Nuovo tipo di Alzheimer colpisce le persone nei loro anni più giovani

Immagine: Public Domain.

I ricercatori della Mayo Clinic hanno definito una forma di morbo di Alzheimer che colpisce i giovani già dai 40 anni, presenta sintomi atipici e colpisce una parte diversa del cervello che di solito non è associata all’Alzheimer.

Nel loro studio, i ricercatori descrivono una sindrome disesecutiva progressiva che, a loro dire, influenza la capacità di una persona di organizzazione e pianificazione in misura maggiore rispetto ai deficit episodici di memoria osservati nella tipica malattia di Alzheimer. Sebbene questa forma di Alzheimer non sia nuova, non è stata definita o studiata in misura significativa, contribuendo a diagnosi errate e ritardi nella diagnosi.

L’articolo è stato pubblicato su Brain Communications.

“Questa nuova forma di Alzheimer colpisce i giovani durante i loro anni di lavoro”, afferma David Jones, MD, neurologo della Mayo Clinic e autore principale dello studio.

Per lo studio, i ricercatori hanno definito le caratteristiche cliniche, di imaging, patologiche e genetiche di una presentazione clinica precedentemente non descritta della malattia di Alzheimer che influenza principalmente le capacità di pensiero esecutivo.

I ricercatori hanno riportato caratteristiche di 55 pazienti con una nuova forma definita di malattia di Alzheimer con sintomi insoliti / atipici. L’età media di insorgenza era di 53,8 anni e l’età media della diagnosi di 57,2 anni, evidenziando la più giovane età di insorgenza e il cattivo riconoscimento di questa sindrome che porta a ritardi diagnostici.

“Perdere un posto di lavoro a causa di problemi nell’organizzazione, pianificazione ed esecuzione di compiti sul lavoro può essere il primo indizio. Un paziente può spesso mantenere attività quotidiane, come guidare un’auto, ma non farà bene i test cognitivi dettagliati a causa delle funzioni esecutive necessarie per eseguire questi test “, afferma Ryan Townley, MD, neurologo della Mayo Clinic al momento di questo studio, ora presso l’Alzheimer Disease Center della Kansas University e primo autore del manoscritto. “C’è una discrepanza di questa condizione con le capacità cognitive e le persone pensano che il paziente sia ansioso o depresso”.

Vedi anche: Uso di anticorpi per rilevare la malattia di Alzheimer

I ricercatori hanno scoperto che gli individui possono avere normali formazioni ippocampali. L’atrofia di questa struttura, accompagnata da perdita di memoria è stata tradizionalmente considerata la caratteristica distintiva dell’Alzheimer. I pazienti con sindrome da disesecutivo progressivo a causa della malattia di Alzheimer mostrano invece atrofia del lobo parietale che si ritiene possa guidare la disfunzione esecutiva. A causa della loro giovane età di insorgenza, i pazienti con sindrome disesecutiva progressiva hanno meno probabilità di esibire una co-patologia osservata con altri disturbi legati all’età. Questo fatto, insieme a una malattia LATE recentemente definita (una condizione non Alzheimer mirata alla memoria e all’ippocampo), suggerisce che sono necessari cambiamenti significativi nel modo in cui i ricercatori riconoscono e studiano l’Alzheimer.

Questa è una condizione che ha come obiettivo specifico la funzione cerebrale esecutiva“, afferma il Dr. Jones. “Pertanto, questo ha il potenziale per informarci sul meccanismo biologico richiesto per le funzioni cerebrali esecutive e sui meccanismi che causano la malattia di Alzheimer”.

Fonte: Brain Communications