HomeSaluteCuore e circolazioneIpertensione: promettente il trattamento con magnesio

Ipertensione: promettente il trattamento con magnesio

(Ipertensione-Immagine Credit Public Domain).
Più di ogni altro fattore di rischio modificabile, l’ipertensione è responsabile di decessi per malattie cardiovascolari sia a livello globale che negli Stati Uniti. Dati i potenziali danni e costi dell’ipertensione e la necessità di una riduzione sicura di questo importante fattore di rischio, i ricercatori hanno sondato il grande tesoro della ricerca sulla terapia orale con magnesio per l’ipertensione e la pressione arteriosa.
La terapia orale con magnesio per il trattamento dell’ipertensione è stata ben studiata negli ultimi 35 anni, ma i risultati sono altamente contrastanti. Gli studi differiscono non solo per la dose di magnesio orale e la forma del magnesio, ma anche per lo stato normoteso rispetto a iperteso al basale, nonché per l’uso o il non uso di farmaci antipertensivi. Quattordici studi clinici hanno dimostrato che la terapia orale con magnesio abbassa significativamente sia la pressione sanguigna sistolica (SBP) che la pressione sanguigna diastolica (DBP), mentre> due volte quel numero di studi non hanno mostrato alcun abbassamento statisticamente significativo di SBP, DBP o entrambi con terapia orale con magnesio. Di sei meta-analisi su questo argomento condotte fino ad oggi, una non mostra alcun effetto del magnesio orale sulla PA, una mostra un abbassamento della DBP, ma non della SBP, quattro mostrano che la terapia con magnesio orale abbassa sia la SBP che la DBP, ma solo uno di questi suggerisce che le riduzioni della PA sono clinicamente rilevanti.
Tali risultati non danno fiducia nella prescrizione di una terapia orale con magnesio per controllare o prevenire l’ipertensione. Tuttavia, il basso costo, la sicurezza e la ricerca positiva del magnesio sui rischi cardiovascolari più i suoi risultati benefici parziali sulla PA incoraggiano questa classificazione analitica inclusiva di tutti questi studi. “Stiamo cercando informazioni su quando e a quale dose la terapia orale con magnesio è utile nel trattamento dell’ipertensione. “Questa è un’analisi inclusiva, ma né quantitativa né precisa e speriamo che fornisca una guida sia per le future meta-analisi che per la prescrizione della terapia orale con Mg per la PA alta“, dicono gli autori Andrea Rosanoff, Rebecca B. Costelli e


Oltre 30 anni fa, è stato dimostrato che il magnesio altera la costrizione vascolare e da allora diversi studi hanno dimostrato che la fisiologia e la biochimica cellulare del magnesio sono importanti per la funzionalità delle cellule muscolari endoteliali e lisce e per la regolazione del tono vascolare. Ridotte concentrazioni di magnesio sono state implicate in alterata reattività vascolare, disfunzione endoteliale, infiammazione vascolare e rimodellamento strutturaleUn basso contenuto di magnesio nella dieta è stato associato a un rischio più elevato di ipertensione. Negli Stati Uniti, il 67% della popolazione di età ≥51 anni ha un basso contenuto di magnesio nella dieta e il 55% degli adulti di età compresa tra 19 e 50 anni, il 60% di età compresa tra 51 e 70 anni e il 78% di età> 71 anni non consumano il loro fabbisogno medio stimato di magnesio. Pertanto, non sorprende che la prescrizione della terapia orale con magnesio possa abbassare una pressione arteriosa elevata. Tuttavia, questa revisione categorizzata degli studi clinici mostra che lo stato del farmaco, lo stato ipertensivo e la dose di magnesio devono essere tutti considerati nell’uso di questa terapia economica, non invasiva, sicura, prontamente disponibile. Il basso contenuto di magnesio nella dieta influisce sui sistemi sanitari nazionali e globali. Il magnesio a basso contenuto nella dieta costituisce molto probabilmente una delle componenti dello “stile di vita” nell’alto rischio di malattie cardiovascolari del nostro tempo.

Conclusioni

Questo studio di categorizzazione mostra che la terapia orale con magnesio aggiunta ai regimi di trattamento di pazienti con ipertensione parzialmente controllata è promettente come un modo per ottenere in sicurezza una PA più bassa senza aumentare i farmaci antipertensivi. La prescrizione di integratori di magnesio a pazienti ipertesi, ma non trattati non può abbassare la pressione arteriosa a meno che la dose giornaliera di magnesio non incontri o superi i 600 mg / giorno, il che può essere realizzato in modo sicuro ed economico, ma dosi di magnesio inferiori a questo livello possono ottenere altri miglioramenti del fattore di rischio cardiovascolare senza gli effetti collaterali di farmaci antipertensivi.
Fonte:Nutrients

ULTIMI ARTICOLI

Infezioni batteriche e ferite della pelle: nuovo approccio per il trattamento

(Infezioni batteriche-Immagine: ferita vascolarizzata al microscopio. Credito: Rachel Kratofil). I ricercatori dell'Università di Calgary hanno identificato un nuovo approccio promettente per il trattamento delle infezioni batteriche...

Januvia farmaco per il diabete può contenere tracce di cancerogeno

(Januvia-Immagine Credit Medicalxpress). "Il popolare farmaco per il diabete Januvia può contenere tracce di un probabile cancerogeno, ma i pazienti dovrebbero continuare a usare il...

Cuffia dei rotatori: potenziale trattamento rivoluzionario per la rigenerazione

(Cuffia dei rotatori/Studio-Immagine:Dr. Cato T. Laurencin-Credito UCNN). Un nuovo modo per rigenerare i muscoli potrebbe aiutare a riparare la cuffia dei rotatori nelle spalle danneggiate...

Acufene: svolta nella ricerca di una cura

(Acufene-Immagine Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico). Dopo 20 anni alla ricerca di una cura per l'acufene, i ricercatori dell'UDniversità di Auckland sono entusiasti dei "risultati...

Alimenti fermentati: 4 motivi per cui dovresti mangiarli

(Alimenti fermentati-Immagine Credit Public Domain). Gli alimenti fermentati hanno subito il processo naturale di essere fermentati da batteri, funghi o lieviti benefici. In questo processo,...