Malattia di Alzheimer: abbiamo sbagliato la causa?

alzheimer


All’inizio del 20 ° secolo, Alois Alzheimer descrisse per la prima volta un disturbo di progressiva perdita di memoria e confusione in una donna di 50 anni. Dopo la sua morte, esaminò il suo cervello e vide che era pieno di insoliti ceppi proteici, noti come placche. Più di un secolo dopo, sappiamo che queste placche sono piene di una proteina chiamata beta-amiloide e sono un segno distintivo della malattia che porta il nome di Alzheimer. Mentre sono state scoperte altre caratteristiche della malattia di Alzheimer, la teoria che la beta-amiloide è la causa principale di questa malattia incurabile ha dominato.

Ci sono molte sottili variazioni nell’ipotesi della beta-amiloide, ma in generale la teoria dice che la beta-amiloide si accumula nel cervello, quindi si aggrega. Da qualche parte in questo processo, le cellule nervose nel cervello si danneggiano, il che porta alla perdita di memoria e ad altri sintomi della malattia di Alzheimer. Quindi l’approccio per trattare l’alzheimer dovrebbe essere piuttosto semplice: fermare l’aggregazione per arrestare la malattia.

Sfortunatamente, dopo decenni di ricerca, molti milioni di dollari di investimenti e molti test clinici falliti, sembra che questo approccio non funzioni. Il più recente trattamento antiplacca a produrre risultati deludenti è stato aducanumab – una terapia basata su anticorpi progettata per distruggere la beta-amiloide.

I dati iniziali hanno suggerito che il trattamento ha effettivamente cancellato la beta-amiloide dal cervello. Ma questa settimana, Biogen ed Esai, le aziende farmaceutiche produttrici di aducanumab, hanno interrotto gli studi clinici che hanno coinvolto migliaia di pazienti in anticipo, affermando che era improbabile che “gli studi avrebbero raggiunto il loro endpoint primario al completamento”.

Ciò ha portato molti a chiedersi se l’ipotesi dell’amiloide come causa della malattia di Alzheimer dovesse essere abbandonata.

 In realtà, pochi neuroscienziati sono ancora d’accordo sul fatto che siano le placche beta-amiloidi a causare i sintomi della malattia di Alzheimer.

Studi sui topi che imitano il morbo di Alzheimer umano hanno dimostrato che la perdita di memoria si verifica prima che le placche si formino nel cervello. Altri studi hanno suggerito che sono i frammenti più piccoli (“oligomeri”) delle beta-amiloide che sono realmente tossici per le cellule nervose. E’ stato anche suggerito che la formazione di placche è un modo per il cervello di radunare tutti questi pericolosi oligomeri in un unico posto per sicurezza.

È molto difficile dirlo senza le informazioni complete del trial aducanumab, ma forse la malattia era progredita troppo nei partecipanti affinché il trattamento fosse efficace. Forse i piccoli oligomeri beta-amiloidi avevano già fatto il loro danno, mettendo in moto la malattia prima che i partecipanti venissero reclutati allo studio.

Malattia di Alzheimer: abbiamo sbagliato la causa?
Placche di beta-amiloide (gialle) che si raggruppano intorno alle cellule cerebrali (blu). Credito: Juan Gaertner / Shuterstock.

Malattia di Alzheimer vs demenza di Alzheimer

In una recente conferenza del Regno Unito sull’Alzheimer’s Research, c’è stato un accordo quasi universale sul fatto che è tempo di separare il concetto di morbo di Alzheimer dalla minaccia della demenza.

Vedi anche, Esame oculistico per la diagnosi di alzheimer prima della comparsa dei sintomi.

La malattia di Alzheimer è definita come l’accumulo di placche beta-amiloide e grovigli di un’altra proteina, tau, in combinazione con alcuni lievi cambiamenti di memoria. La demenza è un sintomo di questa malattia. I progressi nell’imaging del cervello significano che i medici possono ora individuare questi indicatori della malattia di Alzheimer molto prima (fino a 25 anni prima che i sintomi della demenza inizino). Un fatto sorprendentemente sottostimato è che la progressione verso la demenza non è un dato di fatto. Non tutte le persone che mostrano questi segni clinici della malattia di Alzheimer progrediranno verso la demenza durante la loro vita.

Stiamo solo iniziando a studiare le ragioni per cui alcune persone con la malattia di Alzheimer evitano la demenza. L’età è il singolo più grande fattore di rischio per questa progressione; più giovane sei quando la beta-amiloide si accumula nel cervello, più è probabile che tu debba soffrire di demenza. Dieta, educazione e ferite alla testa possono anche svolgere un ruolo in questo processo, ma fino a che punto non lo sappiamo.

Un altro fattore importante che stiamo appena iniziando a capire è la genetica. Piccole variazioni nei nostri geni sembrano determinare non solo se avremo un accumulo di beta-amiloide nel cervello, ma se tale accumulo porterà a sintomi di demenza.

Il processo di ricerca di questi cosiddetti “geni di rischio”, tuttavia, è lento. I progressi provengono in gran parte da studi sui “big data” che tracciano minuscoli cambiamenti nei due miliardi di basi del DNA umano nel genoma umano attraverso decine di migliaia di individui e cercano di trovare modelli tra questi cambiamenti e quelli dell’Alzheimer.

Ci sono circa 30 aree del genoma umano che sono state collegate al rischio di sviluppare la demenza di Alzheimer, anche se ce ne sono sicuramente altre da scoprire.

Aducanumab: trattamento giusto, tempo sbagliato?

Come per i trattamenti per molte altre malattie umane, potrebbe essere che trattamenti come aducanumab potrebbero essere efficaci solo se somministrati abbastanza presto, prima che la malattia abbia causato cambiamenti irreversibili. Una migliore comprensione dei fattori ambientali e genetici alla base della malattia di Alzheimer combinata con tecniche di imaging cerebrale sempre più sensibili, aiuterà i medici a identificare i segnali di avvertimento prima che si verifichi anche una minima perdita di memoria.

 In definitiva, dobbiamo concentrare la nostra ricerca sulla comprensione delle fasi iniziali della malattia per poter prevenire l’Alzheimer prima che la demenza si imponga.

Fonte, Medicalxpress

 


Altri articoli su alzheimer