Nuovo trattamento per un tipo di cancro al seno triplo negativo

cancro al seno triplo negativo

Immagine: Micrografia che mostra un linfonodo invaso dal carcinoma mammario duttale, con estensione del tumore oltre il linfonodo. Credito: Nephron / Wikipedia.

I ricercatori della Mayo Clinic hanno identificato l’estradiolo come un potenziale nuovo trattamento per un sottogruppo di donne con carcinoma mammario triplo negativo. Le loro scoperte sono pubblicate negli Atti della National Academy of Sciences degli Stati Uniti d’America.

Il carcinoma mammario triplo negativo è una forma di cancro al seno che manca dell’espressione del recettore alfa, del recettore del progesterone e del recettore del fattore di crescita epidermico umano 2, noto anche come HER2 e presenta alti tassi di recidiva“, afferma John Hawse, un biologo molecolare presso la Mayo Clinic e autore senior dello studio. “Finora, ci sono  pochi farmaci diversi dalla chemioterapia che sembrano funzionare in modo efficace per il trattamento di questa malattia”.

In una precedente ricerca, il Dott. Hawse e i suoi colleghi hanno scoperto che una seconda forma del recettore degli estrogeni, noto come recettore beta degli estrogeni, è espressa in circa il 25%  dei casi di cancro al seno triplo negativo. In questo studio, il laboratorio del Dott. Hawse ha dimostrato che l’estradiolo, un ormone femminile naturale, inibisce efficacemente la crescita dei tipi di cancro al seno triplo negativo che esprimono il recettore beta dell’estrogeno.

( Vedi anche: Identificato un nuovo gene responsabile del cancro al seno triplo negativo).

“Sorprendentemente, abbiamo scoperto che l’estradiolo, che normalmente stimola la crescita delle cellule tumorali nei tumori che esprimono il recettore alfa estrogeno, ha l’effetto opposto nel carcinoma mammario triplo negativo“, afferma il Dr. Hawse. “Tuttavia, l’estradiolo è stato in grado di inibire la crescita del carcinoma mammario triplo negativo solo quando era presente il recettore beta dell’estrogeno”.

Il Dott. Hawse e i suoi colleghi hanno scoperto un meccanismo potenziale di come l’estradiolo esercita i suoi effetti antitumorali. Hanno determinato che quando l’estradiolo si lega con il recettore beta dell’estrogeno nel carcinoma mammario triplo negativo, stimola l’espressione di un gruppo di proteine ​​chiamate “cistatine”, che mostrano effetti soppressori del tumore sulle cellule tumorali vicine e lontane.

Sulla base di questi dati, i ricercatori della Mayo Clinic e del Translational Breast Cancer Research Consortium apriranno presto uno studio clinico di fase II per testare l’efficacia dell’estradiolo come trattamento per le donne con carcinoma mammario triplo negativo metastatico che esprime il recettore beta per gli estrogeni.

“L’estradiolo è stato approvato dalla FDA come trattamento per le donne con cancro al seno, tuttavia il suo uso è tipicamente limitato alle donne con carcinoma alfa positivo al recettore dell’estrogeno che è diventato resistente alle terapie standard”, dice Matthew Goetz, MD, medico oncologo e co-investigatore con Dr. Hawse. “Siamo entusiasti di studiare se l’estradiolo può essere riproposto come nuovo trattamento per il carcinoma mammario triplo negativo che esprime il recettore beta degli estrogeni”.

Fonte: PNAS

Altri articoli su cancro al seno triplo negativo