HomeAlimentazione & BenessereAlimentazione sostenibile per proteggere il pianeta

Alimentazione sostenibile per proteggere il pianeta

(Alimentazione sostenibile Immagine Credit Sophie Casson per Nature).

Si stima che la popolazione mondiale raggiungerà i 10 miliardi entro il 2050. Fornire a tutti una dieta nutriente e proteggere il pianeta grazie ad un’alimentazione sosteniubile richiede una risposta globale.

Se fosse stato facile cambiare il modo in cui mangiamo, la malnutrizione in tutte le sue forme — malnutrizione, sovralimentazione e carenza di micronutrienti — avrebbe potuto essere eliminata molto tempo fa. Tutti avrebbero accesso a cibo a prezzi accessibili e sceglierebbero di mangiare la quantità e la varietà che li mantengono in salute ottimale.

- Advertisement -

Questo è il sogno. La realtà è che gli esseri umani hanno un problema alimentare. È una questione complessa e multidimensionale, ma a grandi pennellate: un numero enorme di persone soffre la fame; persistono grandi squilibri nutrizionali tra nazioni e regioni ad alto e basso reddito e il sistema alimentare, dalla produzione all’offerta e al consumo, sta fallendo e danneggiando il pianeta.

La pandemia di COVID-19 ha evidenziato i problemi e li ha esacerbati. Gli ostacoli politici, economici e culturali sono prolifici nel percorso verso il raggiungimento di una dieta globale sostenibile. Anche se si potesse concordare un menu globale adatto, cambiare i comportamenti alimentari su larga scala è una sfida formidabile e poco studiata.

La dieta principalmente a base vegetale che gli scienziati nutrizionisti raccomandano per la salute fisica e, più recentemente, mentale, è migliore per l’ambiente rispetto alle diete ricche di carne e cibi altamente trasformati. Per ridurre la nostra dipendenza dalla carne d’allevamento, gli scienziati di tutto il mondo stanno sviluppando alternative proteiche convenienti. I ricercatori stanno correndo per trasformare la carne coltivata in laboratorio da una novità da prima pagina in un’industria redditizia che rifornisce i supermercati. E secondo le proiezioni, l’acquacoltura sta aumentando per superare gli stock ittici selvatici come principale fonte di proteine ​​acquatiche nelle diete entro il 2050. Anche i metodi di allevamento che intensificano la produzione agricola ricostruiscono e sostengono i sistemi naturali.

La diversità è la chiave. Non esiste un’unica soluzione che garantisca un’alimentazione sostenibile per tutti. Allo stesso modo in cui la pandemia richiede una risposta integrata, cooperativa e globale, in cui la scienza fa la sua parte, così fa l’alimentazione della popolazione globale.

- Advertisement -

Ogni boccone di cibo da ogni piatto, ciotola e pentola di tutto il mondo prende un piccolo morso dalle risorse della Terra. La dieta umana mette a dura prova l’ambiente, le risorse idriche, la biodiversità e quasi ogni altra misura della salute del pianeta. Con così tanto in gioco, i ricercatori hanno rivolto la loro attenzione a una domanda urgente: che tipo di dieta che tenga conto di un’alimentazione sostenibile può realisticamente sostenere il pianeta?

La risposta richiede approfondimenti da campi come l’alimentazione sostenibile, la nutrizione, l’agricoltura e la ricerca sul clima. “Dobbiamo produrre gruppi alimentari che fanno bene alla salute in modi che siano riparatori per il pianeta, piuttosto che estrattivi”, afferma Corinna Hawkes, Direttrice del Centre for Food Policy della City, Università di Londra.

“Se osservi attentamente i grandi sistemi che regolano la stabilità del nostro pianeta, il cibo è un attore dominante essenzialmente in tutti“, afferma Johan Rockström, scienziato ambientale presso l’Università di Stoccolma. Nel 2019, Rockström, Hawkes e altri membri di un gruppo internazionale di scienziati hanno proposto la dieta EAT- Lancet per un’alimentazione sostenibile, un piano alimentare globale che potrebbe, in teoria, sfamare la popolazione stimata nel 2050 di 10 miliardi di persone. Quel piano prevedeva tagli drastici al consumo di carne e un consumo molto più elevato di frutta e verdura. Ma si è rivelato controverso con i sostenitori e gli economisti dell’industria della carne, e la ricerca di una dieta planetaria continua. Quando ricercatori e responsabili politici si riuniranno al vertice sui sistemi alimentari delle Nazioni Unite alla fine del 2021, una dieta sana per il pianeta sarà in cima all’agenda.

Dieta per la salute del pianeta: grafico a barre che mostra l'assunzione giornaliera di macronutrienti per i mangimi

Fonte: Rif. 1

“L’obiettivo per un’alimentazione sostenibile sarà un quadro di base, non un menu articolo per articolo”, afferma Agnes Kalibata, specialista in politiche alimentari a Kigali, in Ruanda, che guiderà il vertice come inviato speciale delle Nazioni Unite. “Le diete sono influenzate da culture e costumi”, afferma. “Possiamo elaborare i principi di come sarà una buona dieta che tenga conto dell’alimentazione sostenibile. Dobbiamo trovare un equilibrio”.

Alimentazione sostenibile e sostenibilità nel piatto

La maggior parte dei ricercatori concorda sul fatto che la dieta attuale non è sostenibile. Un’analisi del 2018 ha stimato che la produzione alimentare rilascia nell’aria l’equivalente di 13,7 gigatonnellate di anidride carbonica in gas serra ogni anno, più di un quarto di tutti i gas serra causati dall’uomo. Lo stesso rapporto ha stimato che l’irrigazione agricola rappresenta circa i due terzi di tutta l’acqua dolce utilizzata dall’uomo. E circa il 37% della superficie terrestre del pianeta, esclusi deserti e calotte glaciali, è già dedicato alla produzione alimentare. È probabile che questa impronta cresca con l’aumento della popolazione.

Alcuni alimenti assorbono molte più risorse di altri. All’estremità superiore, solo 100 grammi di proteine ​​della carne bovina possono provocare il rilascio dell’equivalente di 105 chilogrammi di CO 2La stessa quantità di proteine ​​da un campo di piselli ben gestito, al contrario, rilascia tipicamente l’equivalente di soli 0,2 kg circa di CO 2. “Queste differenze di ordine di grandezza significano che qualsiasi visione di una dieta più sostenibile deve includere una marcata riduzione del consumo di carne dei paesi ad alto reddito”, afferma Hawkes. Da notare che consumare molta carne rossa può aumentare il rischio di cancro e malattie cardiache. “Non è ottimo per la nostra salute e non è ottimo per il nostro pianeta, il consumo eccessivo di carne rossa”, dice. “C’è un forte allineamento tra salute e sostenibilità”.

Vedi anche:Cambiamenti nella dieta per vivere in modo sano

Questa convergenza di nutrizione e conservazione è un messaggio centrale della dieta EAT- Lancet. Gli autori hanno iniziato esaminando le migliori prove per la costruzione di una dieta che ottimizzi la salute umana e riduca il bilancio globale delle condizioni di salute legate al cibo, come diabete, malattie cardiache, cancro e obesità. “I ricercatori non hanno nemmeno preso in considerazione gli impatti sul clima o sulla sostenibilità fino a quando non è stato stabilito il quadro nutrizionale”, afferma Rockström.

The EAT- Lancet ha proposto una dieta “flexitaria” che abbraccia uno spettro di gruppi di alimenti (il flexitarismo è un’abitudine alimentare che si basa principalmente su prodotti di origine vegetale). Ha anche suggerito opzioni vegane e vegetariane. Le piante costituiscono la base della dieta flexitaria che raccomanda il consumo giornaliero di 300 g di verdura, 200 g di frutta, circa 230 g di cereali integrali e 125 g di alimenti ricchi di proteine ​​vegetali, come lenticchie, noci e fagioli secchi. La dieta prevede solo cinque porzioni di proteine ​​animali a persona a settimana, di cui circa 200 g di pesce e 200 g di carne bianca. Controverso, la dieta consente solo 100 g circa di carne rossa, circa una porzione e mezza, a settimana. Rockström osserva che si tratta di una riduzione significativa rispetto ai circa 700 g di carne rossa consumati ogni settimana da persone in luoghi come il Nord America e l’Europa,

Nonostante il suo terribile impatto ambientale, la carne ha ancora un posto importante nella dieta globale. “A livello nutrizionale, le proteine ​​e i minerali dei prodotti animali potrebbero essere una vera spinta per le popolazioni malnutrite di tutto il mondo”, afferma Hawkes. “Per i bambini che altrimenti mangiano riso o manioca amidacea, la carne è un modo incredibilmente efficiente per aumentare lo stato dei micronutrienti”, afferma. Inoltre, dice, “la carne ha un enorme significato culturale nella vita delle persone – è associata a uno status elevato”.

Guadagni costosi

Dopo aver studiato i potenziali impatti ambientali della dieta EAT- Lancet, gli autori hanno concluso che una dieta nutriente per le persone potrebbe anche essere un bene per il pianeta. “Abbiamo scoperto che una dieta sana combinata con pratiche agricole sostenibili avrebbe un impatto positivo su biodiversità, terra, acqua, sostanze nutritive e clima”, afferma Rockström. I miglioramenti più significativi legati a un cambiamento nella dieta deriverebbero da una riduzione dell’inquinamento da fosforo e azoto nei corsi d’acqua e dalle emissioni di gas serra. La commissione ha stimato che il nuovo piano alimentare potrebbe ridurre di circa la metà le relative emissioni di gas serra, fino a circa 5 gigatonnellate di CO 2 equivalente.

Fonte: Nature news

 

ULTIMI ARTICOLI

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...

Cibo giapponese da aggiungere alla dieta

(Cibo giapponese-Zuppa di miso-Immagine: gli alimenti fermentati come il miso sono noti per essere benefici per la salute del microbioma.Credito Scitechdaily). Il cibo giapponese è...

Cucinare al barbecue: grigliare provoca il cancro?

(Barbecue-Immagine Credit Public Domain). Quali sono le conseguenze sulla salute, in particolare legate al cancro, del barbecue che griglia carne su una fiamma viva? Il barbecue...

Toxoplasmosi: nuovo farmaco prende di mira la forma cistica del parassita

(Toxoplasmosi-Immagine Credit Public Domain). I risultati di un nuovo studio dell'Università del Kentucky College of Medicine pubblicato sul Journal of Biological Chemistry il 28 maggio,...

Cancro gastrico: studio rivela come si forma

(Cancro gastrico-Immagine:astratto grafico. Credito: Gastroenterologia (2022). DOI: 10.1053/j.gastro.2022.06.021). Uno studio pubblicato di recente rivela nuove intuizioni su come si sviluppa il cancro gastrico e suggerisce un trattamento preventivo. Eunyoung Choi,...