Lo zucchero cambia la chimica del tuo cervello

0
25

L’idea della dipendenza da cibo è un argomento molto controverso tra gli scienziati. I ricercatori dell’Università di Aarhus hanno approfondito questo argomento ed esaminato cosa succede nel cervello dei maiali quando bevono acqua zuccherata. La conclusione è chiara: lo zucchero influenza i circuiti di ricompensa del cervello in modo simile a quelli osservati quando si consumano droghe che creano dipendenza.

I risultati dello studio sono stati appena pubblicati sulla rivista Scientific Reports.

Chiunque abbia cercato disperatamente nei propri mobili da cucina un pezzo di cioccolato dimenticato sa che il desiderio di cibo appetibile può essere difficile da controllare.

Ma è davvero dipendenza?

“Non c’è dubbio che lo zucchero abbia diversi effetti fisiologici e ci sono molte ragioni per cui non è salutare. Ma avevamo avuto dubbi sugli effetti dello zucchero sul nostro cervello e sul nostro comportamento e speravo di riuscire a sconfiggere un mito “, afferma Michael Winterdahl, Professore associato presso il dipartimento di medicina clinica dell’Università di Aarhus e uno dei principali autori del lavoro.

La pubblicazione si basa su esperimenti condotti utilizzando sette suini che hanno ricevuto due litri di acqua zuccherata ogni giorno per un periodo di 12 giorni. Per mappare le conseguenze dell’assunzione di zucchero, i ricercatori hanno osservato le immagini del cervello dei maiali all’inizio dell’esperimento, dopo il primo giorno e dopo il 12 ° giorno di assunzione di acqua zuccherta.

Vedi anche, Le abbuffate di zucchero aumentano il rischio di malattie infiammatorie intestinali

Dopo solo 12 giorni di assunzione di zucchero, abbiamo potuto vedere importanti cambiamenti nei sistemi della dopamina e oppioidi del cervello. In effetti, il sistema oppioide, che è quella parte della chimica del cervello che è associata al benessere e al piacere, era già attivato dopo la prima assunzione “, afferma Winterdahl.

Quando sperimentiamo qualcosa di significativo, il cervello ci premia con un senso di godimento, felicità e benessere. Può accadere a seguito di stimoli naturali, come il sesso o la socializzazione, o dall’apprendimento di qualcosa di nuovo. “Stimoli “naturali” e “artificiali”, come i farmaci, attivano il sistema di ricompensa del cervello, dove vengono rilasciati neurotrasmettitori come la dopamina e gli oppioidi”, spiega Winterdahl.
“Se lo zucchero può cambiare il sistema di ricompensa del cervello dopo solo dodici giorni, come abbiamo visto nel caso dei maiali, puoi immaginare che stimoli naturali come l’apprendimento o l’interazione sociale vengano spinti in secondo piano e sostituiti dallo zucchero e / o altro ‘, stimoli artificiali”, ha aggiunto il ricercatore.
Quando si esamina se una sostanza come lo zucchero crea dipendenza, si studiano in genere gli effetti sul cervello dei roditori. “Sarebbe, naturalmente, ideale se gli studi potessero essere condotti sugli stessi esseri umani, ma gli esseri umani sono difficili da controllare e i livelli di dopamina possono essere modulati da una serie di diversi fattori. Sono influenzati da ciò che mangiamo, dai giochi sui nostri telefoni o se iniziamo una nuova relazione sentimentale nel mezzo della sperimentazione, con il potenziale di grande variazione nei dati”.
Fonte, Nature