Come gli estrogeni guidano le metastasi cerebrali nel cancro al seno triplo-negativo

cancro al seno triplo negativo

Il cancro al seno triplo-negativo ha più probabilità di altri tipi di cancro al seno di metastatizzare ed è particolarmente propenso a colpire il cervello delle donne più giovani. I ricercatori hanno testato varie ipotesi per spiegare questo pericolo. Un’idea che ha ottenuto poca attenzione è il pensiero che gli estrogeni potrebbero essere la causa. Dopo tutto, i carcinomi mammari triplo negativi mancano di recettori estrogenici (insieme ai recettori del progesterone e HER2, quindi il nome triplo negativo), e quindi questi tumori non possono essere influenzati dagli estrogeni.

Ora uno studio del Cancer Center dell’Università del Colorado pubblicato sulla rivista Oncogene, mostra che mentre l’estrogeno non influenza direttamente le cellule del cancro al seno triplo negativo, può influenzare le cellule cerebrali circostanti in modi che promuovono la migrazione e l’invasività delle cellule tumorali. È importante sottolineare che lo studio suggerisce anche dei modi per fermare l’attività degli estrogeni nel cervello che fertilizza le metastasi del cancro al seno triplo negativo.

Le cellule tumorali non rispondono agli estrogeni, ma gli estrogeni influenzano il loro microambiente: abbiamo scoperto che gli astrociti – uno dei componenti principali del microambiente nel cervello – sono responsivi agli estrogeni: quando vengono stimolati dagli estrogeni, producono chemochine, fattori di crescita e altre sostanze che promuovono le metastasi cerebrali “, dice Diana Cittelly, ricercatrice presso il CU Cancer Center e assistente Professore nel Dipartimento di Patologia della Scuola di Medicina della CU.

Tecnicamente, Cittelly e colleghi tra cui il ricercatore postdottorato, Maria Contreras-Zarate, hanno scoperto che l‘estrogeno induce gli astrociti (cellule cerebrali) a produrre fattori di crescita chiamati fattore neurotrofico derivato dal cervello (BDNF) e fattore di crescita epidermico (EGF), e che questi fattori attivano due switch genetici di migrazione / invasione nelle cellule tumorali, ovvero TRKB e EGFR.

Questo potrebbe spiegare perché i tumori al seno diagnosticati nelle donne più giovani hanno maggiori probabilità di metastasi al cervello – le donne in pre-menopausa hanno più estrogeni che potrebbero influenzare il microambiente del cervello in modi che favoriscono il cancro“, dice Cittelly.

Vedi anche, La flunarizina può rallentare la crescita del cancro al seno triplo negativo.

Tradizionalmente, i tumori positivi agli estrogeni sono trattati con terapie con recettori anti-estrogeni incluso il tamoxifene. Tuttavia, sembra ovvio che i tumori senza i recettori degli estrogeni non rispondono alla terapia con i recettori anti-estrogeni. E, sfortunatamente, ci sono poche opportunità di notare accidentalmente gli effetti della terapia anti-estrogenica sulle metastasi cerebrali derivanti dal cancro al seno.

“Storicamente, le donne con problemi cerebrali sono state escluse dagli studi clinici a causa di una prognosi generale sfavorevole“, afferma Cittelly, sottolineando che ottenere l’ approvazione per un nuovo farmaco richiede di mostrare la sua efficacia e anche un farmaco promettente può sembrare inefficace nei pazienti il ​​cui cancro ha già metastatizzato al cervello. “Quindi non abbiamo mai esplorato se gli anti-estrogeni avranno beneficio per queste donne: il nostro lavoro mostra che potrebbe esserci un beneficio delle terapie anti-estrogeno nella prevenzione delle metastasi cerebrali nelle donne con carcinoma mammario triplo negativo”.

Inoltre, Cittelly e colleghi hanno recentemente ricevuto finanziamenti per esplorare questa catena d’azione che inizia con gli estrogeni e termina con metastasi cerebrali. Fondamentalmente, se l’estrogeno funziona attraverso EGFR o TRKB, può essere utile inibire EGFR e / o TRKB, da soli o insieme, in questi pazienti. Fortunatamente, come gli inibitori degli estrogeni-recettori, gli inibitori EGFR e TRK esistono già e sono in uso in altri tipi di cancro, rendendo la verifica di queste strategie estremamente più fattibile.

“Stiamo finalmente iniziando a riconoscere il ruolo unico del microambiente nel cervello“, dice Cittelly. “Le metastasi del cancro non possono dipendere solo dalle cellule tumorali e fermare le metastasi in questi pazienti può richiedere di esaminare le condizioni dei tessuti che circondano e supportano i tumori”.

Fonte, University of Colorado Cancer Center

Altri articoli su cancro al seno triplo negativo