L’HPV potrebbe annidarsi nella gola

HPV

Immagine: cripte di tonsille con papillomavirus umano (HPV, verde) in strati epiteliali e di biofilm (rosso) . Credit:Katherine Rieth. 

Il virus del papilloma umano (HPV), il responsabile del cancro del collo dell’utero e alcune forme di cancro alla testa e al collo puo’ nascondersi in piccole tasche sulla superficie delle tonsille. La scoperta, riportata dai ricercatori del Medical Center dell’Università del Rochester nel Journal of American Medical Association, potrebbe essere fondamentale per la prevenzione dei tumori orofaringei che si formano sulle tonsille e sulla lingua.

A metà dell’età adulta, la maggior parte delle persone è stata esposta all’HPV. Gli stessi ceppi che causano il cancro cervicale (principalmente HPV 16 e 18) causano tumori della testa e del collo. Sebbene esistano test per rilevare l’HPV nelle persone prima che sviluppino un cancro cervicale, lo stesso non è vero per i tumori della testa e del collo correlati all’HPV, che si prevede supereranno i casi di cancro della cervice entro il 2020.

( Vedi anche: Cresce la minaccia dei tumori della bocca e della gola HPV correlati).

Solo circa il 5% delle persone infette da HPV svilupperà il cancro della bocca o della gola, suggerendo che il sistema immunitario di molte persone può facilmente trattenere le infezioni da HPV. Il che fa sorgere la domanda, perché il sistema immunitario non protegge il cinque percento che sviluppa il cancro?

Matthew Miller, MD, Professore associato di Otorinolaringoiatria e Neurochirurgia presso URMC ritiene che la risposta risieda nei biofilm: fogli sottili e viscidi di batteri. Lui ed i suoi colleghi hanno trovato l’HPV racchiuso in biofilm all’interno di tasche sulla superficie delle tonsille, chiamate cripte tonsillari che è il luogo in cui i tumori della testa e del collo correlati all’HPV spesso hanno origine.

Miller e la coautrice dello studio, Katherine Reith, del Dip. di otorinolaringoiatrico presso l’URMC, hanno studiato campioni di tessuto da 102 pazienti con tonsillectomie elettive. Cinque di questi campioni contenevano HPV e quattro ceppi ad alto rischio contenuti, HPV 16 e 18. In ogni caso, l’HPV è stato trovato nei biofilm delle cripte delle tonsille.

Il gruppo di ricerca ritiene che l’HPV sia eliminato dalla tonsilla durante un’infezione attiva e rimane intrappolato nel biofilm, dove può essere protetto dall’attacco immunitario. Nelle cripte, il virus probabilmente attende un’occasione per reintegrare l’infezione o invadere il tessuto tonsillare per sviluppare il cancro.

“Data la mancanza di immunizzazione universale HPV e il potenziale per il virus di eludere il sistema immunitario anche in individui con HPV rilevabile nel sangue, le nostre scoperte potrebbero avere implicazioni di vasta portata per identificare le persone a rischio di sviluppare cancri della testa e collo correlati all’ HPV e alla fine prevenirli”, ha detto Miller.

Ora, il team prevede di indagare su potenziali strumenti di screening per rilevare l’HPV nella bocca e nella gola. Il prossimo passo sarà quello di sviluppare antimicrobici topici che interrompano il biofilm e consentono al sistema immunitario di liberare il virus.

Mentre gli scienziati non sanno ancora se i vaccini HPV riducono il tumore della testa e del collo, Miller raccomanda a tutti i ragazzi e le ragazze di ricevere un ciclo completo delle vaccinazioni e spera che migliori strumenti di screening per l’HPV orale contribuiranno a determinare l’impatto del vaccino su questi tumori.

Fonte: University of Rochester Medical Center


Altri articoli su HPV