HomeSaluteCervello e sistema nervosoGiornata Mondiale dell'Alzheimer: 21 Settembre 2022

Giornata Mondiale dell’Alzheimer: 21 Settembre 2022

(Giornata Mondiale dell’Alzheimer-Immagine Ctredit Public Domain).

Il 21 settembre di ogni anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Alzheimer. In questo giorno, il mondo concentra i suoi sforzi sulla creazione di consapevolezza sul morbo di Alzheimer. La malattia è tra le forme più diffuse di demenza; un insieme di disturbi che interrompono la funzione mentale. La Giornata mondiale dell’Alzheimer è l’occasione perfetta per alzare la voce e trovare nuovi modi per combattere gli effetti della malattia.

STORIA DELLA GIORNATA MONDIALE DELL’ALZHEIMER

L’Alzheimer è una forma di demenza che colpisce la memoria e altera le funzioni quotidiane. È responsabile da qualche parte tra il 60% e l’80% dei casi di demenza. Alois Alzheimer, uno psichiatra tedesco, fu il primo a identificare la malattia mentre curava una donna tedesca nel 1901. La malattia prese il suo nome.

- Advertisement -

La condizione è spesso considerata una malattia familiare a causa dell’impatto che ha sulle persone più vicine alla vittima. L’Alzheimer è tra le principali cause di morte. Non ci sono misure di prevenzione e non ha cura, anche la progressione della malattia non può essere rallentata.

Fondata nel 1984, l’Alzheimer’s Disease International (ADI) ha il compito di assistere le vittime e condurre attività di sensibilizzazione per educare le persone e accelerare le relative politiche.
Nel 1994, l’ADI ha introdotto la Giornata Mondiale dell’Alzheimer a Edimburgo durante la Conferenza annuale del 21 settembre per celebrare il suo decimo anniversario. L’ADI coordina la Giornata mondiale dell’Alzheimer e il Mese mondiale dell’Alzheimer in tutto il mondo, collaborando con le Organizzazioni e le Associazioni membri per organizzare eventi e creare consapevolezza.

Il primo “Rapporto mondiale sull’Alzheimer” è stato lanciato nel 2009 in occasione della Giornata mondiale dell’Alzheimer e da allora sono stati pubblicati rapporti annuali ogni anno. Sebbene l’impatto dell’osservanza si stia diffondendo, il divario informativo e la stigmatizzazione sulla demenza rimangono un problema. Molte persone vedono la malattia come una parte naturale del processo di invecchiamento.

Certo, l’avanzamento dell’età è tra le principali cause del morbo di Alzheimer, ma non è del tutto una malattia dell’anziano. Ci sono circa 200.000 persone di età inferiore ai 65 anni che lottano con l’Alzheimer nei soli Stati Uniti.

- Advertisement -

Per celebrare questa osservanza, le persone e le organizzazioni interessate possono partecipare creando consapevolezza e raggiungendo l’associazione Alzheimer della loro Nazione.

Giornata Mondiale dell’Alzheimer: l‘obiettivo è rallentare la malattia

Tra le malattie neurodegenerative, l’Alzheimer ha il peso maggiore (rappresenta il 60% di tutte le forme di demenza) con 40 milioni di persone colpite nel mondo e 150mila nuovi casi l’anno solo in Italia.

Purtroppo, gli studi hanno collezionato vari fallimenti anche se sono stati ottenuti miglioramenti nella gestione della patologia.

21 Settembre Giornata mondiale dell'Alzheimer – Comfortcura

A che punto è la ricerca?

Una nuova speranza, arriva da una piccola promettente molecola chiamata  Donanemab  in sperimentazione, sulla quale  stanno puntando i ricercatori a livello mondiale. In uno studio di fase intermedia, la molecola ha rallentato il tasso di declino dell’attività cognitiva e funzionale. La sperimentazione proseguirà con un nuovo studio su 500 pazienti. Si tratta di un anticorpo creato per rimuovere, a livello del cervello, le placche di proteina beta amiloide, correlate alla malattia. Ha dimostrati di rallentare il tasso di declino dell’attività cognitiva e funzionale del 32% rispetto al placebo.

Inoltre pochi giorni fa un altro studio apre le porte a nuovi possibili sviluppi terapeutici: i ricercatori dell’Istituto Neurologico Carlo Besta in collaborazione con l’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri hanno sviluppato una nuova molecola anti-Alzheimer. Si tratta di un composto organico somministrato per via intranasale nelle fasi precoci della malattia che, nello studio su topi, inibisce l’accumulo della proteina beta amiloide proteggendo i neuroni dai suoi effetti tossici.

Uno studio, coordinato dall’Istituto di ricerca medico statunitense Sanford-Burnham, punta anche sulla combinazione di due farmaci già esistenti che hanno determinato una nuova molecola, la nitroMemantina, in grado di combattere i danni provocati dall’Alzheimer, ripristinando le connessioni nervose danneggiate. Lo studio si avvia ora verso la fase dei test clinici.

Vedi anche:‘Alzheimer potrebbe essere una malattia autoimmune

Un altro recente studio dell’Università di Ferrara ha dimostrato che i farmaci in uso oggi, gli inibitori della acetilcolinesterasi (AChEI), la cui efficacia è stata ripetutamente messa in dubbio in passato, sono effettivamente utili a rallentare il declino delle funzioni cognitive nel tempo e riducono la mortalità di circa il 40%.

Complessivamente, secondo una ricerca dell’Università di Washington, in Italia il numero delle persone con demenza è destinato ad aumentare del 56% entro il 2050, quando le persone colpite saranno 2.316.951. Nel mondo, invece, la previsione è di 139 milioni entro il 2050. Numeri enormi che determinano un forte impatto sulle famiglie, con costi economici spesso difficilmente sostenibili. Secondo una ricerca dell’Associazione Italiana Malattia di Alzheimer Aima e Censis nel 2016, il costo medio annuo stimato per paziente è di oltre 70mila euro e la maggior parte è a carico delle famiglie. La prognosi media della malattia di Alzheimer è di 12 anni e le persone coinvolte nell’assistenza sono 3 mln, soprattutto donne”.

Il World Alzheimer Report 2022 sarà incentrato sul supporto post-diagnosi, a seguito del rapporto dell’anno scorso sulla diagnosi.

Il rapporto annuale affronterà quella che forse è la sfida più grande che la comunità globale della demenza deve affrontare oggi ed esaminerà le aree relative alla pianificazione, alla realizzazione, all’innovazione, alle lacune, alle barriere e alle soluzioni.

I livelli e la qualità del supporto post-diagnosi variano ampiamente in tutto il mondo e le evidenti lacune nell’offerta stanno lasciando molte persone affette da demenza, i loro caregiver e familiari, senza supporto e servizi tanto necessari.

Tuttavia, ci sono anche modelli esemplari emergenti in alcuni paesi, che il rapporto esaminerà ulteriormente facendo luce sulle innovazioni in tutto il settore e offrendo soluzioni a quella che è un’area incredibilmente complessa e stimolante.

Il webinar di lancio del rapporto includerà alcuni degli autori principali del rapporto, tra cui il Dottor Serge Gauthier e l’ex badante Claire Webster della McGill University, Montreal. Ascolteremo anche testimonianze delle esperienze vissute da persone affette da demenza, nonché da numerosi autori di saggi di esperti all’interno del rapporto.

Durante la tavola rotonda, metteremo in evidenza i risultati e le raccomandazioni chiave del rapporto e chiederemo come l’esperienza post-diagnosi in tutto il mondo può essere migliorata radicalmente, in particolare in linea con le aree di azione 4 e 5 del piano d’azione globale dell’OMS sulla demenza .

Le aree chiave su cui si concentrerà il World Alzheimer Report 2022 includono:
  • L’impatto della diagnosi sulle persone affette da demenza, sui loro caregiver e sulle famiglie
  • Considerazioni mediche, emotive e pratiche durante le fasi iniziali, intermedie e tardive della demenza, comprese le diverse forme di demenza
  • Interventi farmacologici, cognitivi e multidominio attuali e futuri nella demenza
  • L’impatto della cultura e della società sul supporto post-diagnosi per le persone affette da demenza, introducendo modelli di cura da tutto il mondo
  • L’importanza dell’educazione alla demenza.

Fonte:National Today

 

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...