HomeSaluteCuore e circolazioneFarmaco per il diabete può invertire l'insufficienza cardiaca

Farmaco per il diabete può invertire l’insufficienza cardiaca

(Insufficienza cardiaca-Immagine Crdedit Public Domain).

Empagliflozin, un farmaco per il diabete sviluppato di recente, può trattare efficacemente e invertire l’insufficienza cardiaca nei pazienti diabetici e non, secondo i ricercatori della Icahn School of Medicine del Monte Sinai.

La loro sperimentazione clinica ha dimostrato che questo farmaco può migliorare le dimensioni, la forma e la funzione del cuore, portando a una migliore capacità di esercizio e qualità della vita, che ridurrà i ricoveri dei pazienti con insufficienza cardiaca. I risultati delo studio sono stati presentati venerdì 13 novembre all’American Heart Association Scientific Sessions 2020 e contemporaneamente pubblicati sul Journal of the American College of Cardiology.

- Advertisement -

“I risultati promettenti della nostra sperimentazione clinica mostrano che questo farmaco per il diabete può migliorare la vita dei pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta, migliorare la loro capacità di esercizio e migliorare la loro qualità di vita con effetti collaterali minimi o nulli. Ci aspettiamo che questo lavoro contribuirà a portare all’approvazione di Empagliflozin da parte della Food and Drug Administration statunitense per questa popolazione di pazienti nei prossimi mesi “, ha detto il primo autore dello studio Carlos Santos-Gallego, MD, borsista post-dottorato presso la Icahn School of Medicine del Monte Sinai.

“Il nostro studio identifica anche il motivo per cui questo farmaco è efficace: perché migliora la funzione cardiaca, qualcosa che non è stato compreso fino ad ora”, ha detto il dottor Santos-Gallego. “Molti medici hanno paura di prescrivere un farmaco che non comprendono e le nostre scoperte aiuteranno i medici a sentirsi più a loro agio nel somministrarlo ai pazienti una volta approvato. Una scoperta fondamentale è che, sebbene questo farmaco sia stato inizialmente sviluppato per il diabete, è anche incredibilmente efficace nei pazienti senza diabete“. È importante sottolineare che i ricercatori hanno notato che il farmaco non sembra causare ipoglicemia o bassi livelli di zucchero nel sangue nei pazienti non diabetici.

Vedi anche:Insufficienza cardiaca: raddoppiano i casi

Per lo studio, noto come “EMPATROPISM”, i ricercatori hanno reclutato 84 pazienti con insufficienza cardiaca cronica con frazione di eiezione ridotta (EF), la percentuale di sangue che il ventricolo sinistro pompa ad ogni contrazione e li hanno randomizzati al trattamento con Empagliflozin o un placebo. Tutti avevano valutazioni di base tra cui la risonanza magnetica cardiaca, un test da sforzo cardiopolmonare su una bicicletta strutturato con una maschera facciale per testare i livelli di ossigeno, un test del cammino di sei minuti e questionari sulla qualità della vita. I pazienti hanno ricevuto un trattamento o un placebo per sei mesi, con alcune brevi visite mediche di sicurezza a uno e tre mesi. Al termine dei sei mesi, i pazienti sono stati sottoposti agli stessi test.

- Advertisement -

Circa l’80% dei pazienti trattati con Empagliflozin ha mostrato un miglioramento significativo e il loro cuore è tornato quasi alla normalità, hanno scoperto i ricercatori. Questo gruppo ha avuto un miglioramento del 16,6% nella frazione di eiezione ventricolare sinistra a sei mesi e i loro cuori hanno pompato il sangue in modo più forte. I loro cuori sono diventati più piccoli, meno dilatati a causa della minore congestione e dell’accumulo di liquidi nel corpo, il che significa che la loro insufficienza cardiaca è diventata meno grave e le pareti del cuore erano meno spesse, il che significa che il ventricolo sinistro poteva pompare il sangue più facilmente. Il gruppo placebo non ha mostrato alcun miglioramento; quei pazienti o sono rimasti al basale o le loro condizioni sono peggiorate. Avevano un EF in diminuzione; i loro cuori erano più dilatati e più spessi e avevano una forma anormale, più sferica.

Lo studio ha anche mostrato che i pazienti che assumevano Empagliflozin hanno avuto un miglioramento di circa il 10% nei livelli di esercizio, una differenza statisticamente significativa, mentre i pazienti nel braccio placebo non hanno mostrato alcun miglioramento. Ciò ha dimostrato che il gruppo Empagliflozin è diventato più sano, ha potuto svolgere più attività quotidiane e ha avuto una migliore qualità della vita, mettendo quei pazienti a meno rischio di ospedalizzazione.

Lo studio ha anche identificato, per la prima volta, perché questo farmaco è efficace nel trattamento dell’insufficienza cardiaca. Nell’insufficienza cardiaca, il cuore subisce un “rimodellamento avverso”, in cui il ventricolo sinistro si dilata, diventa più spesso (ipertrofico) e più sferico e pompa in modo più debole con una frazione di eiezione inferiore. I ricercatori hanno dimostrato che questo farmaco riduce e inverte questo rimodellamento avverso. Riduce la dilatazione e l’ipertrofia del ventricolo sinistro, aiuta il ventricolo sinistro a pompare più fortemente (aumentando la frazione di eiezione) e modifica la forma del ventricolo sinistro, rendendolo più allungato e meno sferico.

Fonte: Mount Sinai

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...