Il fumo di sigaretta rende il batterio superbug MRSA più resistente ai farmaci

fumo di sigarette,MRSA

Immagine, il fumo di sigaretta accelera la comparsa di varianti di piccole colonie (SCV) resistenti agli antibiotici nell’agente patogeno umano, Staphylococcus aureus. Il pannello di sinistra mostra il normale S aureus ; il pannello di destra mostra SCV resistenti alla gentamicina. Credito: Università di Bath.

Il fumo di sigaretta può rendere i ceppi batterici MRSA più resistenti agli antibiotici, secondo una nuova ricerca dell’Università di Bath.

Inoltre, l’esposizione al fumo di sigaretta può rendere alcuni ceppi di Staphylococcus aureus – un microbo presente nel 30-60% della popolazione mondiale e responsabile di molte malattie, alcune fatali – più invasivi e persistenti, sebbene l’effetto non sia universale su tutti i ceppi testati .

I ricercatori ritengono che lo stress causato dal fumo di sigarettaS. aureus, generi una risposta di emergenza “SOS”, che aumenta il tasso di mutazione nel DNA microbico, dando vita a varianti resistenti e persistenti che sono in grado di resistere meglio agli antibiotici.

Precedenti studi avevano attribuito la maggiore suscettibilità dei fumatori alle infezioni, agli effetti dannosi del fumo sul sistema immunitario, ma questo studio dimostra che potrebbe anche cambiare il DNA e le caratteristiche dei microbi patogeni.

Vedi anche, Il fumo di sigarette può danneggiare la vista.

In una serie di esperimenti di laboratorio, i ricercatori dell’Università di Bath, lavorando con colleghi dell’ Imperial College di Londra, dell’Università di Oxford e dell’Institut d’InvestigacióTrias i Pujol, Universitat Autònoma de Barcelona e CIBER Enfermedades Respiratorias, Spagna, hanno esposto sei ceppi di riferimento di più importanti cloni “superbug” della meticillina-resistente S. aureus (MRSA), al fumo di sigaretta.

I ceppi erano noti per causare condizioni che vanno dalle infezioni della pelle alla polmonite e all’endocardite e sono stati scelti per la loro rilevanza clinica e diversità genetica. Sebbene non tutti abbiano risposto al fumo di sigaretta allo stesso modo, alcuni superbug, compresi quelli noti per causare infezioni invasive, hanno mostrato una maggiore resistenza alla rifampicina antibiotica e una maggiore invasività e persistenza. Anche la resistenza ad altri antibiotici potrebbe essere influenzata.

Lo studio collega questi cambiamenti all’emergere di Small Colony Variants (SCVs), subpopolazioni resistenti che si sono adattate a condizioni difficili, a infezioni croniche nei fumatori in precedenti ricerche.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Scientific Reports.

L’autore principale dello studio, Dr. Maisem Laabei, del Dipartimento di Biologia e Biochimica dell’Università di Bath, ha dichiarato: “Ci aspettavamo alcuni effetti, ma non prevedevamo che il fumo avrebbe influenzato la resistenza ai farmaci a questo livello. Riconosciamo che l’esposizione in un laboratorio è diversa da inalare il fumo per lungo tempo, ma sembra ragionevole ipotizzare, in base alla nostra ricerca e ad altre, che le condizioni stressanti imposte dal fumo, inducano risposte nelle cellule microbiche che portano all’adattamento a condizioni difficili, con l’effetto netto di aumentare la virulenza e / o potenziale infezione .

“Il fumo è la principale causa di morte prevenibile in tutto il mondo e il fumo di sigaretta contiene oltre 4.800 composti al suo interno. Volevamo studiare S. aureus perché è così comune nell’uomo e può causare una serie di malattie, quindi volevamo vedere cosa succede quando viene esposto al fumo. Queste varianti di piccole colonie sono altamente adesive, invasive e persistenti. Possono rimanere a lungo in giro, sono difficili da eliminare e sono collegate a infezioni croniche. Speriamo che il nostro lavoro fornisca un altro motivo per  non fumare e che i fumatori attuali smettano di fumare “.

Gli scienziati sono ora interessati a studiare come l’inquinamento atmosferico, dai gas di scarico diesel e altre fonti, possa influenzare i microbi nei nostri passaggi nasali poiché molti dei composti dell’ inquinamento sono gli stessi del fumo di sigaretta.

Fonte, Scientific Reports


Altri articoli su fumo di sigarette, MRSA