HomeSaluteOssa e muscoliMal di schiena: ridurre la degenerazione dei dischi intervertebrali

Mal di schiena: ridurre la degenerazione dei dischi intervertebrali

(Mal di schiena-Immagine Credit Public Domain).

Il mal di schiena cronico colpisce oltre 15 milioni di adulti negli Stati Uniti, accumulando miliardi di spese sanitarie e giorni di lavoro persi. La degenerazione dei dischi intervertebrali che ammortizzano e sostengono le vertebre, un evento comune dell’invecchiamento, è una delle principali cause della lombalgia. Sebbene sia una condizione diffusa, sono disponibili pochi trattamenti. Ora Makarand Risbud di Jefferson, Ph.D., James J. Maguire Jr. Professore di ricerca in chirurgia ortopedica, Direttore della divisione di ricerca ortopedica e co-direttore del programma di laurea in biologia cellulare e medicina rigenerativa e colleghi, hanno dimostrato che il trattamento dei topi con un cocktail di farmaci che rimuove le cellule invecchiate riduce la degenerazione del disco. I risultati, riportati su Nature Communications il 3 settembre, mostrano come un nuovo approccio alla prevenzione della degenerazione del disco correlata all’età può aprire la strada al trattamento del mal di schiena cronico.

“Una volta che i dischi intervertebrali iniziano a degenerare, avviene pochissima rigenerazione”, afferma il Dott. Risbud. “Ma i nostri risultati mostrano che è possibile mitigare la degenerazione del disco che si verifica con l’invecchiamento“.

- Advertisement -

La chirurgia o le iniezioni di steroidi sono opzioni per trattare la lombalgia da degenerazione del disco, ma la stragrande maggioranza dei pazienti non soddisfa i criteri per la chirurgia e le iniezioni epidurali di steroidi non funzionano bene per la maggior parte del tempo. L’uso prolungato di forti antidolorifici prescritti per il mal di schiena, come gli oppioidi, comporta il rischio di dipendenza.

In collaborazione con Brian Diekman, Ph.D., un assistente Professore di ingegneria biomedica presso l’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill, il Dr. Risbud e il suo team stavano cercando un modo efficace e non invasivo per trattare il mal di schiena da degenerazione del disco che ha non coinvolgesse antidolorifici come gli oppioidi. I ricercatori i sono rivolti a una classe di piccole molecole note come senolitici. Questi farmaci prendono di mira le cellule del corpo che si trovano in un processo di deterioramento legato all’età chiamato senescenza.

Con l’età, ogni tessuto del corpo accumula cellule senescenti che secernono enzimi distruttivi e proteine ​​infiammatorie che colpiscono le cellule sane vicine. I farmaci senolitici rimuovono queste cellule deteriorate, lasciando spazio a nuove cellule per sostituirle. L’idea è che rimuovere le cellule senescenti da un tessuto migliorerà la funzione del tessuto.

Vedi anche:Trattamento osteopatico manuale riduce il mal di schiena cronico

- Advertisement -

Recenti ricerche hanno dimostrato che è così. Due farmaci senolitici, Dasatinib e Quercetina, si sono dimostrati abbastanza efficaci per il trattamento delle cicatrici nel tessuto polmonare e sono ora in sperimentazione clinica. Ma i polmoni sono molto diversi dai dischi nella colonna vertebrale. “Solo perché i farmaci funzionano in un tessuto non significa che funzioneranno anche in un altro”, afferma il Dott. Risbud. “Ogni tessuto è diverso”.

Per scoprire se i senolitici potrebbero migliorare la degenerazione del disco correlata all’invecchiamento, Emanuele Novais, un MD, Ph.D. studente nel laboratorio del Dr. Risbud e primo autore del nuovo lavoro e colleghi, hanno somministrato a topi giovani, di mezza età e anziani, un cocktail di farmaci senolitici, Dasatinib e Quercetina, ogni settimana. Le iniezioni settimanali hanno mitigato la generazione del disco, ma non nel modo che il Dr. Risbud e il suo team si aspettavano. Si aspettavano di vedere l’effetto maggiore negli animali più vecchi perché questi animali avrebbero accumulato più cellule senescenti rispetto ai topi più giovani. Invece, il Dr. Risbud e colleghi hanno scoperto che il trattamento negli animali più giovani ha avuto maggiori benefici e ha effettivamente avuto un effetto protettivo.

I topi giovani e di mezza età trattati con il cocktail senolitico hanno mostrato meno degenerazione del disco e meno cellule senescenti quando hanno raggiunto un’età avanzata rispetto ai topi trattati con un placebo.

“Avevamo previsto che nei tessuti con molta senescenza, rimuovere le cellule senescenti avrebbe fatto una grande differenza, ma non è stato così”, ha detto il dott. Risbud. “La terapia è stata più efficace quando abbiamo iniziato a trattare i topi quando quelle cellule senescenti stavano appena iniziando a emergere. I nostri risultati mostrano che, se somministrati precocemente, i farmaci senolitici possono effettivamente rallentare la degenerazione del disco“, afferma il Dott. Risbud. “Questo è un nuovo approccio preventivo”.

Ma i topi avevano bisogno di un’iniezione settimanale da un’età relativamente giovane fino a raggiungere la vecchiaia, un periodo di tempo molto più lungo rispetto ai farmaci senolitici somministrati per altri usi. I ricercatori, tuttavia, non hanno riscontrato alcun effetto deleterio del trattamento a lungo termine. “È possibile che le persone debbano assumerlo per molto tempo questo cocktail di farmaci affinché il trattamento sia efficace e i nostri dati mostrano che i farmaci sono stati ben tollerati, almeno nei topi”, afferma il Dott. Risbud. Complessivamente, i risultati mostrano che i farmaci senolitici, quelli già approvati per l’uso negli studi clinici, possono mitigare la degenerazione del disco che si verifica con l’invecchiamento.

“Questa ricerca apre la strada alla traduzione di questi studi prima in un modello animale preclinico e poi in una sperimentazione clinica sull’uomo”,dice Risbud.

Fonte:Nature

ULTIMI ARTICOLI

Mal di schiena: ridurre la degenerazione dei dischi intervertebrali

(Mal di schiena-Immagine Credit Public Domain). Il mal di schiena cronico colpisce oltre 15 milioni di adulti negli Stati Uniti, accumulando miliardi di spese sanitarie...

COVID 19: identificati oltre 50 sintomi persistenti

Mentre i ricoveri per COVID 19 aumentano ancora una volta in una quarta ondata più di 18 mesi dopo l'inizio della pandemia, alcuni pazienti continuano...

Acne: sviluppato nuovo dispositivo per il trattamento

(Acne-Immagine Credit Public Domain). Traendo ispirazione dalla natura, un team di scienziati internazionali ha inventato un dispositivo intelligente per la cura personalizzata della pelle modellato...

Mutazioni genetiche: dove e come nascono?

(Mutazioni genetiche-Immagine Credit Public Domain). La trasmissione precisa dell'informazione genetica da una generazione all'altra è fondamentale per la vita. È diventato sempre più chiaro che...

Charcot-Marie-Tooth: RNA transfer nuovo trattamento

(Charcot-Marie-Tooth.Immagine Credit Public Domain). Un team di scienziati guidato da Erik Storkebaum del Donders Institute della Radboud University ha decifrato il meccanismo molecolare alla base...