HomeSaluteTumorill cancro negli under 50 è in aumento a livello globale, perché?

ll cancro negli under 50 è in aumento a livello globale, perché?

(Cancro-Immagine Credit Public Domain).

Sappiamo cosa dobbiamo fare per ridurre il rischio di contrarre il cancro, giusto? Smettere di fumare, evitare cibi trasformati, mantenersi in forma, perdere peso e dormire a sufficienza. Ma cosa accadrebbe se gran parte di ciò che causa il cancro fosse già accaduto nei nostri primi anni, o peggio ancora, prima della nostra nascita?

Un recente studio del Brigham and Women’s Hospital e dell’Università di Harvard afferma che potrebbe essere il caso, specialmente nei tumori che si verificano prima dei 50 anni (tumori a esordio precoce).

- Advertisement -

La scoperta più importante di questo studio, pubblicato su Nature Reviews Clinical Oncology, è che le persone nate dopo il 1990 hanno maggiori probabilità di sviluppare il cancro prima dei 50 anni rispetto alle persone nate, ad esempio, nel 1970. Ciò significa che i giovani saranno più pesantemente gravati dal cancro rispetto alle generazioni passate, con effetti a catena su sanità, economia e famiglie.

Ciò a cui siamo esposti nella prima infanzia può influenzare il nostro rischio di sviluppare il cancro più avanti nella vita e questa revisione delle tendenze del cancro esamina come questi fattori potrebbero influenzare i tumori a esordio precoce. Ciò che le esposizioni causano nella prima infanzia non è ancora del tutto chiaro, ma i primi fattori di rischio sono la dieta, lo stile di vita, l’ambiente e i batteri che vivono nel nostro intestino (il microbioma).

Osservando un gran numero di persone, i ricercatori possono vedere che le abitudini alimentari e di stile di vita si formano all’inizio della vita. Questo è osservato nell’obesità: i bambini obesi hanno maggiori probabilità di diventare adulti obesiPoiché l’obesità è un noto fattore di rischio per il cancro, ne consegue che è probabile che quegli adulti sviluppino il cancro in età precoce, probabilmente perché sono stati esposti al fattore di rischio per un tempo più lungo.

Naturalmente, alcuni di questi tumori a esordio precoce vengono rilevati attraverso migliori programmi di screening e diagnosi precoce, il che contribuisce all’aumento del numero di nuovi tumori diagnosticati ogni anno, in tutto il mondo. Ma non è tutta qui la storia.

- Advertisement -

I tumori a esordio precoce hanno firme genetiche diverse rispetto ai tumori a esordio tardivo e hanno maggiori probabilità di diffondersi rispetto ai tumori diagnosticati in età avanzata. Ciò significa che questi tumori potrebbero richiedere diversi tipi di trattamento e un approccio più personalizzato, adattato all’età del paziente nel momento in cui si è sviluppato il cancro.

Batteri intestinali

Lo studio Brigham ha esaminato 14 tipi di cancro e ha scoperto che la composizione genetica del cancro e l’aggressività e la crescita del cancro erano diverse nei pazienti che lo sviluppavano prima dei 50 anni rispetto a quelli che sviluppavano lo stesso cancro dopo i 50 anni.

Questo sembrava essere più evidente in diversi tipi di tumori intestinali (colorettale, pancreatico, dello stomaco). Una possibile ragione di ciò riguarda la nostra dieta e il microbioma.

I batteri intestinali sono alterati da diete ricche di zuccheri, antibiotici e allattamento al seno. E poiché questi modelli cambiano nella società nel tempo, così cambiano i batteri nel nostro intestino.

Un sacco di cibi dolci su un tavolo.
I batteri intestinali vengono modificati da una dieta ricca di zuccheri. Oleksandra Naumenko/Shutterstock

Se le nostre cellule sane sono programmate nell’utero, allora potrebbero esserlo anche le cellule che potrebbero causare il cancro. 

È noto che la dieta materna, l’obesità e le esposizioni ambientali, come l’inquinamento atmosferico e i pesticidi, aumentano il rischio di malattie croniche e tumori.

Vedi anche:Il cancro ha molto coraggio

Al contrario, le severe restrizioni sull’assunzione di cibo in gravidanza, come si è visto durante la carestia, aumentano il rischio di cancro al seno nella prole. Entrambi questi risultati avrebbero implicazioni diverse per gli approcci sociali alla riduzione del rischio di cancro.

“In qualità di ematologo, mi occupo di pazienti con mieloma multiplo, un tumore del sangue incurabile che di solito colpisce i pazienti di età superiore ai 70 anni. Negli ultimi anni, c’è stato un aumento del numero di giovani con diagnosi di questo tumore nel mondo, che è spiegato solo in parte da un migliore screening. Questo studio segnala l’obesità come un importante fattore di rischio per la malattia ad esordio precoce, ma chiaramente ci sono altri fattori di rischio ancora da scoprire”, dice Siobhan Glavey, Professore di Patologia, Università di Medicina e Scienze della Salute RCSI.

Capire cosa fa funzionare i tumori a esordio precoce, quali esposizioni contano davvero e cosa si può fare per prevenirli, sono alcuni dei primi passi per lo sviluppo di strategie di prevenzione per le generazioni future.

Fonte: The Conversation

 

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...