HomeAlimentazione & BenessereCibo processato associato a malattie cardiovascolari

Cibo processato associato a malattie cardiovascolari

(Cibo processato-Immagine Credito: Unsplash/CC0 dominio pubblico).

Secondo una ricerca presentata al Congresso ESC 2021, il consumo settimanale di cibo processato e ultralavorato è collegato a un aumento del rischio di malattie cardiache.

Il cibo ultra-processato si riferisce a un’ampia gamma di prodotti come pane prodotto in serie, piatti pronti, fast food, dolci e dessert, snack salati, cereali per la colazione, carne ricostituita compresi bocconcini di pollo e pesce, noodles istantanei e zuppe, verdure in scatola con aggiunta di sale, frutta secca ricoperta di zucchero, bibite gassate e bevande zuccherate.

- Advertisement -

Informazioni limitate esistono sul rapporto di questi prodotti con attacchi di cuore e ictus. Questo studio ha esaminato l’associazione tra il consumo di alimenti ultra-elaborati e lo sviluppo o la morte per malattie cardiovascolari in un periodo di 10 anni.

L’analisi ha utilizzato i dati dello studio prospettico ATTICA, condotto nel periodo 2001-2012 in Grecia. Lo studio ha arruolato adulti privi di malattie cardiovascolari al basale che hanno roiferito la frequenza e le dimensioni delle porzioni di una serie di cibi e bevande consumati durante i sette giorni precedenti. I ricercatori hanno anche utilizzato un questionario per valutare il livello di aderenza a un modello alimentare salutare per il cuore, ovvero la dieta mediterranea, che enfatizza frutta, verdura e cereali integrali. Ai partecipanti è stato assegnato un punteggio da 0 a 55 (valori più alti significano una migliore aderenza).

I partecipanti sono stati seguiti per 10 anni per il verificarsi di eventi cardiovascolari fatali e non fatali tra cui infarto, angina instabile, ictus, insufficienza cardiaca e disturbi del ritmo cardiaco (aritmie).

Vedi anche:Mangiare cibo ultraprocessato accorcia i telomeri

- Advertisement -

Lo studio ha incluso 2.020 partecipanti, di cui 1.014 donne e 1.006 uomini. L’età media era di 45 anni. In media, i partecipanti hanno consumato circa 15 porzioni di alimenti ultralavorati a settimana. Durante i 10 anni di follow-up si sono verificati 317 eventi cardiovascolari. L’incidenza di eventi cardiovascolari è stata progressivamente più elevata con l’aumentare del consumo di alimenti ultralavorati. Con un consumo medio settimanale di 7,5, 13 e 18 porzioni, l’incidenza delle malattie cardiovascolari era rispettivamente dell’8,1%, 12,2% e 16,6%.

Ogni porzione settimanale aggiuntiva di alimenti ultralavorati è stata associata a una probabilità maggiore del 10% di malattie cardiovascolari entro il decennio (hazard ratio [HR] per porzione settimanale aggiuntiva=1,10; intervallo di confidenza 95% [CI] 1,02–1,21; p=0,04 ).

L’associazione è stata rivalutata in base all’aderenza ad una dieta mediterranea. Il ruolo aggravante degli alimenti ultra-processati è diventato ancora più forte nei partecipanti con un basso livello di aderenza a questo modello dietetico. Nelle persone con un punteggio della dieta mediterranea inferiore a 27, ogni porzione settimanale aggiuntiva di cibo ultra-processato era associata a una probabilità maggiore del 19% di malattie cardiovascolari entro il decennio (HR per porzione settimanale aggiuntiva = 1,19; IC 95% 1,12-1,25; p=0,02). Nelle persone con un livello da moderato ad alto di aderenza alla dieta mediterranea (punteggio superiore a 27), ogni porzione settimanale aggiuntiva di cibo ultra-processato era associata a una probabilità maggiore dell’8% di malattie cardiovascolari entro 10 anni, ma l’associazione non era più significativo (HR per porzione settimanale aggiuntiva=1,08; 95% CI 0,98-1,19; p=0,09).

L’autrice dello studio, la Dott.ssa Matina Kouvari dell’Università Harokopio di Atene, in Grecia, ha dichiarato: “Si stanno accumulando prove di un’associazione tra alimenti ultra-elaborati e aumento dei rischi di diverse malattie croniche. Il nostro studio suggerisce che la relazione dannosa con le malattie cardiovascolari è ancora più forte in coloro che seguono una dieta generalmente malsana. Sono necessarie iniziative di salute pubblica e politiche nutrizionali per promuovere scelte alimentari sane e limitare l’assunzione di cibo ultra-processato”.

Fonte:Medicalxpress

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...