La pillola per l’asma prende di mira i muscoli delle vie aeree per diminuire gli attacchi

asma

Immagine, ostruzione del lume di un bronchiolo da parte dell’essudato mucoso, metaplasia delle cellule caliciformi e ispessimento della membrana basale epiteliale in una persona con asma. Credito: Yale Rosen / Wikipedia / CC BY-SA 2.0.

I risultati di uno studio clinico di fase II, il lavoro sperimentale sulle cellule e la modellazione computazionale, hanno mostrato insieme perché la prima pillola per l’asma sviluppata dopo 20 anni può aiutare a ridurre gli attacchi di asma.

Ricercatori di Leicester (Regno Unito) e Vancouver (Canada) hanno dimostrato che il farmaco sperimentale, Fevipiprant (un antagonista del recettore D2 della prostaglandina selettiva per via orale), riduce la quantità di muscolo liscio nel rivestimento delle vie aeree. 

I risultati sono pubblicati su Science Translational Medicine il 13 febbraio.

Il Professor Chris Brightling, consulente medico presso gli ospedali di Leicester e Professore di medicina presso l’Università di Leicester, ha dichiarato: “La nostra ricerca mostra per la prima volta che Fevipiprant non solo riduce l’infiammazione nelle vie aeree, ma riduce anche la quantità di muscoli nel rivestimento delle vie aeree ed è probabile che spieghi alcuni degli effetti osservati nei sintomi e nei test respiratori successivi al trattamento”.

Vedi anche La restrizione calorica previene i sintomi dell’asma.

Un aumento della muscolatura liscia delle vie aeree è il più forte fattore predittivo di riduzione del flusso d’aria nei polmoni a causa del restringimento delle vie aeree. Aumenta in modo significativo la probabilità dattacchi d’asma più frequenti e anche di decessi correlati all’asma.

La ricerca è stata sostenuta dal Centro di ricerca biomedica Leicester dell’Istituto nazionale per la ricerca sulla salute (NIHR). Il Professor Brightling, che è anche un ricercatore senior NIHR, ha aggiunto: “In precedenti studi condotti abbiamo scoperto che Fevipiprant ha portato a miglioramenti nei sintomi, test respiratori, infiammazione e ha anche aiutato a riparare il rivestimento delle vie aeree dei pazienti. Le nostre ultime ricerche ci forniscono una migliore comprensione dei meccanismi alla base dell’efficacia del farmaco e di come i cambiamenti in una parte della parete delle vie aeree possono avere un impatto sugli altri. I nostri risultati suggeriscono che Fevipiprant potrebbe avere effetti positivi a lungo termine sulla progressione del malattia attraverso il rimodellamento, oltre a migliorare i sintomi e ridurre gli attacchi “.

La Dottoressa Ruth Saunders, ricercatrice presso l’Università di Leicester, che ha condotto il lavoro sperimentale di laboratorio, ha dichiarato: “Un aspetto nuovo del nostro studio è stato il modo in cui abbiamo combinato le informazioni da una sperimentazione clinica, esperimenti di laboratorio e computer modelli per fornire approfondimenti che non sarebbero stati possibili con nessuno di questi approcci “.

Il Dr. Himanshu Kaul, che ora è un borsista postdottorato presso la School of Biomedical Engineering presso l’Università della British Columbia, ha guidato la modellazione computazionale. Ha affermato: “Il nostro modello computerizzato rappresenta una pietra miliare nei confronti dei modelli specifici del paziente nella medicina respiratoria che possono contribuire a progettare nuovi farmaci e ottimizzare le terapie esistenti e potrebbe contribuire a promuovere la medicina di precisione, aiutando a prevedere l’intervento ottimale su misura per i singoli pazienti in base ai loro dati genomici”.

L’asma colpisce oltre 300 milioni di persone in tutto il mondo e la sua prevalenza è in aumento. Ci sono circa mezzo milione di persone con forme di asma da moderata a gravi nel Regno Unito.

Al momento non esiste un farmaco disponibile di routine che miri alla massa muscolare liscia per ridurre i sintomi dell’asma. Per le persone con asma grave, può essere proposta una procedura chiamata termoplastica, che utilizza l’energia termica per diminuire la quantità di muscolo liscio nelle vie aeree. Ciò richiede la sedazione in ospedale e non è una cura, né è un trattamento adatto a tutti. La maggior parte dei pazienti con asma grave si affida a steroidi per via inalatoria o orale per gestire i propri sintomi.

Il potenziale di Fevipiprant di ridurre la necessità per i pazienti di assumere steroidi orali in modo continuo o di attacchi, potrebbe essere considerato un passo positivo, data la gamma di possibili effetti collaterali associati agli steroidi che includono l’aumento di peso, l’osteoporosi, il diabete e l’ipertensione. Più pazienti assumono steroidi per gestire i loro sintomi di asma, meno efficaci saranno le stesse dosi in futuro.

La ricerca, compreso il lavoro sperimentale cellulare e la modellazione computazionale, è stata finanziata dalla società farmaceutica svizzera Novartis, AirPROM e dal Centro di ricerca biomedica Leicester di NIHR.

“Fevipiprant ha il potenziale per migliorare significativamente il trattamento dei pazienti asmatici che non raggiungono il controllo della malattia con la terapia inalatoria ottimizzata.” ha detto Linda Armstrong, Head Respiratory Development Unit, Novartis. “Questo risultato è un incoraggiante passo in avanti. Attendiamo con impazienza il completamento del nostro attuale programma di sviluppo clinico di fase 3 e speriamo di rendere questo trattamento orale una volta al giorno con Fevipiprant disponibile per i pazienti il ​​più rapidamente possibile”.

Fonte, Science


Altri articoli su asma