Nuovo potenziale trattamento combatte la BPCO ed altre malattie polmonari

BPCO

Una nuova ricerca pubblicata online in FASEB Journal rivela la scoperta di un potenziale farmaco per combattere gli effetti pericolosi per la vita della BPCO, malattia polmonare ostruttiva cronica. In particolare, lo studio ha esaminato l’effetto di un composto chimico specifico antagonista FPS-ZM1 sul recettore per prodotti finali di glicazione avanzata (RAGE) nei topi ed ha scoperto che questo composto inverte la risposta infiammatoria e ha un ruolo protettivo nella BPCO.

( Vedi anche: Perchè i polmoni perdono la loro capacità di riparare i danni e guarire nella BPCO ?).

Il glucosio e gli altri zuccheri collegati, sono blandamente reattivi e possono legarsi ai gruppi amminici degli amminoacidi che costituiscono le proteine. Questo processo avviene in due tempi e non è favorito da enzimi, ma avviene spontaneamente in dipendenza dei livelli di glucosio nel sangue. Prima lo zucchero reagisce con la proteina formando un legame relativamente instabile (immina o prodotto di Maillard). Poi, nel tempo, questo si modifica ulteriormente e forma un prodotto più stabile chiamato AGE (Advanced Glycation End-product) o prodotto finale di glicazione avanzata.

Le proteine che contengono modifiche AGE sono riconosciute da uno specifico recettore che si trova sulla superficie delle cellule, e che, naturalmente, si chiama RAGE Receptor for Advanced Glycation End Products, cioè recettore per i prodotti finali di glicazione avanzata.  Quando viene attivato, il recettore RAGE stimola la produzione di molecole che scatenano l’infiammazione”.

Se-Ran Yang, Professore associato presso il Dipartimento di Chirurgia Toracica e Cardiovascolare nel Facoltà di Medicina presso Kangwon National University di Gangwon, in Corea, dice: “Il blocco del recettore RAGE come terapia clinica nuova per la BPCO migliora l’ enfisema e lo sviluppo e la progressione della malattia”.

Nel loro studio, Yang e colleghi hanno esaminato l’efficacia dell’ antagonista specifico-RAGE, FPS-ZM1, somministrato sia in vivo che in vitro in modelli di BPCO, per determinare il meccanismo molecolare con cui RAGE influenza la BPCO. I ricercatori hanno iniettato topi con  BPCO con l’antagonista RAGE,  FPS-ZM1. Poi hanno valutato le cellule infiammatorie infiltrate e la loro produzione di citochine. L’ espressione cellulare di RAGE e l’avvio della risposta infiammatoria, sono state determinate nelle proteine, siero e liquido di lavaggio broncoalveolare nei topi, nonché nel siero di donatori umani e pazienti con pneumopatia polmonare ostruttiva (COPD). I ricercatori hanno scoperto che RAGE è associato alla sotto-regolazione di vie di segnale tramite Nrf2, il fattore di trascrizione nucleare eritroide-2 (Nrf2; codificato nell’uomo dal gene NFE2L2), un fattore di trascrizione che regola l’espressione genica di una grande varietà di enzimi citoprotettivi antiossidanti  (un regolatore maestro del sistema antiossidante totale nell’uomo). La somministrazione di FPS-ZM1 ha invertito significativamente i sintomi polmonari enfisematosi nei topi.

” Questo studio offre una indicazione della complessità delle radici patogene coinvolte nella BPCO”, ha detto Thoru Pederson, Editor-in-Chief di The FASEB Journal . “L’attuale trattamento  farmacologico per la BPCO è molto limitato e studi come questo sono quindi estremamente preziosi”.

Fonte: The FASEB Journal

Altri articoli su BPCO