HomeSaluteCuore e circolazioneMalattie cardiovascolari: ridurre il sodio e aumentare il potassio riduce il rischio

Malattie cardiovascolari: ridurre il sodio e aumentare il potassio riduce il rischio

(Malattie cardiovascolari-Immagine Credit Public Domain).

Secondo uno studio condotto dai ricercatori della Harvard TH Chan School of Public Health, un minor consumo di sodio e una maggiore assunzione di potassio sono collegati a un minor rischio di malattie cardiovascolari (CVD) nella maggior parte delle persone.

“Le limitazioni metodologiche nei precedenti studi osservazionali hanno portato a confusione sul fatto che la riduzione degli attuali livelli di sodio nella dieta aumenti il ​​rischio di malattie cardiovascolari“, ha affermato il primo autore Yuan Ma, ricercatore presso il Dipartimento di Epidemiologia della Harvard Chan School. “Il nostro studio ha combinato dati di alta qualità sui singoli partecipanti provenienti da sei studi di coorte in cui il sodio è stato misurato con il metodo attualmente più affidabile, ovvero più campioni di urina delle 24 ore. I nostri risultati dovrebbero aiutare a chiarire il ruolo del sodio nelle malattie cardiovascolari e che un minor consumo è associato a un minor rischio di malattie cardiovascolari nella maggior parte delle popolazioni, inclusi gli Stati Uniti”.

- Advertisement -

Lo studio è stato pubblicato online il 13 novembre 2021 sul New England Journal of Medicine.

Il sodio, uno dei componenti del sale da cucina, si trova naturalmente in alcuni alimenti, ma vengono spesso aggiunte elevate quantità di sodio agli alimenti lavorati, confezionati e preparati commercialmente. La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha recentemente pubblicato una nuova guida che incoraggia l’industria alimentare a ridurre gradualmente il sodio, collegato in precedenti ricerche con l’aumento della pressione sanguigna, negli alimenti prodotti commercialmente nei prossimi due anni e mezzo.

Il potassio ha un effetto opposto nel corpo: può aiutare a rilassare i vasi sanguigni e aumentare l’escrezione di sodio riducendo la pressione sanguigna. Ricche fonti di potassio includono frutta, verdure a foglia verde, fagioli, noci, latticini e verdure amidacee come la zucca invernale.

La relazione tra consumo di sodio e rischio di malattie cardiovascolari è controversa, secondo gli autori dello studio. Dati completi, compresi quelli provenienti da studi randomizzati, hanno costantemente dimostrato che all’aumentare dell’assunzione giornaliera di sodio, aumenta anche la pressione sanguigna e, all’aumentare della pressione sanguigna, aumenta anche il rischio di malattie cardiovascolari. Alcuni studi di coorte hanno suggerito che una minore assunzione di sodio è associata ad un aumentato rischio di malattie cardiovascolari. Tuttavia, tali studi hanno valutato l’assunzione di sodio utilizzando metodi soggetti a errori di misurazione, come urine spot o campioni singoli delle 24 ore che sono inaffidabili per stimare l’assunzione abituale di sodio individuale.

- Advertisement -

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno condotto un’analisi combinata di sei studi prospettici di coorte: lo studio di follow-up dei professionisti della salute, lo studio sulla salute degli infermieri, lo studio sulla salute degli infermieri II, lo studio sulla prevenzione della malattia renale e vascolare end-stage e gli studi di follow-up Trials of Hypertension Prevention. I ricercatori hanno analizzato i singoli dati sull’escrezione di sodio e potassio e l’incidenza di malattie cardiovascolari, che includono malattie coronariche o ictus. I dati provenivano da più campioni di urina delle 24 ore, il metodo più affidabile per valutare l’assunzione di sodio, prelevati da più di 10.000 adulti generalmente sani con un follow-up dello studio di eventi CVD per una media di quasi nove anni. Durante gli studi di coorte sono stati documentati un totale di 571 eventi cardiovascolari.

Vedi anche:Cibo processato associato a malattie cardiovascolari

Dopo aver tenuto conto di un’ampia gamma di fattori di rischio cardiovascolare, i ricercatori hanno determinato che una maggiore assunzione di sodio, misurata da più campioni di urina delle 24 ore, era significativamente associata a un rischio cardiovascolare più elevato in modo dose-risposta con un’assunzione giornaliera di sodio di circa 2.000 a 6.000 mg. Ogni 1.000 mg al giorno di aumento dell’escrezione di sodio era associato a un aumento del rischio di malattie cardiovascolari del 18%. Per ogni 1.000 mg al giorno di aumento dell’escrezione di potassio, il rischio di malattie cardiovascolari era inferiore del 18%. Inoltre, un rapporto sodio/potassio più elevato era significativamente associato ad un aumento del rischio cardiovascolare. Queste associazioni erano coerenti tra i sottogruppi definiti in base a età, sesso, ipertensione al basale, stato di peso e anni di follow-up.

“Questo studio sottolinea l’importanza di utilizzare un biomarcatore affidabile per misurare l’assunzione abituale di sodio e valutare la sua relazione con il rischio cardiovascolare”, ha affermato Frank, Fredrick J. Stare Professor of Nutrition and Epidemiology, Presidente del Department of Nutrition presso la Harvard Chan School, e autore senior del documento. “I risultati forniscono ulteriore supporto alle strategie di salute pubblica, tra cui regolamenti, etichettatura degli alimenti e promozione di modelli dietetici sani per ridurre l’assunzione di sodio e aumentare l’assunzione di potassio”.

Altre istituzioni coinvolte in questa ricerca includono il Wolfson Institute of Population Health presso la Queen Mary University di Londra, il Brigham and Women’s Hospital, l’University Medical Center Groningen e l’O’Brien Institute of Public Health e il Libin Cardiovascular Institute of Alberta presso l’Università di Calgary, Canada.

Altri coautori dello studio della Harvard Chan School includevano Qi Sun , Changzheng Yuan, Gary Curhan, Molin Wang, Eric Rimm, JoAnn Manson, Walter Willett, Albert Hofman e Nancy Cook.

Fonte: Harvard School of Public Health

ULTIMI ARTICOLI

Paradosso biologico offre nuove intuizioni sul mistero del cancro

(Cancro-Immagine: Carlo Maley è ricercatore presso il Biodesign Center for Biocomputing, Security and Society presso l'Arizona State University.Credito: The Biodesign Institute presso l'Arizona State...

Malattie da prioni: come muoiono le cellule cerebrali

(Malattie da prioni-Immagine:neuroni cresciuti in coltura che esprimono una proteina prionica mutante (ciano) che causa malattie da prioni nell'uomo. Questi neuroni mostrano assoni rigonfi che...

Vaccinazione: cosa guida la scelta?

(Vaccinazione-Immagine: modello che collega le variabili di fondo non specifiche del COVID e quelle specifiche del COVID con i cambiamenti nell'intenzione di vaccinazione. Attestazione: PNAS). Nell'esaminare il...

Dolore cronico legato a differenze nella struttura cerebrale

Sapevi che la principale causa di disabilità nel mondo è il dolore cronico? Milioni e milioni di persone vivono la loro quotidianità segnata dal dolore. Non solo causa...

Malattia di von Hippel-Lindau: Belzutifan offre nuova speranza

(Malattia di von Hippel-Lindau-Immagine Credit Public Domain). I pazienti con malattia di von Hippel-Lindau, una condizione genetica causata da una mutazione nel gene VHL che...