HomeSaluteTumoriLeucemia mieloide acuta: presto nuova classe di farmaci

Leucemia mieloide acuta: presto nuova classe di farmaci

(Leucemia mieloide acuta-Immagine Credit Public Domain).

Gli scienziati hanno fatto un passo promettente verso lo sviluppo di un nuovo farmaco per il trattamento della leucemia mieloide acuta, una rara malattia del sangue. In uno studio pubblicato oggi su Nature, i ricercatori di Cambridge riportano un nuovo approccio al trattamento del cancro che prende di mira gli enzimi che svolgono un ruolo chiave nella traduzione del DNA in proteine ​​e che potrebbero portare a una nuova classe di farmaci antitumorali.

Il nostro codice genetico è scritto nel DNA, ma per generare proteine ​​- molecole vitali per la funzione degli organismi viventi – il DNA deve prima essere convertito in RNA. La produzione di proteine ​​è controllata da enzimi, che apportano modifiche chimiche all’RNA. Occasionalmente questi enzimi vengono regolati in modo errato, essendo prodotti in abbondanza. In uno studio pubblicato nel 2017, un team guidato dal Professor Tony Kouzarides del Milner Therapeutics Institute e del Gurdon Institute dell’Università di Cambridge ha mostrato come uno di questi enzimi, METTL3, svolga un ruolo chiave nello sviluppo e nel mantenimento della leucemia mieloide acuta. L’enzima diventa sovraespresso, cioè sovraprodotto, in certi tipi di cellule, portando alla malattia.

- Advertisement -

La leucemia mieloide acuta (LMA) è un tumore del sangue in cui il midollo osseo produce globuli bianchi anormali noti come cellule mieloidi che normalmente proteggono il corpo dalle infezioni e dalla diffusione del danno tissutale. La LMA procede rapidamente e in modo aggressivo, di solito richiede un trattamento immediato e colpisce sia i bambini che gli adulti. Ogni anno nel Regno Unito viene diagnosticata la malattia a circa 3.100 persone, la maggior parte delle quali ha più di 65 anni.

Ora, il Professor Kouzarides e i colleghi della STORM Therapeutics, un capostipite di Cambridge associato al suo team e il Wellcome Sanger Institute, hanno identificato una molecola simile a un farmaco, STM2457, che può inibire l’azione di METTL3. In tessuti coltivati ​​da individui con LMA e in modelli murini della malattia, il team ha dimostrato che il farmaco era in grado di bloccare l’effetto canceroso causato dalla sovraespressione dell’enzima.

Il Professor Kouzarides ha affermato: “Le proteine ​​sono essenziali per il funzionamento del nostro corpo e sono prodotte da un processo che implica la traduzione del nostro DNA in RNA utilizzando enzimi. A volte, questo processo può andare storto con conseguenze potenzialmente devastanti per la salute umana. Fino ad ora, nessuno ha mirato a questo processo essenziale come un modo per combattere il cancro. Questo è l’inizio di una nuova era per le terapie contro il cancro “.

Per studiare il potenziale anti-leucemico di STM2457, i ricercatori hanno testato il farmaco su linee cellulari derivate da pazienti con LMA e hanno scoperto che il farmaco riduceva significativamente la crescita e la proliferazione di queste cellule. Ha anche indotto l’apoptosi – “morte cellulare” – uccidendo le cellule cancerose.

- Advertisement -

Vedi anche:Leucemia mieloide acuta: individuati nuovi potenti farmaci

I ricercatori hanno trapiantato cellule di pazienti con LMA in topi immunocompromessi per modellare la malattia. Quando hanno trattato i topi con STM2457, hanno scoperto che alterava la proliferazione e l’espansione delle cellule trapiantate e prolungava significativamente la durata della vita dei topi. Il nuovo farmaco ha ridotto il numero di cellule leucemiche nel midollo osseo di topo e nella milza, senza mostrare effetti collaterali tossici, incluso nessun effetto sul peso corporeo.

Il Dottor Konstantinos Tzelepis del Milner Therapeutics Institute presso l’Università di Cambridge e il Wellcome Sanger Institute ha aggiunto: “Questo è un nuovissimo campo di ricerca per il cancro e la prima molecola simile a un farmaco del suo tipo ad essere sviluppata. Il suo successo nell’uccidere le cellule leucemiche e prolungare la durata della vita dei nostri topi è molto promettente e speriamo di iniziare i test clinici per testare le molecole nei pazienti già nel prossimo anno. Crediamo anche che questo approccio – che prende di mira questi enzimi – potrebbe essere utilizzato per trattare una vasta gamma di tumori, offrendoci potenzialmente una nuova arma nel nostro arsenale contro queste terribili malattie”.

Michelle Mitchell, amministratore delegato di Cancer Research UK, ha dichiarato: “Questo lavoro è ancora un altro esempio di come i nostri ricercatori si sforzano di ottenere nuovi trattamenti contro il cancro nella clinica e migliorare i risultati per i malati di cancro. La leucemia mieloide acuta è una forma aggressiva di cancro che cresce rapidamente. Il trattamento è richiesto il prima possibile dopo la diagnosi, il che significa che una ricerca come questa non può arrivare abbastanza presto. Non vediamo l’ora di vedere i risultati della sperimentazione di fase 1 e i benefici che potrebbe avere per i malati di LMA e le loro famiglie in futuro”.

Fonte:Nature

 

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...