Nuovo ceppo batterico legato a scarlattina, mal di gola e sepsi

scarlattina

Un nuovo ceppo batterico legato a scarlattina, mal di gola e sepsi è stato scoperto dai ricercatori dell’Imperial College di Londra.
Lo streptococco del gruppo A (o Strep A) è noto per causare scarlattina, infezioni alla gola e, in casi molto rari, malattia invasiva in cui il batterio entra nel flusso sanguigno o nei tessuti e può innescare sepsi e shock tossico.

Il team di ricerca, che ha studiato i ceppi batterici fino al 2016 e pubblicato il suo lavoro sulla rivista The Lancet Infectious Diseases, afferma che il nuovo ceppo (chiamato M1UK) sembra essere emerso in Inghilterra e Galles dal 2010 per diventare la causa dominante delle infezioni da Strep A. Il team aggiunge che il nuovo ceppo può essere facilmente trattato con antibiotici.

L’analisi suggerisce che il nuovo ceppo è aumentato in numero tra i casi di scarlattina, infezioni alla gola e infezioni invasive molto più rare dal 2014. L’analisi ha inoltre rivelato che il nuovo ceppo produce più di un tipo di tossina streptococcica rispetto ai ceppi esistenti, diventando potenzialmente più probabile causa di comuni infezioni alla gola e scarlattina, e questo potrebbero spiegare anche un aumento delle infezioni invasive.

Il team chiede ora una vigilanza globale per identificare ulteriori casi in altri paesi e sottolineare l’importanza di sviluppare un vaccino contro Strep A.

Il Professor Shiranee Sriskandan, autore senior del Dipartimento di Malattie Infettive dell’Imperial, ha dichiarato: “Abbiamo visto un aumento senza precedenti del numero di casi di scarlattina dal 2014, ma solo nel 2016 c’è stato un aumento del numero di gravi casi invasivi dovuti allo Strep A – che per fortuna sono molto rari – in coincidenza con l’aumento stagionale della scarlattina. Le nostre ricerche, condotte in collaborazione con Public Health England, miravano a determinare se esistesse un legame tra l’aumento della scarlattina e l’aumento nelle infezioni invasive. Nell’intraprendere questa ricerca, abbiamo identificato il nuovo ceppo, collegato all’aumento di entrambi”.

La scarlattina è un segnale molto visibile di quanto Strep A circoli nella comunità più ampia e causi mal di gola. I ceppi di Strep A che causano queste più comuni infezioni alla gola e la scarlattina sono gli stessi ceppi che causano malattie invasive più rare – e quindi un aumento di queste comuni infezioni alla gola, inclusa la scarlattina, potrebbe portare ad un aumento di tutte le forme di infezione da Strep A“.

La scarlattina è una malattia contagiosa causata da Strep A che in genere infetta i bambini piccoli, innescando una febbre alta e mal di gola. La malattia, che raggiunge il picco in primavera (da marzo a maggio), è facilmente curabile con antibiotici, ma ha mostrato un aumento drammatico negli ultimi anni, con oltre 19.000 casi nel 2016.

Quando i batteri infettano il corpo rilasciano tossine chiamate esotossine pirogeniche streptococciche (note anche come tossine della scarlattina), che sono responsabili dei sintomi della malattia nella scarlattina e promuovono l’infiammazione nelle infezioni alla gola e le malattie invasive.

I ricercatori hanno notato nella primavera del 2016 un aumento di 1,5 volte il numero di infezioni da streptococco invasive di gruppo A confermate in laboratorio, rispetto ai cinque anni precedenti. Questo aumento si è verificato contemporaneamente al picco dei casi di scarlattina.

Il team, che ha sede presso il Dipartimento di Malattie Infettive e affiliato all’Unità di protezione della salute NIHR in Infezioni associate all’assistenza sanitaria e resistenza antimicrobica all’ Imperial, ha iniziato a studiare se i batteri che causano le infezioni da Strep A stessero cambiando in qualche modo.

I ricercatori sono stati in grado di indagare su questo grazie alla Biobank di infezione dell’Imperial College che è stata istituita per raccogliere ceppi batterici da tutta la parte nord-ovest di Londra con l’aiuto del Laboratorio diagnostico dell’Imperial Healthcare NHS Trust, supportato dall’Imperial NIHR Imperial Biomedical Research Center. Tutti i tipi di streptococco di gruppo A da febbre scarlatta o infezioni della gola comuni vengono raccolti insieme a qualsiasi ceppo invasivo.

Il team ha studiato le infezioni tra i periodi primaverili del 2014-2016 per identificare i principali sottogruppi genetici che causano scarlattina o infezioni della gola comuni (questi sottogruppi sono etichettati come emm, a causa di un tipo di gene trasportato dai batteri).

I dati di Londra hanno rivelato che sebbene la maggior parte dei casi nel 2014 siano stati causati da ceppi emm3 ed emm4, le infezioni da ceppo emm1 sono aumentate di anno in anno, responsabili del 5% dei casi nel 2014, del 19% nel 2015 e del 33% nel 2016 .

Ciò ha suggerito che la varietà emm1 potrebbe essere cambiata in qualche modo, e potenzialmente stava diventando più “in forma”. Per indagare su questo, il team ha analizzato i genomi di tutti i ceppi emm1 nella zona nord-ovest di Londra tra il 2009 e il 2016. Questo ha smascherato un nuovo tipo di ceppo all’interno del gruppo emm1 di batteri, che differiva dagli altri ceppi emm1 da solo 27 mutazioni genetiche, alcune delle che erano in geni potenzialmente implicati nella produzione di tossine.

Esperimenti dello stesso team hanno rivelato che il nuovo ceppo produce nove volte più esotossina pirogena streptococcica A (SpeA) rispetto ad altri ceppi emm1, probabilmente fornendo una spiegazione per l’aumento nei casi di Strep A.

I ricercatori hanno chiamato questo nuovo ceppo M1UK.

Tra i casi invasivi di Strep A, è stato osservato che i ceppi di emm1 sono stati la principale causa di infezioni negli ultimi anni, e in particolare nella primavera 2016.

I ricercatori hanno cercato la presenza del nuovo ceppo nei campioni di 552 casi di Strep A invasivo emm1 in Inghilterra e Galles tra i periodi di primavera 2013-2016.

I risultati hanno rivelato che il 77% dei casi di malattia invasiva causata da emm1 Strep A in Inghilterra e Galles nella primavera 2016 erano causati dal nuovo ceppo M1UK.

Vedi anche, Nuova comprensione di come i batteri invadono l’ ospite umano

Quando l’analisi si è estesa per includere tutti i ceppi di emm1 (1240 ceppi) che erano stati sequenziati in un periodo di 10 anni da tutto il Regno Unito, principalmente da casi invasivi della malattia, questo ha raggiunto l’84% dei campioni di emm1 entro il 2016.

Il team ha anche analizzato 2800 sequenze del genoma di Strep A provenienti da tutto il mondo e ha trovato singoli casi di M1UK in Danimarca e negli Stati Uniti.

Tuttavia, il team ha sottolineato che il nuovo ceppo non ha giocato un ruolo significativo nell’aumento iniziale del 2014 nei casi di scarlattina nel Regno Unito – e non è dietro un focolaio di Strep A in Essex quest’anno.

Aggiungono che questa ricerca ha esaminato solo i ceppi che circolavano fino al 2016 e che l’analisi degli ceppi Strep A negli anni da allora è ora necessaria. Elita Jauneikaite, prima autrice dello studio diell’Imperial, ha spiegato: “Esistono ancora incertezze sulla causa dell’aumento della scarlattina – e sul fatto che sia il risultato di cambiamenti nella pratica, della popolazione o di fattori ambientali. La ricerca che studia il modo più appropriato di ridurre l’onere delle infezioni da Strep A è attualmente in corso, incluso il lavoro per lo sviluppo di un vaccino. Potremmo anche aver bisogno di considerare se le linee guida per la diagnosi e il trattamento delle infezioni alla gola potrebbero dover tenere conto dell’evoluzione di nuovi ceppi e complicanze come la scarlattina e le infezioni invasive”.

Il Dottor Nicola Lynskey, co-primo autore, ha aggiunto: “L’emergere di questo nuovo ceppo suggerisce che potremmo aver bisogno di una maggiore sorveglianza del tipo di ceppi che causano scarlattina, infezioni della gola e sepsi, sia a livello britannico che globale”.

La Dott.ssa Theresa Lamagni, Public Health England, ha dichiarato: “Public Health England continuerà a lavorare con i partner per indagare sulla rinascita della scarlattina e comprendere meglio la diffusione di questa infezione in diversi contesti e gruppi di pazienti. Attraverso il monitoraggio dei cambiamenti possiamo valutare l’ impatto su eventuali nuovi ceppi di pazienti e garantire una risposta rapida alle minacce emergenti “.

Fonte, The Lancet