti che contengono vitamina D. In particolare, una porzione di funghi crudi, esposti ai raggi UV, bianchi (90 g) e crimini (80 g) contiene 23,6 mcg (118% RDA) e 25,52 mcg (128% RDA) di vitamina D, rispettivamente.

- Advertisement -

I funghi sono una delle migliori fonti alimentari di antiossidanti contenenti zolfo, aminoacidi, acido ergotioneina e tripeptide glutatione. Ergotioneina e contenuto di glutatione nei funghi dipende dalle varietà di funghi e i funghi ostrica contengono maggiori quantità di questi antiossidanti. L’aggiunta di una porzione di funghi comunemente consumati e funghi ostrica dovrebbe aggiungere rispettivamente 2,24 e 24,0 mg di ergotioneina e 3,53 e 12,3 mg di glutatione, rispettivamente, alle diete NHANES 2011-2016 in base ai valori della letteratura pubblicata.

Con la crescente consapevolezza e considerazione dei funghi tra i consumatori a livello nazionale, nel 2019, il Mushroom Council ha effettuato un investimento pluriennale di 1,5 milioni di dollari nella ricerca per aiutare ad ampliare la comprensione delle qualità nutrizionali del cibo e dei benefici per la salute generale.

Oltre all’analisi dei funghi per i bioattivi/ergotioneina per l’inclusione nel database USDA FoodData Central, ulteriori progetti di ricerca approvati includono:

  • Effetti salutari dell’inclusione dei funghi come parte di un modello alimentare sano.
  • La relazione dei funghi con la salute cognitiva negli anziani.
  • L’impatto dei funghi sulla salute del cervello in un modello animale.
  • Impatto nutrizionale dell’aggiunta di una porzione di funghi a USDA Food Patterns.

Dal 2002, il Consiglio ha condotto ricerche che supportano una maggiore domanda di funghi scoprendo i benefici nutrizionali per la salute. I risultati pubblicati di questi progetti costituiscono la base per comunicare questi benefici ai consumatori e agli influencer della salute.

Fonte:Food Science & Nutrition 

 

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...