Insufficienza cardiaca: nuova opzione di trattamento per sovraccarico di liquidi

insufficienza cardiaca

Immagine, Shweta Bansal, nefrologo presso la UT Health San Antonio.

Dosi più elevate di spironolattone, un diuretico, possono prevenire la necessità di dialisi in pazienti con insufficienza cardiaca, secondo uno studio condotto dalla UT Health a San Antonio. L’approccio aggressivo ha alleviato il sovraccarico di liquidi in modo sicuro ed efficace nei pazienti che non rispondevano ai diuretici convenzionali.

I risultati di questo studio sono stati pubblicati sulla rivista Annals of Internal Medicine. Specialisti cardiovascolari della  UT Health San Antonio, hanno condotto uno studio pilota su 19 pazienti per dimostrare che le dosi più elevate di spironolattone, che previene il riassorbimento del sale in eccesso nei reni e mantiene i livelli di potassio, potrebbero essere utilizzate in sicurezza in questi pazienti molto malati, con esacerbazione dell’insufficienza cardiaca e che non rispondono ai diuretici convenzionali.

Lo spironolattone viene solitamente somministrato a questi pazienti in dosi da 25-50 milligrammi. In questo studio, la dose è stata aumentata a 100 milligrammi e, in alcune amministrazioni, anche a 200 milligrammi.

Sintomi

“I pazienti con insufficienza cardiaca soffrono di un eccesso di liquido nel loro corpo che li rende incapaci di camminare, di sdraiarsi, di svolgere qualsiasi attività”, ha affermato Shweta Bansal, Professore associato presso la Divisione di Nefrologia della UT Health San Antonio.

Generalmente il trattamento prevede una dieta povera di sale e diuretici. Furosemide (marchio Lasix) è uno dei farmaci più utilizzati. Quando i pazienti vengono ricoverati in ospedale, vengono monitorati con questo regime e di solito migliorano.

“Ma dal 15% al ​​20% circa dei pazienti non migliora e continuano ad avere un sovraccarico di fluido”, ha affermato il Dott. Bansal.

“Il motivo è che diventano resistenti ai diuretici  comunemente usati e un livello molto elevato di aldosterone è uno dei motivi principali di questa resistenza”, ha detto il ricercatore.

Target di un meccanismo diverso

I reni sono costituiti da milioni di minuscoli tubuli chiamati nefroni che a loro volta sono costituiti da quattro segmenti principali, tra cui una parte chiamata il ciclo di Henle, dove si verifica dal 20 al 25% del riassorbimento del sale. I diuretici prendono di mira questa sezione.

Lo spironolattone inibisce l’azione dell’aldosterone, un ormone che impedisce al rene espellere troppo potassio e trattenere il sale nel segmento distale, un’altra parte dei nefroni.

‘Miglioramento significativo’

Ai partecipanti allo studio che non hanno risposto alla terapia standard sono stati somministrati spironolattone ad alte dosi e monitorati per la produzione di urina e la respirazione. “La maggior parte di loro ha avuto un drastico aumento della produzione di urina e un significativo miglioramento della mancanza di respiro”, ha detto il Dott. Bansal. “Pensiamo che alcuni pazienti potrebbero evitare di aver bisogno della dialisi se trattati in questo modo”.


Altri articoli su insufficienza cardiaca