HomeSaluteTrattamento osteopatico manuale riduce il mal di schiena cronico

Trattamento osteopatico manuale riduce il mal di schiena cronico

I numeri sono da capogiro. Più di 632 milioni di persone nel mondo soffrono di  mal di schiena cronico, ed è una delle principali cause di disabilità. 

Uno studio, pubblicato oggi sulla rivista Annals of Family Medicine, condotto presso la UNTHSC, ha usato il trattamento osteopatico manuale (OMT) e terapia ad ultrasuoni per il trattamento del mal di schiena cronico,  in 455 adulti. I pazienti che hanno partecipato allo studio,  hanno ricevuto la terapia ad ultrasuoni e non hanno visto alcun miglioramento, ma i pazienti che hanno ricevuto il trattamento osteopatico manuale,  hanno avuto un miglioramento significativo del dolore ed hanno utilizzato meno farmaci di prescrizione.

Dei pazienti che hanno ricevuto OMT, quasi due terzi avevano una riduzione del 30 per cento del livello di dolore e l’altra metà ha avuto una riduzione del 50 per cento. I pazienti hanno ricevuto sei trattamenti durante il corso dello studio.

- Advertisement -

“Uno dei grandi vantaggi del trattamento osteopatico manuale è che ha pochi effetti collaterali rispetto ad altri trattamenti comuni per il mal di schiena cronico, che spesso comportano gravi effetti collaterali”, ha dichiarato Licciardone. “Nel nostro studio, i pazienti che avevano alti livelli di dolore hanno avuto una riduzioni ancora maggiore, del dolore. Così, il trattamento OMT non solo funziona per ridurre il dolore, ma  sembra funzionare ancora meglio nelle persone che soffrono di alti livelli di dolore. Queste sono le stesse persone  spesso trattate con farmaci  come Oxy Contin e Vicodin, iniezioni epidurali di steroidi o interventi chirurgici. Il nostro obiettivo è  ridurre l’uso di questi farmaci e di procedure invasive, aiutando le persone a sentirsi meglio con un trattamento manuale  che ha pochi effetti collaterali e che  contribuisce in modo significativo, alla gestione del dolore cronico. “

“Per più di 100 anni, i medici osteopati si sono concentrati sul rapporto tra struttura e funzione nel corpo umano. L’utilizzo di queste interrelazioni per diagnosticare e curare il dolore cronico, ha  aiutato i pazienti a stare meglio e ora abbiamo prove scientifiche che questi metodi producono da moderati a notevoli benefici nel trattamento del mal di schiena cronico che è notoriamente difficile da gestire “, ha aggiunto il ricercatore.

Licciardone ha concluso, “Ora che abbiamo le prove di  un moderato o  notevole sollievo dal dolore e una riduzione nell’uso di farmaci di prescrizione per 12 settimane, abbiamo bisogno di  un periodo più lungo follow-up per vedere se siamo in grado di mantenere o migliorare questi risultati. “

Questa ricerca è stata finanziata dal National Institutes of Health-Centro Nazionale per la medicina complementare e alternativa (K24-AT002422) e la Heritage Foundation Osteopathic. 

- Advertisement -

Fonte The Annals of Family Medicine , 2013; 11 (2): 122 DOI: 10,1370 / afm.1468

 

 

 

ULTIMI ARTICOLI

Psoriasi pustolosa generalizzata:nuovo farmaco migliora segni e sintomi

(Psoriasi pustolosa generalizzata-Immagine Credit Public Domain). La psoriasi pustolosa generalizzata (GPP) è una condizione della pelle rara e pericolosa per la vita per la quale...

Schizofrenia e disturbo bipolare: nuovi indizi per il trattamento

(Schizofrenia-Immagine Credito Università di Cambridge). I ricercatori dicono che nuove proteine ​​possono essere utilizzate come indicatori biologici per distinguere tra schizofrenia e disturbo bipolare e...

Omicron: completamente vaccinati a rischio infezione

(Omicron Immagine Credit NIAID RML). Un nuovo studio aggiunge ulteriori prove all'evasione immunitaria di Omicron I risultati suggeriscono che gli individui precedentemente infetti e gli individui...

Omicron: prima analisi al mondo a livello molecolare della sua proteina spike

(Omicron-Immagine:struttura atomica della proteina spike variante di Omicron (viola) legata al recettore ACE2 umano (blu). Credito: Dr. Sriram Subramaniam). I ricercatori dell'UBC sono i primi al...

La variante Alpha si è evoluta per eludere il sistema immunitario

La variante  Alpha (B.1.1.7), che è stata identificata come la prima "variante di preoccupazione" al mondo, è mutata per eludere il nostro "sistema immunitario innato",...