HomeSalutePolmoniMalattie polmonari: esacerbazione aumentata dalla scarsa qualità del sonno

Malattie polmonari: esacerbazione aumentata dalla scarsa qualità del sonno

(Malattie polmonari-Immagine Credit Public Domain).
Alcuni pazienti con malattie polmonari stanno peggio di altri. Il sonno potrebbe essere la causa?

Secondo uno studio condotto dai ricercatori dell’Università della California, San Francisco (UCSF), il sonno scarso o interrotto può avere un effetto maggiore rispetto alla storia del fumo negli individui con malattia polmonare progressiva.

Lo studio ha scoperto che un sonno insufficiente può aumentare la possibilità di un paziente con BPCO di una riacutizzazione fino al 95% rispetto agli individui che dormono a sufficienza. Queste riacutizzazioni, che si manifestano con un aumento della dispnea e della tosse, possono eventualmente causare danni polmonari irreparabili, accelerare il decorso della malattia e aumentare la mortalità.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista SLEEP.

- Advertisement -

Secondo l’autore principale Aaron Baugh, MD, della Divisione di medicina polmonare, terapia intensiva, allergie e sonno e del Cardiovascular Research Institute, questi risultati possono in parte spiegare perché i pazienti afroamericani con BPCO spesso stanno peggio dei pazienti bianchi.

Gli afroamericani sono sovrarappresentati nei quartieri a basso reddito, dove le persone hanno meno probabilità di avere un sonno di buona qualità. Possono vivere in spazi affollati con più coinquilini e avere condizioni di sonno meno confortevoli e possono svolgere un lavoro con orari variabili che si prestano a disturbi del sonno”, ha affermato Baugh, osservando che la ricerca mostra che la privazione del sonno è associata a un calo degli anticorpi anti-infezione e delle citochine protettive.

I ricercatori hanno monitorato 1.647 pazienti con comprovata BPCO che sono stati reclutati nello studio SPIROMICS multicentrico a livello nazionale, istituito per monitorare la progressione della malattia e valutare l’efficacia del trattamento. I ricercatori hanno esaminato il verificarsi di riacutizzazioni, definite come un’esacerbazione temporanea di sintomi che necessitano di trattamento, con informazioni auto-riferite sulla qualità del sonno in un periodo di tre anni.

Il sonno scarso aumenta il rischio di riacutizzazioni dal 25% al ​​95%

All’inizio dello studio, l’età media dei partecipanti era di 65 anni e lo stadio medio della malattia era moderato. Oltre la metà dei partecipanti (57%) erano maschi; l’80% era bianco e il 14% era afroamericano. Tutti erano fumatori attuali o precedenti e  sono stati sottoposti ad almeno una valutazione del sonno al momento dell’iscrizione alla sperimentazione. I ricercatori hanno scoperto che rispetto ai partecipanti con un sonno ottimale, quelli al livello base di scarso sonno avevano un 25% in più di possibilità di riacutizzazione entro l’anno successivo, salendo a quasi il 95% entro l’anno successivo per quelli con il sonno peggiore. 

Vedi anche:Nuovo potenziale trattamento combatte la BPCO ed altre malattie polmonari

- Advertisement -

Come previsto, più afroamericani hanno riportato un sonno scarso rispetto ai partecipanti bianchi: 63% contro 52%.

“Mentre fattori come la copertura assicurativa sanitaria o i rischi respiratori possono svolgere un ruolo importante nella gravità della malattia, il sonno scarso può acquisire ancora più importanza quando lo stato sociale degli afroamericani migliora”, ha affermato Baugh. “Questo può portare a una sorta di paradosso: nel ridurre un fattore di rischio, un nuovo fattore di rischio – il sonno scarso – potrebbe prendere il suo posto”.

“I dati ancora da pubblicare, mostrano che gli afroamericani dormono peggio anche quando vengono presi in considerazione i fattori socio-economici e la gravità della BPCO”, ha detto Baugh.

L’autrice senior dello studio, la pneumologa Neeta Thakur, MD, della UCSF School of Medicine, ha affermato che le domande sul sonno sono spesso trascurate dai medici che valutano i pazienti con BPCO. “L’igiene del sonno e gli aiuti per dormire possono migliorare significativamente la loro salute”, ha affermato la ricercatrice. “Il sonno dovrebbe essere considerato sia in clinica che a livello di comunità/quartiere più ampio, dove possono essere affrontati i fattori strutturali che contribuiscono a peggiorarlo”.

Fonte:SLEEP

 

 

 

 

 

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...