HomeSaluteTumoriCancro ovarico: Artemisia potenziale anticancro

Cancro ovarico: Artemisia potenziale anticancro

(Cancro ovarico-Immagine: la ricercatrice Kristen Hill, Ph.D., osserva le cellule di cancro ovarico trattate con estratti di artemesia annua. Credito: UK HealthCare Marketing).

Un nuovo studio dei ricercatori dell’Università del Kentucky Markey Cancer mostra che l’Artemisia annua, una pianta che è stata tradizionalmente utilizzata per i suoi componenti anti-malaria, mostra risultati promettenti nel trattamento del cancro ovarico.

Lo studio, recentemente pubblicato su Diagnostics, dimostra che l’Artesunato, un farmaco sintetizzato dall’Artemisia annua, uccide le cellule del cancro ovarico in più sistemi modello preclinico.

- Advertisement -

Nonostante rappresenti solo il 1,3% di tutti i nuovi casi di cancro, il 2,3% delle morti per cancro nel 2021 sono previste per essere causate da cancro ovarico. . Con una sopravvivenza globale a 5 anni inferiore al 50%, il cancro ovarico è la neoplasia ginecologica più mortale. Nonostante queste tristi statistiche, dall’inizio degli anni 2000 c’è stato un piccolo miglioramento nei risultati dei pazienti. L’attuale standard di cura per il cancro ovarico avanzato, che non è cambiato dal 2003, è l’uso di due agenti chemioterapici: Carboplatino e Paclitaxel. In questo studio, i ricercatori hanno determinato che l’Artesunato, sia da solo che in combinazione con Carboplatino e Paclitaxel, ha attività antitumorale a concentrazioni ottenibili in clinica, che supportano l’ulteriore sviluppo clinico di questa strategia.

L’Artesunato è storicamente utilizzato come antimalarico, ma prove emergenti dimostrano la sua attività anti-cancro”, ha affermato Jill Kolesar, PharmD, Professore presso il College of Pharmacy del Regno Unito e Direttore amministrativo della Markey’s Precision Medicine Clinic. “Questo supporta la sua introduzione in clinica e speriamo di avere risultati positivi per questi pazienti, sulla base dei nostri dati preclinici”.

Vedi anche:Identificate le mutazioni genetiche che causano il cancro ovarico

Spiegano gli autori:

- Advertisement -

La scoperta dell’Artemisinina come composto antimalarico nel 1967 è stata un progresso medico significativo, con Tu Youyou che ha ricevuto il premio Nobel nel 2015 per questa stessa scoperta. La nostra comprensione delle sue proprietà fisiche e biochimiche nell’ultimo mezzo secolo ha portato allo sviluppo dell’Artesunato come trattamento efficace contro la malaria. Questo medicinale sicuro e ben tollerato ha anche mostrato una promettente attività antineoplastica in diversi tipi di cancro. L’ Artesunato è un estratto dalla pianta di assenzio dolce, l’Artemisia annua ed è stato utilizzato come riduttore di febbre nella fitoterapia cinese da oltre 2000 anni. L’ Artesunato è attualmente un trattamento standard iniziale per la malaria, ma ha anche dimostrato di possedere un’attività antineoplastica in un ampio spettro di tumori. Viene metabolizzato in una forma più attiva, la diidroartemisinina (DHA), attraverso l’esterasi plasmatica e il CYP3A4 epatico. Sia l’artesunato che il DHA vengono eliminati rapidamente dal corpo con un’emivita di circa 10 minui 1 ora , rispettivamente. Esistono molteplici meccanismi d’azione proposti attraverso i quali l’ Artesunato sradica il Plasmodiumspecie, inclusa la generazione di radicali liberi attraverso un meccanismo dipendente dal ferro eme, l’inibizione del ciclo redox . Tuttavia, c’è meno consenso sul suo ruolo meccanicistico nel trattamento del cancro. Diversi studi in vitro hanno studiato gli effetti dell’Artesunato su un’ampia gamma di tumori maligni. Nel 2003, l’NCI ha esteso questa indagine a un pannello di 55 linee cellulari tumorali che hanno ulteriormente confermato l’attività in vitro dell’ Artesunato in vari tumori. Inoltre, l’Artesunato non è influenzato da molte delle tipiche vie di resistenza ai farmaci. L’ Artesunato ha dimostrato di avere attività clinica nel trattamento del cancro ovarico, ma non è stato studiato in combinazione con le attuali terapie di prima linea. Oltre ai promettenti studi in vitro, l’ Artesunato è stato studiato per la sicurezza e la tollerabilità in aggiunta ai regimi chemioterapici standard, mostrando segnali precoci di efficacia e buona tollerabilità. Questi risultati sono rafforzati dai numerosi studi sulla malaria che ne studiano la sicurezza e la tollerabilità. Data la significativa evidenza di attività in vitro e in vivo, cerchiamo di espandere la conoscenza preclinica esistente sull’Artesunato nel trattamento del cancro ovarico. I punti di forza di questo lavoro includono il gran numero di linee cellulari ovariche e organoidi che mostrano la consistente attività antitumorale di artesunate, la dimostrazione dell’attività aggiuntiva dell’Artesunato in combinazione con terapie standard e i nostri studi RNAseq che supportano il ruolo dell’arresto del ciclo cellulare e generazione di ROS come meccanismo primario dell’attività dell’ Artesunato. È stato dimostrato che l’Artesunato ha attività come agente singolo in una varietà di tipi di cancro. L’attività osservata nel cancro ovarico come agente singolo negli studi in vitro insieme al suo profilo di tossicità favorevole lo rendono un candidato promettente per lo studio nel trattamento del cancro ovarico. Questo studio mira a determinare l’attività e la tempistica ottimale dell’Artesunato in combinazione con Paclitaxel e  Carboplatino“.

Il Kentucky è l’unico stato che attualmente coltiva quantità sostanziali di Artemisia annua, il che significa che il Commonwealth potrebbe diventare un nuovo epicentro per la coltivazione della pianta in tutto il mondo. Il processo di crescita della pianta è simile a quello del tabacco, dando potenzialmente ai coltivatori di tabacco del Kentucky un nuovo raccolto da reddito per integrare i loro redditi. L’Artemisia annua viene coltivata anche nella Spindletop Farm del Regno Unito, dove viene raccolta principalmente per scopi di ricerca all’interno del College of Agriculture, Food and Environment e del College of Pharmacy.

“Stiamo coltivando l’Artemisia nelle fattorie del Kentucky, studiandola nel nostro laboratorio del Kentucky e ora spostandola nelle cliniche del Kentucky”, ha detto Kolesar. “Potenzialmente migliorare l’economia dello stato e sviluppare un trattamento contro il cancro, con questa piangta, è davvero un sogno”.

Fonte:Diagnostics

 

ULTIMI ARTICOLI

Immunoterapia: riprogrammare l’immunità anticancro

Immunoterapia-Immagine Credit Public Domain. Asgard Therapeutics sta portando avanti l'immunoterapia del cancro con una piattaforma di riprogrammazione cellulare diretta, pronta all'uso, che trasforma le cellule...

Nutrigenomica: ciò che mangi può riprogrammare i tuoi geni

Nutrigenomica-Immagine Credit Public Domain. Le persone in genere pensano al cibo come calorie, energia e sostentamento. Tuttavia, le ultime prove suggeriscono che il cibo "parla" anche...

La carenza di vitamina B12 può avere gravi conseguenze

Vitamina B12-Immagine Credit Public Domain. La vitamina B12 è scarsa nella dieta e si trova solo negli alimenti di origine animale. Fortunatamente, gli esseri umani hanno...

“Mangiare un arcobaleno” di frutta e verdura: i benefici di ogni colore

I nutrizionisti ti diranno di mangiare un "arcobaleno di frutta e verdura". Ogni colore indica diversi nutrienti di cui il nostro corpo ha bisogno. I nutrienti...

L’emicrania causa cambiamenti cerebrali

Emicrania-Immagine Credit Public Domain. Un nuovo studio di neuroimaging identifica i malati di emicrania che hanno spazi perivascolari allargati in una regione del cervello chiamata...