HomeAlimentazione & BenessereIl colesterolo alto causa cicatrici epatiche e disfunzione delle cellule immunitarie

Il colesterolo alto causa cicatrici epatiche e disfunzione delle cellule immunitarie

(Colesterolo-Immagine:disegno sperimentale e impatto del colesterolo alimentare sul modello murino di NASH. Credito:Frontiere in immunologia (2022). DOI: 10.3389/fimmu.2022.968366).

Esiste un legame di lunga data tra una dieta ricca di grassi e zuccheri e la steatosi epatica, che può portare a condizioni pericolose per la vita come la cirrosi e il cancro al fegato. Ora, una nuova ricerca della Keck School of Medicine della USC aggiunge alcuni dettagli e dimensioni a questo quadro.

L’eccessivo colesterolo alimentare viene immagazzinato preferenzialmente nel fegato, favorendo lo sviluppo della steatoepatite non alcolica (NASH), caratterizzata da progressiva infiammazione epatica e fibrosi. Prove emergenti indicano un contributo critico dei macrofagi epatici alla gravità della NASH. Tuttavia, l’impatto del colesterolo su queste cellule nel contesto della NASH rimane sfuggente.

- Advertisement -

In questo studio, i ricercatori dimostrano che il contenuto di colesterolo nella dieta influisce direttamente sull’espressione genica globale dei macrofagi epatici. I nostri risultati suggeriscono che le modifiche innescate dall’assunzione prolungata di colesterolo alto inducono un danno epatico di lunga durata e supportano l’espansione di una popolazione di macrofagi riparatori pro-fibrotici disfunzionali anche dopo la riduzione del colesterolo.

Lo studio, pubblicato su Frontiers in Immunology, è il primo in assoluto a concentrarsi su come diverse quantità di colesterolo come parte di una dieta ricca di grassi e zuccheri influenzino la progressione della steatosi epatica. Modellando la malattia nei topi, i ricercatori hanno dimostrato che l’assunzione di colesterolo dalla dieta può peggiorare la steatosi epatica, causando infiammazione e cicatrici, e che, soprattutto, il tessuto cicatriziale può persistere anche dopo essere passati a una dieta a basso contenuto di colesterolo. I risultati dello studio hanno anche indicato che una dieta ricca di colesterolo può creare disfunzioni di lunga durata in una specifica popolazione di cellule immunitarie precedentemente indicate per svolgere un ruolo nella steatosi epatica.

Il fegato è un organo metabolico cruciale per la biosintesi, l’elaborazione e l’eliminazione dei lipidi. L’accumulo anormale di lipidi epatici è un segno distintivo della steatosi, una parte condizionale dello spettro della steatosi epatica non alcolica (NAFLD). Questi lipidi derivano tipicamente dalla dieta, dalla lipogenesi de novo o dalla lipolisi del tessuto adiposoLa steatosi epatica è spesso benigna, ma può evolvere in steatoepatite non alcolica (NASH), caratterizzata da danno cellulare epatico e necroinfiammazione. La NASH può evolvere in cirrosi, insufficienza epatica allo stadio terminale e carcinoma epatocellulare, che rappresentano la ragione più comune di insufficienza epatica terminale nelle società occidentali.

“Abbiamo visto che alti livelli di colesterolo alto nella dieta accelerano il processo che causa l’infiammazione nel fegato“, ha affermato l’autrice corrispondente Ana Maretti-Mira, Ph.D. ., un assistente Prof.ssa di medicina alla USC. “Le persone si concentrano sul colesterolo alto come rischio di malattie cardiache, ma abbiamo dimostrato che anche il fegato può essere colpito e che il colesterolo alto causa infiammazioni, cicatrici e, potenzialmente, cirrosi“.

Il colesterolo alto peggiora la steatosi epatica
- Advertisement -

I ricercatori hanno nutrito i topi con una dieta ricca di grassi e zuccheri che hanno dimostrato che questo tipo di dieta causa una forma di steatosi epatica avanzata simile alla malattia umana.

I topi sono stati divisi in tre gruppi che hanno ricevuto diverse quantità di colesterolo nel loro cibo per 20 settimane, la mezza età per gli animali. Il gruppo a basso contenuto di colesterolo ha ricevuto un quarto del colesterolo rispetto a quello medio; il gruppo ad alto contenuto di colesterolo ha ricevuto 25 volte di più rispetto al gruppo a basso contenuto di colesterolo.

Dopo 20 settimane, i fegati dei topi di tutti e tre i gruppi mostravano un accumulo di grasso, una caratteristica benigna della steatosi epatica, ma il gruppo ad alto contenuto di colesterolo presentava una malattia più avanzata, con aumento dell’infiammazione e del tessuto cicatriziale.

Per le successive 10 settimane, i topi di tutti e tre i gruppi hanno ricevuto bassi livelli di colesterolo come parte di una dieta che è rimasta ricca di grassi e zuccheri. Alla fine di quel periodo, quel cambiamento nella dieta aveva invertito l’infiammazione nei topi originali ad alto contenuto di colesterolo, ma non aveva ridotto il tessuto cicatriziale. Questa scoperta mostra che i danni causati dal colesterolo alto possono essere difficili da annullare.

Vedi anche:Colesterolo: scoperta di rare mutazioni genetiche potrebbe portare a nuovi trattamenti

Alterazioni dannose alle cellule polivalenti nella prima linea di difesa dell’organismo

Maretti-Mira e i suoi colleghi hanno anche approfondito i cambiamenti causati da una dieta ricca di colesterolo nelle cellule chiamate macrofagi, che sono importanti per la risposta immunitaria innata, la prima linea delle difese naturali del corpo. Ci sono più ruoli per i macrofagi. Possono stimolare l’infiammazione per combattere gli invasori, sedare l’infiammazione quando il pericolo è passato, comunicare con altre cellule immunitarie e anche aiutare con la guarigione.

I macrofagi sono coinvolti nella steatosi epatica, ma in modo paradossale: sembrano aiutare a guidare il danno, ma il danno non guarisce bene senza di essi.

I ricercatori hanno utilizzato il sequenziamento dell’RNA per contrastare quali geni sono stati attivati ​​nei macrofagi epatici dei topi nello studio con l’espressione genica nei macrofagi normali. In linea con le altre scoperte del team, i geni che causano infiammazioni e cicatrici sono stati attivati ​​dalle diete con colesterolo medio e alto, mentre i geni associati alla guarigione sono stati attivati ​​dal passaggio a un’assunzione di colesterolo basso.

Tuttavia, nei macrofagi del gruppo originale ad alto contenuto di colesterolo, i geni che portano alla formazione di cicatrici sono rimasti attivi anche dopo il passaggio ad una dieta sana. Questo risultato chiave suggerisce che seguire regolarmente una dieta troppo ricca colesterolo può causare cambiamenti a lungo termine e difficili da invertire nei macrofagi, sabotando la loro azione curativa in modo che continuino a causare danni al fegato.

Cosa questo suggerisce per la tua dieta: tutto deve essere in equilibrio

La dieta ricca di grassi e zuccheri somministrata ai topi nello studio ha sfortunate somiglianze con la tipica dieta occidentale degli esseri umani.

“La nostra dieta quotidiana contiene molti carboidrati, come bevande zuccherate, pane, riso e pasta”, ha detto Maretti-Mira. “Poi c’è il contenuto di grassi, dal momento che a tutti piacciono i cibi fritti. Allo stesso tempo, non abbiamo la stessa vita attiva a cui eravamo abituati, quindi finiamo per mangiare molto più di quanto il nostro corpo ha bisogno”.

Tuttavia, il ricercatore sottolinea che i risultati del suo team non suggeriscono che le persone dovrebbero eliminare completamente il colesterolo dalla loro dieta. Dopotutto, per il corretto funzionamento del nostro organismo è necessaria una certa quantità di grasso, compreso il colesterolo.

Piuttosto, la moderazione è la chiave.

“Tutto deve essere in equilibrio”, ha detto Maretti-Mira. “Se cosa – e quanto – mangi sta causando questa eccessiva infiammazione al fegato, è tempo di prendersi cura di te stesso. Cambia la tua dieta ed esercitati di più, così puoi bruciare quel grasso nel fegato, perché può causare danni a a lungo termine”.

Fonte: Frontiers in Immunology 

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...