HomeSaluteObesità: senso di sazietà inibito tra le cause

Obesità: senso di sazietà inibito tra le cause

Immagine: le cellule che possono rilasciare gli ormoni di sazietà sono contrassegnate in verde. Nei pazienti obesi (a metà), il numero di queste cellule è notevolmente inferiore a quello delle persone magre (in alto) e dei pazienti in sovrappeso tre mesi dopo l’intervento (in basso). Credit: Università di Basilea.

Secondo una nuova ricerca, l’obesità è causata da un inibito senso di sazietà che deriva dalla scarsa produzione di ormoni della sazietà.

Gli individui con grave sovrappeso hanno un inibito senso di sazietà: rilasciano meno ormoni di sazietà rispetto alle persone di peso normale. Il motivo: le cellule responsabili nel tratto gastrointestinale delle persone obese sono gravemente ridotte secondo lo studio condotto da ricercatori svizzeri e pubblicato in Scientific Reports.

- Advertisement -

( Vedi anche:Scoperto un enzima che promuove obesità, malattia epatica e resistenza all’ insulina).

 Le procedure chirurgiche di perdita di peso possono riparare questo disturbo.

La membrana della mucosa del tratto  gastrointestinale superiore ospita cellule estremamente specializzate, le cosiddette cellule enteroendocrine che analizzano costantemente i nostri contenuti intestinali. Durante un pasto, rilasciano gli ormoni di sazietà nel flusso sanguigno per segnalare al corpo che è stato assunto cibo sufficiente e che il pasto può essere terminato. Il senso della sazietà si crea nel sistema nervoso centrale.

Rispetto alle persone magre, il rilascio degli ormoni di sazietà è ridotto nelle persone obese. Dopo la procedura chirurgica di perdita di peso come un bypass gastrico, il rilascio di questi ormoni aumenta di nuovo.

- Advertisement -

I ricercatori del Department of Biomedicine alla University and Hospital Basel e St. Claraspital Basel con i colleghi della University of Liverpool hanno studiato le ragioni di questo rilascio ridotto di ormoni di sazietà. Essi hanno esaminato campioni di tessuto del tratto gastrointestinale in 24 volontari magri e 30 pazienti obesi prima e dopo l’intervento chirurgico di perdita di peso.

Il team di ricercatori guidato dalla Dott.ssa Bettina Wölnerhanssen è riuscito a dimostrare che il numero di cellule enteroendocrine nelle persone obese è significativamente inferiore a quello delle persone con peso normale. Ciò porta ad un ridotto rilascio dell’ormone di sazietà che a sua volta porta ad alterato appetito. L’obeso ha anche mostrato alterazioni nel modello dei cosiddetti fattori di trascrizione che sono responsabili dello sviluppo di cellule enteroendocrine da cellule staminali. Dopo l’intervento chirurgico, il numero delle cellule enteroendocrine e il pattern dei fattori di trascrizione sono stati quasi interamente ripristinati.

“Sfortunatamente, le persone obese sono spesso stigmatizzate, ed è una credenza comune che la ragione dell’obesità è una mancanza di autocontrollo e disciplina”, commenta Wölnerhanssern. Tuttavia, non c’è dubbio che i fattori metabolici giocano una parte importante nello sviluppo dell’obesità. Lo studio dimostra che esistono differenze strutturali tra le persone magre e obese, che possono spiegare la mancanza di sazietà nell’obesità.

Fonte: Nature

ULTIMI ARTICOLI

Infezioni batteriche e ferite della pelle: nuovo approccio per il trattamento

(Infezioni batteriche-Immagine: ferita vascolarizzata al microscopio. Credito: Rachel Kratofil). I ricercatori dell'Università di Calgary hanno identificato un nuovo approccio promettente per il trattamento delle infezioni batteriche...

Januvia farmaco per il diabete può contenere tracce di cancerogeno

(Januvia-Immagine Credit Medicalxpress). "Il popolare farmaco per il diabete Januvia può contenere tracce di un probabile cancerogeno, ma i pazienti dovrebbero continuare a usare il...

Cuffia dei rotatori: potenziale trattamento rivoluzionario per la rigenerazione

(Cuffia dei rotatori/Studio-Immagine:Dr. Cato T. Laurencin-Credito UCNN). Un nuovo modo per rigenerare i muscoli potrebbe aiutare a riparare la cuffia dei rotatori nelle spalle danneggiate...

Acufene: svolta nella ricerca di una cura

(Acufene-Immagine Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico). Dopo 20 anni alla ricerca di una cura per l'acufene, i ricercatori dell'UDniversità di Auckland sono entusiasti dei "risultati...

Alimenti fermentati: 4 motivi per cui dovresti mangiarli

(Alimenti fermentati-Immagine Credit Public Domain). Gli alimenti fermentati hanno subito il processo naturale di essere fermentati da batteri, funghi o lieviti benefici. In questo processo,...