HomeSaluteTumoriNeuroblastoma difficile da trattare: potenziale nuova cura

Neuroblastoma difficile da trattare: potenziale nuova cura

(Neuroblastoma-Immagine Credit Public Domain).

I ricercatori dell’Università di Göteborg suggeriscono una possibile cura per i bambini con forme di neuroblastoma difficili da trattare utilizzando una nuova combinazione di farmaci. In un nuovo studio pubblicato sulla rivista Cancer Research, descrivono come una combinazione di due farmaci a base di due piccole molecole probabilmente inibisca la crescita del tumore.

Il neuroblastoma è la forma più comune di cancro infantile, derivato dal sistema nervoso periferico, cioè la parte del sistema nervoso che non è il cervello o midollo spinale. La malattia può manifestarsi al torace, al collo, all’addome e alle ghiandole surrenali e può diffondersi anche alla colonna vertebrale. I sintomi includono dolori generali, anemia e dolore scheletrico.

- Advertisement -

L’età media dei bambini alla diagnosi è di 17 mesi e raramente viene diagnosticata oltre i cinque anni. La forma più lieve di neuroblastoma può, in alcuni casi, autoguarirsi, mentre la forma più aggressiva è la forma più mortale di cancro infantile. Il trattamento ha successo in meno della metà di questi casi.

Vedi anche:Neuroblastoma: una proteina riduce la sopravvivenza

Una lunga molecola di RNA non codificante influenza l’espressione del gene soppressore del tumore

La molecola centrale nello studio è il gene p53 spesso mutato in altre forme di cancro, ma raramente nel neuroblastoma. Quando non è mutato, p53 codifica per una proteina che inibisce la crescita del cancro. Questo studio mostra come i livelli di espressione di una lunga molecola di RNA non codificante influenzino la funzione della proteina p53.

È interessante notare che questo lungo RNA non codificante aumenta la funzione di p53 nel nucleo per rendere le cellule tumorali più suscettibili al trattamento citostatico“, spiega Chandrasekhar Kanduri, Professore di Genetica specializzato in epigenetica dell’RNA all’Università di Gothenburg.

Combinazione di due farmaci basati su piccole molecole per il neuroblastoma

- Advertisement -

La molecola di RNA NBAT1 cambia la funzione della proteina CRM1 che trasporta p53 dal nucleo al citoplasma. NBAT1 aiuta anche a mantenere la proteina p53 nel nucleo per aumentare l’espressione genica controllata da p53. Sulla base di questi risultati, il gruppo di ricerca ha testato un nuovo trattamento che combina i farmaci Selinexor e Nutlin-3a. Entrambi i farmaci sono attualmente in fase di sperimentazione clinica per i trattamenti contro il cancro, ma non per il neuroblastoma. Selinexor ripristina la capacità di p53 di inibire la crescita del cancro e Nutlin-3a inibisce la degradazione di p53.

“Il trattamento combinato blocca la funzione di esportazione delle proteine ​​di CRM1 e porta all’accumulo di p53 nel nucleo cellulare. Questo trattamento aumenta le funzioni dipendenti da p53, come il danno al DNA e la morte cellulare. Riteniamo che la combinazione di questi due farmaci con le attuali strategie di trattamento possa consentire di curare i neuroblastomi difficili da curare“.

I risultati sono promettenti, ma si basano su studi preclinici di linee cellulari tumorali e modelli murini (xenotrapianti) e sono necessarie ulteriori ricerche prima che possano essere tradotti in trattamento. Questi risultati di laboratorio sono stati in parte convalidati con i dati dei pazienti con neuroblastoma, ottenuti in collaborazione con i ricercatori del Karolinska Institutet. Pertanto, questo studio ha chiaramente aperto la strada a una potenziale nuova strategia di trattamento per i pazienti ad alto rischio con neuroblastoma.

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...