HomeSaluteTumoriLeucemia recidivante: risultati promettenti da combinazione di farmaci

Leucemia recidivante: risultati promettenti da combinazione di farmaci

(Leucemia recidivante-Immagine Credito Journal of Clinical Oncology (2022). DOI: 10.1200/JCO.22.00602).

Una combinazione di due farmaci ha mostrato risultati promettenti nel trattamento della leucemia mieloide acuta (LMA) recidivante o refrattaria con mutazioni nel gene della tirosina chinasi 3 (FLT3) simile a FMS, secondo uno studio di Northwestern Medicine pubblicato sul Journal of Clinical Oncology.

La combinazione di Venetoclax, un inibitore di BCL2 e Gilteritinib, un inibitore di FLT3, ha il potenziale per migliorare i risultati e consentire ai pazienti di utilizzare farmaci per via orale invece di trattamenti che devono essere somministrati in Ospedale, secondo l’autrice senior dello studio Jessica Altman, MD, Professore di Medicina presso la Divisione di Ematologia e Oncologia.

- Advertisement -

Secondo uno studio precedente pubblicato sul New England Journal of Medicine, la sopravvivenza dei pazienti con leucemia mieloide acuta refrattaria o recidiva è migliorata quando si utilizza Gilteritinib, rispetto alla chemioterapia. Gilteritinib prende di mira la mutazione FLT3. Tipicamente, la LMA recidivante o refrattaria ha una sopravvivenza globale medianaQ da quattro a sette mesi con approcci chemioterapici standard.

Nell’attuale studio di fase II, i ricercatori hanno studiato l’efficacia dell‘aggiunta di Venetoclax a Gilteritinib. I ricercatori hanno trattato quotidianamente i pazienti con leucemia mieloide acuta recidivante o refrattaria con Venetoclax e Gilteritinib. Dei 61 pazienti arruolati, 56 di loro avevano una leucemia con la mutazione FLT3 e il 64% di quelli con la mutazione aveva ricevuto una precedente terapia con inibitori di FLT3.

Lo studio ha trovato una risposta molecolare, definita come FLT3-ITD VAF inferiore o uguale a 10 nel 60% dei partecipanti con FLT3-ITD che hanno raggiunto una remissione completa modificata, che era superiore a quella del solo Gilteritinib.

Vedei anche:Leucemia mieloide acuta: composto naturale potenziale trattamento

- Advertisement -

“Sebbene la combinazione di farmaci abbia dimostrato di essere più efficace”, ha detto Altman, “è associata alla mielosoppressione. La maggior parte dei partecipanti allo studio ha sperimentato citopenie, una conta dei globuli inferiore al normale, correlata a questa terapia, quindi le persone che seguono queste terapie necessitano di un monitoraggio frequente dell’emocromo. Sono state utilizzate interruzioni della dose e modifiche di Venetoclax per mitigare la mielosoppressione.

Il tasso di risposta completa composita modificata (mCRc) per i pazienti con mutazioni FTL3 era del 75%.

Prima dell’approvazione di Gilteritinib, lo standard di cura per questi pazienti richiedeva normalmente il ricovero in Ospedale per un mese o più con chemioterapia intensiva.

“Essere in grado di offrire ai pazienti una terapia orale in modo che possano stare a casa è piuttosto notevole”, ha detto Altman. “Anche se devono venire per frequenti esami di laboratorio e visite con noi, riescono comunque a sentirsi a proprio agio nelle loro case”.

Al di là di questa combinazione di farmaci, Altman ha affermato che questo studio apre le porte all’esame di questi tipi di trattamenti farmacologici combinati nelle prime fasi della terapia. Questo trattamento non è curativo, ma può consentire ai pazienti di accedere al trattamento curativo di un trapianto di cellule staminali. Secondo gli autori, terapie come questa potrebbero essere studiate anche negli adulti più giovani.

Fonte:Journal of Clinical Oncology 

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...