HomeSaluteTumoriNivolumab disponibile in Italia per il sarcoma di Hodgkin

Nivolumab disponibile in Italia per il sarcoma di Hodgkin

L’Aifa ha approvato la rimborsabilità di nivolumab per il trattamento di pazienti adulti colpiti da linfoma di Hodgkin classico (cHL) recidivante o refrattario dopo trapianto autologo di cellule staminali e trattamento con brentuximab vedotin.

Nivolumab è il primo farmaco immunoterapico anti PD-1 approvato in Italia per una patologia ematologica e rappresenta un nuovo standard di cura per un importante numero di pazienti pretrattati che, fino ad ora, in caso di fallimento sia del trapianto autologo di cellule staminali sia del successivo trattamento con brentuximab vedotin, non avevano a disposizione alcuna alternativa terapeutica.

I test

Con un follow-up mediano di 23 mesi, nivolumab ha dimostrato, nello studio di fase II CA209205, una robusta attività antitumorale. Il tasso di risposta obiettiva è stata del 68%, un tempo mediano alla risposta di 2,2 mesi e, tra i pazienti rispondenti, una durata della risposta mantenuta nel tempo per una mediana di 15,9 mesi. La stabilizzazione della malattia è stata osservata nel 21% dei pazienti. Inoltre i tassi di sopravvivenza globale (Os) hanno evidenziato il potenziale per una sopravvivenza prolungata con il 95% dei pazienti vivi a 12 mesi ed il 91% a 18 mesi.
Nivolumab in monoterapia ha dimostrato un favorevole profilo di tollerabilità in termini di eventi avversi. É stata valutata la qualità di vita dei pazienti inclusi nello studio CA209205. I punteggi medi (score EQ-5D VAS) sono aumentati nel tempo. Indicavano un migliore stato di salute generale per i pazienti rimasti in trattamento con miglioramenti clinicamente rilevanti.

- Advertisement -

I risultati degli studi che hanno valutato nivolumab in monoterapia in questa popolazione di pazienti hanno evidenziato l’efficacia e la sicurezza del farmaco.

Fonte: Pharmastar

 

- Advertisement -
- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI

Ictus: illuminante trattamento da nano-fotosintesi

(Ictus-Immagine: fette di cervello di topi che hanno ricevuto terapia nano-fotosintetica (a destra) hanno meno neuroni danneggiati, mostrati in verde, rispetto ai topi di...

Cancro al seno:marker prevede la resistenza alla terapia endocrina

(Cancro al seno-Immagine Credit Public Domain). Uno studio condotto da scienziati del Sanford Burnham Prebys Medical Discovery Institute ha identificato un marker tumorale che può...

Steatosi epatica non alcolica: controllo della glicemia riduce la progressione

(Steatosi epatica non alcolica-Immagine Credit Public Domain). Non ci sono farmaci approvati per il trattamento della steatosi epatica non alcolica, ma il controllo della glicemia...

Carenza vitamina D: nuovo trattamento

(Vitamina D-Immagine Credit Public Domsin). Ci sono diversi milioni di persone in tutto il mondo con varie sindromi da malassorbimento dei grassi, comprese quelle che...

Alzheimer: risolto il mistero della beta amiloide

In un importante passo avanti, i ricercatori del Massachusetts General Hospital (MGH) hanno scoperto come la beta amiloide, la neurotossina che si ritiene essere...