HomeSaluteL'invecchiamento del rene danneggia il cervello

L’invecchiamento del rene danneggia il cervello

Una buona quantità di prove indica il declino della funzione renale come causa del declino della funzione cognitiva nell’invecchiamento. Esistono forti correlazioni tra la perdita della funzione renale e il rischio di demenza, per esempio.

La correlazione non è una pistola fumante in materia di invecchiamento, tuttavia: è possibile che una qualsiasi delle forme sottostanti di danno molecolare che causano l’invecchiamento, o le conseguenze intermedie di tale danno, dia origine a patologie altrimenti non correlate in diverse parti del il corpo. Tali patologie compaiono più spesso nelle persone con maggiori quantità di quella forma di danno, e quindi appaiono correlate.

Tuttavia, ci sono buone ragioni per pensare che l’insufficienza renale e le sue conseguenze a valle contribuiscano in modo significativo alla neurodegenerazione, forse in gran parte degradando la funzione del sistema vascolare. L’invecchiamento vascolare può causare danni e disfunzioni nel tessuto cerebrale attraverso numerosi meccanismi, tra cui il danno da pressione dell’ipertensione, un danno simile derivante da un’accelerazione dell’aterosclerosi, il mancato apporto di nutrienti e ossigeno sufficienti al cervello assetato di energia, l’interruzione del flusso sanguigno e una barriera cerebrale disfunzionale che consente alle cellule e alle molecole infiammatorie di entrare nel cervello. Il rene e il cervello, in quanto organi terminali ad alto flusso che si basano su meccanismi di autoregolazione, hanno proprietà emodinamiche anatomiche e fisiologiche uniche. Allo stesso modo, i due organi condividono un modello comune di disfunzione microvascolare a causa dell’invecchiamento e dell’esposizione a fattori di rischio vascolare (p. es., ipertensione, diabete e fumo) e quindi progrediscono parallelamente in una condizione sistemica nota come malattia dei piccoli vasi (SVD). Molti studi epidemiologici hanno dimostrato che anche una lieve disfunzione renale è fortemente associata a forme acute e croniche di malattia cerebrovascolare.

- Advertisement -

Oltre alla SVD ischemica, l’insufficienza renale aumenta il rischio di eventi cerebrovascolari acuti correlati a diverse patologie sottostanti, in particolare ictus arterioso di grandi dimensioni ed emorragia intracerebrale. Altre manifestazioni cerebrali croniche di SVD sono associate in modo variabile con la malattia renale. Dati osservazionali hanno suggerito l’ipotesi che la funzione renale influenzi la malattia cerebrovascolare indipendentemente e in aggiunta all’effetto di noti fattori di rischio vascolare, che influenzano sia la microvascolarizzazione renale che cerebrale. Oltre a confermare questa associazione indipendente, recenti studi genetici umani su larga scala hanno contribuito a districare le potenziali associazioni causali dalla predisposizione genetica condivisa e a risolvere l’incertezza sulla direzione della causalità tra malattie renali e cerebrovascolari.

Vedi anche:Invecchiamento cellulare: chiarito un paradosso di base

L’aterosclerosi accelerata, l’autoregolazione cerebrale alterata, il rimodellamento del sistema vascolare cerebrale, l’infiammazione cronica e la disfunzione endoteliale, possono essere proposti per spiegare i meccanismi additivi attraverso i quali la disfunzione renale porta a SVD cerebrale e altri eventi cerebrovascolari. L’epidemiologia genetica può anche aiutare a identificare nuovi percorsi patologici che collegano la disfunzione renale e la patologia vascolare cerebrale. La necessità di identificare ulteriori meccanismi patologici alla base della malattia renale e cerebrovascolare è attestata dall’effetto limitato delle attuali opzioni terapeutiche nella prevenzione della malattia cerebrovascolare nei pazienti con insufficienza renale.

Fonte: FigthAging

ULTIMI ARTICOLI

Declino cognitivo: fattori sorprendenti che possono proteggerti

(Declino cognitivo-Immagine Credit Public Domain). L'istruzione, il lavoro e la vita sociale possono aiutare a proteggere il cervello dal declino cognitivo. Perché alcuni individui con placche...

Cancro del polmone: scoperto nuovo target genetico

(Cancro del polmonde-Immagine:Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico). Gli scienziati della Northwestern Medicine hanno identificato e descritto un nuovo gene responsabile dell'attivazione di un sottotipo aggressivo...

RNA: nuovo tipo inibisce un’ampia gamma di infezioni virali

(RNA-Immagine: astratto grafico. Credito: Terapia Molecolare - Acidi Nucleici (2022). DOI: 10.1016/j.omtn.2022.08.031). L'RNA è spesso descritto come il cugino a filamento singolo del DNA, la molecola a doppio filamento...

Morbo di Crohn: risolto il mistero dell’insorgenza?

(Morbo di Crohn-Immagine: micrografia ad alto ingrandimento del morbo di Crohn. Biopsia dell'esofago. Macchia H&E. Credito: Nephron/Wikipedia). Un nuovo studio potrebbe aver risolto un mistero che circonda il...

Sconfiggere il cancro con i neutroni

(Cancro-Terapia con i neutroni-Immagine Credit Public Domain). La terapia di cattura dei neutroni con boro (BNCT) è una modalità di trattamento emergente volta a migliorare...