HomeSaluteTumoriLeucemia mieloide acuta con mutazione IDH1: Ivosidenib+Azacitidina aumenta la sopravvivenza

Leucemia mieloide acuta con mutazione IDH1: Ivosidenib+Azacitidina aumenta la sopravvivenza

(Leucemia mieloide acuta con mutazione IDH1-Immagine Credit Public Domain).

Rispetto al placebo e all’Azacitidina somministrata da sola, la combinazione di Ivosidenib e Azacitidina prolunga la sopravvivenza libera da eventi nei pazienti con leucemia mieloide acuta con muatzione IDH1 di nuova diagnosi che non sono idonei alla chemioterapia, secondo uno studio pubblicato nel numero del 21 aprile del New England Journal di Medicina.

Pau Montesinos, MD, Ph.D., dell’Hospital Universitari i Politècnic La Fe di Valencia, in Spagna e colleghi hanno condotto uno studio di fase 3 che ha coinvolto pazienti con leucemia mieloide acuta con mutazione IDH1 di nuova diagnosi che non erano idonei alla chemioterapia intensiva di induzione. I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Ivosidenib orale e Azacitidina per via sottocutanea o endovenosa o placebo e Azacitidina abbinati (rispettivamente 72 e 74 pazienti).

- Advertisement -

Ivosidenib and Azacitidine in IDH1-Mutated Acute Myeloid Leukemia | NEJM

Immagine Credit The New England Journal

Vedi anche:Leucemia mieloide acuta: rivelato il ruolo dell’enzima PDK1

I ricercatori hanno scoperto che la sopravvivenza libera da eventi era significativamente più lunga nel gruppo Ivosidenib e Azacitidina rispetto al gruppo placebo e Azacitidina con un follow-up mediano di 12,4 mesi (rapporto di rischio per fallimento del trattamento, recidiva dalla remissione o morte, 0,33). La probabilità stimata che un paziente rimanesse libero da eventi a 12 mesi era rispettivamente del 37 e del 12% nel gruppo Ivosidenib e Azacitidina e nel gruppo placebo e Azacitidina. La sopravvivenza globale mediana è stata rispettivamente di 24,0 e 7,9 mesi nel gruppo Ivosidenib e Azacitidina e nel gruppo placebo e Azacitidina (hazard ratio per la morte, 0,44).

- Advertisement -

“Poiché questo studio ha mostrato un forte miglioramento in tutti i punti finali di efficacia, diventa importante considerare il posizionamento di questa nuova opzione nell’attuale panorama di trattamento, che include regimi a base di Venetoclax”, scrivono gli autori.

Fonte:The news England Journal of Medicine

ULTIMI ARTICOLI

Infezioni batteriche e ferite della pelle: nuovo approccio per il trattamento

(Infezioni batteriche-Immagine: ferita vascolarizzata al microscopio. Credito: Rachel Kratofil). I ricercatori dell'Università di Calgary hanno identificato un nuovo approccio promettente per il trattamento delle infezioni batteriche...

Januvia farmaco per il diabete può contenere tracce di cancerogeno

(Januvia-Immagine Credit Medicalxpress). "Il popolare farmaco per il diabete Januvia può contenere tracce di un probabile cancerogeno, ma i pazienti dovrebbero continuare a usare il...

Cuffia dei rotatori: potenziale trattamento rivoluzionario per la rigenerazione

(Cuffia dei rotatori/Studio-Immagine:Dr. Cato T. Laurencin-Credito UCNN). Un nuovo modo per rigenerare i muscoli potrebbe aiutare a riparare la cuffia dei rotatori nelle spalle danneggiate...

Acufene: svolta nella ricerca di una cura

(Acufene-Immagine Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico). Dopo 20 anni alla ricerca di una cura per l'acufene, i ricercatori dell'UDniversità di Auckland sono entusiasti dei "risultati...

Alimenti fermentati: 4 motivi per cui dovresti mangiarli

(Alimenti fermentati-Immagine Credit Public Domain). Gli alimenti fermentati hanno subito il processo naturale di essere fermentati da batteri, funghi o lieviti benefici. In questo processo,...