Nate due gemelline con DNA modificato da scienziati cinesi

DNA

Nate due gemelline con DNA modificato da scienziati cinesi. Un gruppo di ricercatori cinesi ha reclutato delle coppie per creare i primi bambini geneticamente modificati – una coppia di gemelle sono nate all’inizio di questo mese. L’iniziativa controversa mira a rendere i bambini resistenti a determinate malattie e patogeni, come le infezioni da HIV.

La notizia è stata segnalata per la prima volta dal MIT Technology Review che ha ottenuto documenti medici ufficiali ( 1 e 2 ) archiviati da ricercatori della Southern University of Science and Technology, a Shenzhen.

Secondo i documenti, i ricercatori cinesi vogliono utilizzare lo strumento di modifica genetica CRISPR  per modificare gli embrioni umani e trasferirli negli uteri delle donne. Progettano di modificare il gene CCR5 in modo tale da rendere potenzialmente la prole resistente all’HIV, al vaiolo e al colera.

Il team guidato da He Jiankui in precedenza ha effettuato test sui feti fino a 24 settimane o sei mesi, di gravidanza. I loro primi test sugli embrioni umani in una Piastra di Petri sono stati effettuati nel 2015, provocando un dibattito etico tra la comunità scientifica.

Sebbene la modifica genetica sugli esseri umani sia proibita nella maggior parte dei paesi (la Cina ha vietato la clonazione, ma non l’editing del gene dell’embrione umano in modo specifico), He Jiankui  e i suoi colleghi sembrano comunque intenzionati a sperimentare l’editing genico sulle cellule umane. La principale preoccupazione è che eventuali modifiche verranno trasmesse alla progenie, facendosi così strada nel pool genetico. In quanto tale, le mutazioni potenzialmente problematiche potrebbero diventare relativamente diffuse. D’altro canto, anche se il processo di editing genetico è impeccabile, qualsiasi modifica genetica benefica – come una maggiore resistenza alle malattie e persino una modifica all’intelligenza – potrebbe portare a vantaggi ingiusti e aprire la porta a pratiche eugenetiche.

Si tratta di un territorio inesplorato e le conseguenze a lungo termine dell’editing genetico sugli esseri umani possono essere imprevedibili, motivo per cui la comunità scientifica consiglia cautela. In netto contrasto con questo approccio cauto, il ricercatore ha affermato che la sua squadra ha una forte responsabilità e continuerà nella sperimentazione.

Il ricercatore dice che lo scopo della sperimentazione non è quello di curare o prevenire una malattia ereditaria, ma piuttosto di conferire tratti che poche persone hanno naturalmente. In particolare, la capacità di resistere a un’infezione da HIV, che alcuni individui delle popolazioni dell’Europa occidentale hanno a causa di una rara mutazione genetica CCR5. Questo gene forma una porta proteica che consente all’HIV, il virus che causa l’AIDS, di entrare in una cellula; la mutazione altera questa porta, impedendo fisicamente al virus di entrare nella cellula.

Secondo l’ Associated Press, i ricercatori cinesi hanno modificato gli embrioni di sette coppie durante i trattamenti di fertilità, con una gravidanza portata a termine fino a quel momento. Tutti gli uomini coinvolti nel processo avevano l’ HIV, mentre le donne no. Questa affermazione, tuttavia, non è verificata e il lavoro deve ancora essere pubblicato in qualsiasi rivista.

L’editing del gene si è verificato durante la fase di fecondazione in laboratorio (IVF). Un singolo spermatozoo è stato unito con un singolo ovulo per formare un embrione, che è stato sottoposto a modifica genica tramite CRISPR. Una volta che gli embrioni avevano 3-5 giorni, alcune cellule sono state rimosse e controllate per la modifica. Complessivamente, i ricercatori cinesi hanno curato 16 di 22 embrioni, di cui 11 embrioni sono stati utilizzati in sei tentativi di impianto, con il risultato di una gravidanza gemellare singola. Le coppie potevano scegliere se utilizzare embrioni modificati o non modificati per i loro tentativi di gravidanza.

I test suggeriscono che un gemello aveva entrambe le copie del gene alterato e l’altro gemello aveva solo una copia alterata. Secondo il ricercatore non c’erano prove che suggerissero danni ad altri geni. Le persone con una sola copia del gene CCR5 possono ancora contrarre l’HIV. Ulteriori gravidanze sono sospese fino a quando la gravidanza gemellare non sarà ritenuta sicura.

Fonte, MIT Technology Review

Altri articoli su DNA