Lo zucchero porta alla morte prematura, ma non a causa dell’obesità

Le diete ricche di zucchero hanno un impatto negativo sulla salute indipendentemente dall’obesità, secondo un nuovo studio condotto da MRC London Institute of Medical Sciences, Regno Unito.

I ricercatori hanno scoperto che la sopravvivenza ridotta delle mosche della frutta alimentate con una dieta ricca di zuccheri non è il risultato dei loro problemi metabolici simili al diabete.

I risultati, pubblicati sulla rivista Cell Metabolism, suggeriscono invece che la morte precoce per eccesso di zucchero nella dieta è correlata all’accumulo di un prodotto di scarto naturale, l’acido urico.

Sappiamo tutti che consumare troppo zucchero non è salutare. Aumenta il rischio di sviluppare disturbi metabolici, come l’obesità e il diabete e può ridurre la nostra aspettativa di vita di diversi anni. Mentre si ritiene che questa riduzione della durata della vita sia causata da difetti metabolici, questo nuovo studio sui moscerini della frutta rivela che potrebbe non essere così.

“Proprio come gli umani, le mosche alimentate con una dieta ricca di zuccheri mostrano molte caratteristiche della malattia metabolica, ad esempio diventano resistenti ai grassi e all’insulina“, afferma la Drr.ssa Helena Cochemé, la principale ricercatrice dello studio. È noto che l’obesità e il diabete aumentano la mortalità nell’uomo e quindi abbiamo sempre pensato che questo fosse il modo in cui lo zucchero in eccesso nella dieta è dannoso per la sopravvivenza nelle mosche“.

Tuttavia, come il sale, anche lo zucchero provoca disidratazione. In effetti, la sete è un sintomo precoce di glicemia alta e diabete. Cochemé continua: “L’acqua è vitale per la nostra salute, ma la sua importanza è spesso trascurata negli studi metabolici. Pertanto, siamo rimasti sorpresi dal fatto che le mosche alimentate con una dieta ricca di zuccheri non abbiano mostrato una durata ridotta della vita, semplicemente fornendo loro un extra quantità di acqua da bere. Inaspettatamente, abbiamo scoperto che queste mosche mostravano ancora i tipici difetti metabolici associati all’elevata assunzione di zucchero nella dieta”.

Vedi anche: Lo zucchero cambia la chimica del tuo cervello

Sulla base di questo effetto dell’ acqua sulle mosche, il team ha deciso di concentrarsi sul sistema renale delle mosche. Ha dimostrato che l’eccesso di zucchero nella dieta ha causato l’accumulo nelle mosche di una molecola chiamata acido urico. L’acido urico è un prodotto finale della rottura delle purine, che sono importanti elementi costitutivi del nostro DNA. Ma l’acido urico è anche incline a cristallizzare, dando origine a calcoli renali. I ricercatori hanno potuto prevenire questi calcoli, diluendo la loro formazione con acqua potabile o bloccando la produzione di acido urico con un farmaco. A sua volta, questo ha protetto le mosche dalla sopravvivenza ridotta associata a una dieta ricca di zuccheri.

Quindi, questo significa che possiamo mangiare tutte le prelibatezze zuccherate che vogliamo, purché beviamo un sacco di acqua o tè?  “Purtroppo no”, afferma la Dr.ssa Cochemé, “le mosche alimentate con molto zucchero possono vivere più a lungo quando diamo loro molta acqua da bere, ma sono ancora malsane. E nell’uomo, ad esempio, l’obesità aumenta il rischio di malattie cardiache. Ma il nostro studio suggerisce che l’interruzione del percorso delle purine è il fattore limitante per la sopravvivenza delle mosche alimentate con zucchero elevato, il che significa che la morte precoce non è necessariamente una conseguenza diretta dell’obesità stessa “.

Per comprendere l’impatto degli zuccheri dietetici sulla salute umana, i collaboratori dell’Università di Kiel in Germania hanno esplorato l’influenza della dieta su volontari sani. Sorprendentemente, proprio come le mosche, abbiamo scoperto che l’assunzione di zucchero nella dieta nell’uomo era associata a peggioramento della funzionalità renale e livelli più elevati di purina nel sangue“, afferma il Prof. Christoph Kaleta, coautore dello studio.

L’accumulo di acido urico è una causa diretta nota di calcoli renali nell’uomo, così come della gotta, una forma di artrite infiammatoria. Anche i livelli di acido urico tendono ad aumentare con l’età e possono prevedere l’insorgenza di malattie metaboliche come il diabete. “Sarà molto interessante esplorare come i nostri risultati si traducono negli esseri umani e se il percorso delle purine contribuisca anche a regolare la sopravvivenza umana“, conclude Cochemé. “Ci sono prove sostanziali che ciò che mangiamo influenza la nostra aspettativa di vita e il nostro rischio di malattie legate all’età. Concentrandosi sul percorso delle purine, il nostro gruppo spera di trovare nuovi obiettivi terapeutici e strategie che promuovano l’invecchiamento in buona salute“.

Fonte: Cell Metabolism