Sviluppato un vaccino universale contro Ebola e tutte le specie Ebolavirus

0
18

Immagine: Credito: NIAID.

Gli scienziati esperti delle malattie infettive hanno riportato lo sviluppo precoce di un potenziale vaccino universale per i virus dell’Ebola che, come mostrano i test preclini, potrebbe neutralizzare tutte e quattro le specie di questi virus mortali che infettano le persone nei recenti focolai, principalmente in Africa.

Gli scienziati del Cincinnati Children’s Hospital Medical Center riportano i loro risultati preclinici nel Journal of Virology, pubblicato dalla American Society for Microbiology.

Vedi anche: I ricercatori inibiscono il virus Ebola

Sebbene siano ancora nei primi test preclinici, i ricercatori riferiscono che i loro dati indicano che il nuovo vaccino ha il potenziale per essere anche una protezione autonoma dall’Ebola. “Potrebbe infatti, ampliare ed estendere la durata dell’immunità protettiva indotta dagli attuali vaccini vivi già in fase di sperimentazione in studi clinici contro singole specie di virus Ebola”, ha affermato Karnail Singh, Ph.D., ricercatore co-principale dello studio della divisione delle malattie infettive. “Questo lavoro potrebbe essere un progresso significativo nello sforzo globale per prevenire o gestire le epidemie di Ebola, specialmente se questo vaccino usato da solo o in combinazione con un altro vaccino contro l’Ebola si traduce in un’immunità protettiva a lungo termine e duratura contro diversi virus di Ebola“, ha detto Singh.

Un mortale focolaio di Ebola nell’Africa occidentale tra il 2013 e il 2016 ha accelerato gli sforzi internazionali per sviluppare vaccini per questi virus altamente infettivi e dannosi. Ciò ha portato allo sviluppo di vaccini ricombinanti per l’Ebola in cui la glicoproteina del virus Zaire Ebola è progettata in un altro vettore virale vivo modificato. Quando somministrati, questi vaccini vivi inducono risposte immunitarie contro la glicoproteina di Ebola che, a loro volta, proteggono da eventuali attacchi successivi da parte del virus Ebola.

Singh e colleghi riportano che anche se i vaccini a vettore vivo stanno producendo risultati incoraggianti negli studi clinici, fino all’attuale studio nessuno dei nuovi vaccini in fase di sviluppo ha dimostrato di indurre risposte immunitarie che reagiscono in modo crociato contro più specie di virus Ebola che causano la malattia e morte nell’uomo.

Un approccio diverso

Il nuovo vaccino adotta un nuovo approccio, secondo lo studio. I ricercatori hanno progettato una particella sferica bivalente simile al virus Ebola (VLP) che incorpora due glicoproteine ​​geneticamente diverse (una proveniente dal virus Ebola Zaire e una dal virus Sudan Ebola) su un nucleo sferico. Questo approccio non causerà malattie nel ricevente poiché le VLP mancano del materiale genetico e non si moltiplicano. Il vaccino agisce stimolando le risposte immunitarie contro l’Ebola che generano anticorpi anti-virus per attaccare le diverse specie virali,

Quando i ricercatori hanno somministrato il loro nuovo vaccino VLP contro l’Ebola su appropriati modelli animali, il vaccino ha prodotto solide risposte immunitarie contro le specie virali Ebola note per essere patogene negli esseri umani. Sebbene il nuovo vaccino utilizzi glicoproteine ​​di due specie di virus Ebola, Singh ha affermato che potrebbe funzionare contro tutti e quattro i virus patogeni noti di Ebola poiché le risposte a una delle glicoproteine ​​generano risposte cross-reattive contro altre due specie di virus Ebola.
Sono necessari ulteriori test
I ricercatori sottolineano che sono necessari ulteriori test preclinici aggiuntivi per il potenziale vaccino VLP contro l’Ebola prima che possa essere potenzialmente testato in studi clinici. Un collaboratore chiave dello studio multiistituzionale, che include l’Università di Cincinnati College of Medicine, la Emory University School of Medicine e il New Iberia Research Center dell’Università della Louisiana, è Paul Spearman, MD, Direttore della divisione delle malattie infettive del Cincinnati Children’s.